Espandi menu
cerca
Tutto il mio folle amore

Regia di Gabriele Salvatores vedi scheda film

Recensioni

L'autore

hallorann

hallorann

Iscritto dal 7 ottobre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 89
  • Post 12
  • Recensioni 534
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Tutto il mio folle amore

di hallorann
9 stelle

Il cinema latitudinare ed esotico di Gabriele Salvatores si arricchisce di un nuovo titolo, tra i migliori della sua filmografia.

 

Tutto il mio folle amore” è la sintesi perfetta del concetto cinematografico di contaminazione di generi sostenuta dal regista NapoMilanese. Domenico Modugno è il nume non tanto recondito, infatti lo stesso titolo del film, significante per il tema trattato, riprende un verso della canzone “Cosa sono le nuvole”. Willi è un emulo nel portare le canzoni e il suo canto per feste nei Paesi Balcanici (sempre al limite di un mondo altro da qui). Nel fare un po’ cialtronesco di Willi, nel grande cuore e nella interpretazione stupenda di Claudio Santamaria c’è tutto il carattere sanguigno del cantante di Volare. Oggi, a distanza di anni, il mondo dell’autore di “Mediterraneo” ci appare come un altrove libero che si muove per conto proprio. Parallelo, come le due vite vissute dal protagonista Vincent: un sedicenne afflitto dal disturbo dello spettro autistico che con mamma Elena (una Valeria Golino nuotatrice indolente e tenace) e papà adottivo Mario (un Diego Abatantuono maturo e impeccabile) si scherma nella “stereotipia” normale, familiare; con il vero papà Willi Poi vive un’avventura on the road. Qui il racconta si illumina, apre scenari e nuove occasioni, la contaminatio di Salvatores si potenzia di nuovi tasselli stilistici ed emotivi. E’ proprio l’emotività il termometro della pellicola. E’ come se il ritmo e i gesti irregolari dell’autistico Vincent (un Giulio Pranno strappalacrime, più vero del vero) si impossessassero del film stesso, dandogli quella vitalità ed espressività improvvisa e non calcolata del personaggio. Willi con la sua spontaneità, con il suo essere padre imbranato “gestisce” un figlio diversamente abile nel modo giusto. Vincent è come noi e quando alla fine bella mamma lo salverà, lui sceglierà quella parte, perché è quella del cuore. Agli altri due non resterà che un saluto, un naso finto e un insegnamento per ripartire: fase 1, fase 2.

 

locandina

Tutto il mio folle amore (2019): locandina

 

Tutto il mio folle amore” non è altro che l’ennesimo film di Gabriele Salvatores sul sentimento dell’amicizia (tra un padre e un figlio) e sul desiderio di fuga come motore centrale della vita e di se stessi. Al contempo è una cinematografia rinnovata e sperimentale, di frontiera, post punk, post hippie, a muso duro contro il superfluo contemporaneo.

 

Claudio Santamaria, Giulio Pranno

Tutto il mio folle amore (2019): Claudio Santamaria, Giulio Pranno

 

Valeria Golino, Diego Abatantuono

Tutto il mio folle amore (2019): Valeria Golino, Diego Abatantuono

 

Claudio Santamaria, Giulio Pranno

Tutto il mio folle amore (2019): Claudio Santamaria, Giulio Pranno

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati