Espandi menu
cerca
La rabbia giovane

Regia di Terrence Malick vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 172
  • Post 9
  • Recensioni 972
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La rabbia giovane

di bufera
8 stelle

Opera prima di Terrence Malick che fa, ispirandosi a una storia vera, un film insolito e prezioso per il cinema americano

locandina

La rabbia giovane (1973): locandina

 

La rabbia giovane (Badlands) è un film del 1973 diretto da Terrence Malick al suo debutto come regista, anche autore del soggetto, della sceneggiatura, produttore ed interprete in un piccolo ruolo. La storia è vagamente ispirata ad un fatto di cronaca nera del 1958, quando una serie di omicidi investì il MidWest degli Stati uniti ad opera di una coppia di giovani.

 

 

1959, Dakota del Sud, L'insoddisfatto venticinquenne Kit Carruthers (un giovanissimo Martin Sheen), che si atteggia a James Dean, ma deve adattarsi ai lavori più sgradevoli (spazzino, manovale in un macello), inizia una relazione con la quindicenne Holly (Sissy Spacek) affascinato dal suo sguardo innocente. La ragazza, che è la voice off per tutto il film, ha perso da piccola la madre, ama molto il suo cane e ha un padre burbero e severo.Infatti egli esprime la propria disapprovazione per questo sconveniente rapporto prima uccidendo il cane della figlia, poi, quando Kit lo informa che il rapporto con Holly è una cosa seria, lo caccia intimandogli di non farsi più vedere. ne

 

 

Ma Kit insiste tornando nella casa e quando l'uomo lo caccia di nuovo, senza alcuna esitazione, lo uccide in presenza di Holly, che mostra una totale indifferenza per la morte dell'unico genitore. Kit provoca l'incendio della casa, dopo aver raccolto le cose più utili e lei, non batte ciglio, vuota o succube delì'innamorato, che ancora non conosce bene, anche perchè di lui non sa nulla,da dove viene se ha una famiglia e che vita ha fatto prima. In un primo momento i due vivono in solitudine, in mezzo alla natura selvatica, con vari espedienti e godendos il loro"amore",ma l'idillio durerà poco.

 

 

Nei loro spostamenti incontrano persone che possono essere un pericolo e Kit le uccide con totale distacco emotivo, anche in presenza di Holly, come se fosse un gioco. La ragazza assorbe tutta questa violenza senza fiatare, lamentandosi solo della scomodità di quella vita, senza igiene e con un vitto monotono (semprela carne dei bovini che Kit uccide) e comincia a guardare con occhi disamorati e un po'critici il delinquente con il quale si è accoppiata.

 

 

Quando i loro delitti diventano noti e sono inseguiti dalla polizia, i due iniziano una fuga per le praterie del Dakota del Sud e Montana per raggiungere il Canada, durante la quale Kit lascia dietro di sé una scia di sangue. Quando Holly decide di non seguirlo più in quella che aveva affrontato come una romantica avventura per poi scoprire una realtà ben diversa, Kit continua la fuga da solo, ma presto si lascia catturare, senza tentare di superare il confine con il  Canada e senza opporre alcuna resistenza, comportandosi come persona educata e gentile, guadagandosi la simpatia degli agenti che lo hanno ammanettato. Anche Holly viene catturata ma per lei sarà tutto diverso.....                 

 

Film del regista texano filosofo.che comincia appena a mostrarci il suo stile, con ripetute vedute in campo lungo delle praterie e delle montagne e inquadrature di piante o animali ripresi da vicino. Anche se la storia è piuttosto banale lui la ammanta di un'aura tra epica  e/o favolistica, senza renderla spietata anche grazie ad una bellissima e varia colonna sonora, tra cui una canzone di Nat King Cole al ritmo della quale i due ragazzi ballano una notte prima che accada il peggio. Riferendomi al bellissimo e recente The hidden life mi è sembrato di notare che quando Malick è alle preso con una storia realmente accaduta, dia più spazio per i personaggi, ma è solo una mia impressione. La provincia americana appare come "un paradiso perduto ( sonnolento) che rifiuterebbe la violenza" ( Mereghetti).

Notevole l'interpretazione degli allora giovanssimi Martin Sheen e Sissy Spacek

 

Nel 1993 il film è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. 

Martin Sheen, Sissy Spacek

La rabbia giovane (1973): Martin Sheen, Sissy Spacek

Martin Sheen

La rabbia giovane (1973): Martin Sheen

scena

La rabbia giovane (1973): scena

Martin Sheen, Sissy Spacek, Ramon Bieri

La rabbia giovane (1973): Martin Sheen, Sissy Spacek, Ramon Bieri

scena

La rabbia giovane (1973): scena

Sissy Spacek, Martin Sheen

La rabbia giovane (1973): Sissy Spacek, Martin Sheen

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati