Espandi menu
cerca
Santiago, Italia

Regia di Nanni Moretti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Mulligan71

Mulligan71

Iscritto dal 6 aprile 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 40
  • Post -
  • Recensioni 961
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Santiago, Italia

di Mulligan71
7 stelle

Credo siano almeno quasi trent'anni, da "La Cosa", 1990, che Nanni Moretti non girava un documentario. "Santiago, Italia" è una parentesi fra il Cinema di fiction, che negli ultimi anni ha faticato ad entusiasmarmi, ed è una visione interessante, a tratti commovente. Il Cile e la sua tragedia sono ormai diventati un simbolo delle tante, troppe, dittature del secolo passato, e ha sempre lasciato su di me, pur se ne sono venuto a conoscenza successivamente, un segno forte, una rabbia accanita. Moretti si tiene fuori dalla pellicola, intervista gli esiliati in Italia, usa qualche documento dell'epoca, pochi, e riesce, forse nel momento più forte del film, a intervistare, in carcere, anche uno dei torturatori. Liquida quei terribili giorni del settembre 1973, piuttosto velocemente, perché non è questo che gli preme raccontare ma piuttosto la profonda relazione che ci fu fra quel Cile, quella speranza di una società migliore, socialista, e l'Italia di quegli anni, che fu in prima linea nell'accogliere e integrare chi scappava da quella dittatura. L'unico fra i paesi occidentali. E allora, lentamente, emerge un paese che oggi fatichiamo a credere sia esistito, un paese, nel racconto degli ex rifugiati, che hanno messo radici qui, pronto all'accoglienza, generoso e civile. Moretti, attraverso questo pezzo di Storia, dolorosissima e vergognosa, ci pone davanti uno specchio e ci fa vedere che paese miserabile siamo diventati oggi. Quarant'anni fa c'era vita, c'era lotta, c'era una società in tumulto, con i suoi limiti e le sue grandi speranze, e tutto questo lo si ascolta dalla voce dei protagonisti, dei cileni, che nel raccontare la loro storia, raccontano anche la nostra, di quell'Italia là. Un documentario, per il resto, piuttosto normale, classico, che tralascia, però, le banalità e le cose risapute, regalandoci una nuova prospettiva sui giorni tristi di Pinochet. Bello e anche necessario. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati