Espandi menu
cerca
Il Signor Diavolo

Regia di Pupi Avati vedi scheda film

Recensioni

L'autore

port cros

port cros

Iscritto dall'8 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 22
  • Post 3
  • Recensioni 286
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il Signor Diavolo

di port cros
4 stelle

Ma i veneti, d**can, parlan così? Poi nei primi anni 50, quando molti dei personaggi verosimilmente non avrebbero manco saputo l’italiano…. Se non si voleva fare un film sottotitolato si poteva almeno pretendere dagli attori che recitassero con l’accento veneziano. A parte questo, non fa paura.

Filippo Franchini

Il Signor Diavolo (2019): Filippo Franchini

Ma i veneti, d**can, parlan così? Poi nei primi anni 50, quando molti dei personaggi verosimilmente non avrebbero manco saputo l’italiano…. Se non si voleva fare un film sottotitolato si poteva almeno pretendere dagli attori che recitassero con l’accento veneziano. Invece, a parte Chiara Caselli, tutti a parlare con dizione ita-standard, quando non affiora addirittura qualche inflessione del Centro. Il che, per un’opera che dovrebbe continuare il filone dell’horror padano inaugurati dall’autore negli anni 70, mi pare un difetto non da poco.

 

Questo è un aspetto che mi ha subito indisposto nella visione del film a cui si è aggiunta la legnosità di certi interpreti, in primis il bambino su cui si regge buona parte del film, e pertanto ci si poteva sforzare di trovare un attore più espressivo e che ci mettesse un po’ di convinzione nel recitare le battute. Peggio di lui solo la squinzia che si fa vedere nuda dai ragazzini, che per fortuna appare in un numero ridotto di scene.

 

Inoltre va detto che, come horror, non fa paura. Gli unici punti seriamente inquietanti sono l’uccisione del maiale e poco altro. Il primo momento di paura dopo i titoli di testa, quello della manifestazione del fantasma durante i compiti, è talmente annunciato da strappare soltanto uno sbadiglio.

Non dico che di buono non ci sia nulla: alcuni bravi interpreti (Caselli, Haber), le belle riprese della Laguna, qualche inquadratura dal basso, una fotografia curata. Ma l’impressione generale è di un’opera discontinua, che aveva un buon potenziale non sfruttato appieno. Ed il finale?! Pure quello delude, fiacco e sbrigativo…

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati