Espandi menu
cerca
Joker

Regia di Todd Phillips vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 164
  • Post 6
  • Recensioni 771
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Joker

di bufera
10 stelle

Come è nato Joker il nemico di Batman, per ora isolato dal resto della saga. Anche grazie a un memorabile Joaquin Phoenix,il film di Todd Phillips ha ottenuto il Leone d'Oro al 76°festival di Venezia, 2019.

Y

Dei diversi Joker visti finora, da Jack Nicholson a Heath Leger, questo, che nasce come in un prequel in una Gotham City (NewYork) degli anni 80 dove tutto è fatiscente e caotico e alla gente viene pian piano tolto tutto (lavoro, assistenza sanitaria, sicurezza), è il più umano che diventa killer spietato proprio perchè ha una tragica storia personale raccontata da Todd Phillips, regista e sceneggiatore con Scott Silver nel film JOKER del 2019.

 

IL suo nome è Arthur Fleck (Joaquin Phoenix) che vive con la madre anziana e malata e sogna di diventare un cabarettista, come Murray Franklin ( un resuscitato Robert De Niro), noto presentatore televisivo, ma deve accontentarsi di truccarsi da clown e fare il pagliaccio per turisti e bambini per guadagnarsi la vita. Oltretutto l'uomo, in progressivo emaciamento,soffre di un raro disturbo che gli provoca improvvise e incontrollabile risate che lo rendono inviso a chi gli è per caso vicino. Poichè è oggetto di pestaggi da parte di teppisti comuni gli viene prestata da un collega una pistola per difendersi, che gli cade accidentalmente da una tasca mentre intrattiene dei bambini ricoverati in un ospedale pediatrico. Ovviamente per questo viene licenziato e, ancora vestito da pagliaccio, tornando a casa in metropolitana, è di nuovo pestato da un gruppo di yuppy: ma questa volta Arthur estrae la pistola e li uccide.

 

Da qui il susseguirsi di scoperte sulla sua vita, madre psicopatica che lo ha adottato e ha permesso che il patrigno abusasse di lui sin da piccolo e la presa in giro in tv del suo provino da parte del suo idolo Franklin, provocano l'esplosione dell'odio in quell'anima persa che si dichiara in tv responsabile dell'uccisione dei broker e poi spara in diretta al presentatore.....seguono ancora molteplici uccisioni fino a quando Arthur, nominato Joker da Franklin stesso, è internato nell'ospedale psichiatrico,dove ucciderà ancora, mentre la città in tumulto si affolla di soggetti vestiti da clown ispiratisi a lui in cerca di giustizia......

 

La trama è molto complessa ed il regista,avvezzo a commedie non sempre riesce a presentare i fatti tragici con neutrale convinzione. D'altronde per chi scrive Arthur fa pena e orrore insieme. Le riprese della città piena di pagliacci in tumulto sono molto efficaci, come gli interni squallidi e con primissimi piani al limite del mostruoso di Phoenix,che ha perso 24 chili e ha assunto la grinta e la risata del personaggio, dopo molti studi su persone affette dal disturbo emotivo di origine neurologica (pseudobulbar affect),oltre a leggere libri sugli attentatori di politici  ,e altri personaggi importanti. Il suo perfezionismo gli ha fatto metabolizzare tutto rendendo questa figura verosimile e quasi propria.

 

Adeguati i componenti del cast e le musiche di Hildur Guonadòttir, la fotografia di Lawrence Sher e la scenografia di Mark Friedberg  che immergono lo spettatorere nel buio di Gotham City fatiscente e insopportabile.....

Film, a mio modesto avviso, imperdibile.

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati