Espandi menu
cerca

Trama

Charles è uno studente parigino che vive per contro proprio. È anticonformista, pacifista ed ecologista. Mentre altri giovani si riuniscono per discutere di politica, manifestare o sensibilizzare l'opinione pubblica, lui capisce che tutto questo è inutile perché il male del mondo è inestirpabile e gli uomini viaggiano su una nave di folli. Comprata una pistola, chiede a un amico drogato di ucciderlo, di notte, nel cimitero del "Père Lachaise" a Parigi.

Note

Girato in flashback a partire dalla notizia della morte del giovane, è una rigorosa discesa negli inferi del disagio e del malessere esistenziale emersi con forza negli "anni di piombo". Metaforica "via crucis" di un Gesù laico e terribilmente giovane.

Commenti (5) vedi tutti

  • Che strazio di film. Il regista si sarà divertito a girarlo, io molto meno a vederlo.

    commento di valeriemanifesta
  • palloso... beh grazie! è in lingua originale! sottotitolato! comunque... è Bresson! che vi aspettavate?!

    commento di LoLori
  • Sarà anche un capolavoro ma è noiso ed è (secondo me) anche mal recitato.Questa è il tipo di film che registro e  conservo nella cartella "palle galattiche"

    commento di mangianni
  • Il diavolo non ha la coda, vive tra gli ingranaggi della macchina mondo che procede meccanicamente verso l'autodistruzione. Senza colpevoli ne innocenti, dove ognuno è contemporanemante vittima e carnefice.

    commento di michel
  • La vita è senza speranza e non resta che un'unica soluzione. E' il film più pessimista di Bresson e forse anche il più lucido nella sua analisi dell'animo umano.

    commento di popoff
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

FABIO1971 di FABIO1971
8 stelle

"Stupendo, per tranquillizzare la gente basta negare l'evidenza". "Quale evidenza? Siamo in pieno soprannaturale, niente è visibile...". [Antoine Monnier e Henri De Maublanc] Parigi, 1977: Charles (Antoine Monnier), di famiglia agiata, ha abbandonato genitori e studi: è in caduta libera in un vuoto senza fondo, "non ha più voglia di fare niente". "Ma non ci sono… leggi tutto

12 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

jonas di jonas
6 stelle

Due articoli di giornale introducono un flashback sugli ultimi sei mesi di vita di un giovane che pratica un pacato nichilismo e tende all’autodistruzione. Bresson non è certo un regista che mi appassiona, anche se lo guardo con rispetto: difficile mandare giù personaggi che si muovono come zombi, senza mai sorridere o almeno cambiare espressione. Se non fosse per ciò… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alfatocoferolo di alfatocoferolo
4 stelle

Pastone intellettualoide con testi adatti al teatro piuttosto che allo schermo televisivo o cinematografico. La noia la fa da padrona grazie all'assenza (voluta) di espressività degli attori ed al loro tono di voce monocorde ed impersonale. Recitano, è evidente e non fingono nemmeno di rappresentare una qualche sorta di manifestazione reale; tutto è pacato e finalizzato a focalizzare… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020

La morte che rimane

Peppe Comune di Peppe Comune

Quando dimenticare già significa morire, e curarsi della morte vuol dire sottrarre la vita dalle pene dell'oblio. I corpi dei defunti stanno lì, immobili, e si fanno specchio della triste solitudine…

leggi tutto
2019
2019
2016
2016
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

galaverna di galaverna
7 stelle

Se non fosse per il finale di una fredda e lucida visionarietà, questa non rappresenta certo la migliore opera di Bresson, troppo impegnato a divincolarsi nei meandri della personalità contorta ed auto distruttiva del protagonista e nei vani tentativi di chi gli sta accanto di districare la matassa di pensieri ed ossessioni suicide che ne avviluppano la mente come una sorta di…

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2015
2015
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

jonas di jonas
6 stelle

Due articoli di giornale introducono un flashback sugli ultimi sei mesi di vita di un giovane che pratica un pacato nichilismo e tende all’autodistruzione. Bresson non è certo un regista che mi appassiona, anche se lo guardo con rispetto: difficile mandare giù personaggi che si muovono come zombi, senza mai sorridere o almeno cambiare espressione. Se non fosse per ciò…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2014
2014

Introvabili cercasi

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista

"Mi piacerebbe tanto rivederlo, ma non esiste più in commercio..." "Ce l'avevo registrato, ma sarebbe bello se lo pubblicassero finalmente in dvd..." "L'ho visto una volta in televisione quando ero piccolo e…

leggi tutto

PlayList Libera

vicky13 di vicky13

 ci sei riuscito   Che non sia un Eterno Saluto, ma un Arrivederci,  spero.     L'uomo che cammina sui pezzi di vetro dicono ha due anime e un sesso di ramo duro il cuore e una luna e…

leggi tutto

Recensione

Baliverna di Baliverna
8 stelle

E' un film rigoroso e rarefatto, come molte delle opere del maestro francese. Gli attori recitano come in stato di trance, o forse non recitano, ma dicono solo delle cose. Queste sono spesso ermetiche, da pensarci sopra un paio di volte; qualche volta incomprensibili ma mai banali. La recitazione stranita non è un difetto del film, ma deriva da precise indicazioni del regista, il quale…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

chribio1 di chribio1
5 stelle

Mi ha fatto sobbalzare dal ridere l'Opinione (anzi la Recensione) di OrsoAudace che e' tremendamente in linea con le mie riflessioni ! Arrivando al mio pensiero,avrei iniziato proprio cosi' : ottima la Fotografia,bravi gli Attori tutti giovani e aperti a nuove "Teorie di vita",dopo 10' Ti vedi anche dei pezzi tratti da uccisioni di Foche ed altre barbarie che purtroppo conosciamo bene e…

leggi tutto
Recensione

Recensione

ed wood di ed wood
8 stelle

E’ forse l’opera più sfaccettata, composita, multiforme, stratificata di Robert Bresson. Dopo aver chiarito una volta per tutto il nocciolo della sua poetica nel definitivo e purissimo “Mouchette”, che infatti è assieme a “Pickpocket” il film bressoniano più compatto ed influente sui suoi tanti, sparsi seguaci, al grande cineasta-asceta francese non restò che svariare,…

leggi tutto

Recensione

orsoaudace di orsoaudace
4 stelle

Vedo una buona fotografia a colori, per essere nel 1977, ma sono dieci minuti che provo a seguirlo e mi sale una voglia di suicidio che non è esattamente quello che cerco in un film. Palla mostruosa rallegrata da scene di ammazzamenti di cuccioli di foca (ecco dove si è isipirato il Molleggiato!) inquinamento, previsioni apocalittiche per il futuro, parlano di buco nell'ozono, insomma tutte le…

leggi tutto
Recensione
2012
2012
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

alfatocoferolo di alfatocoferolo
4 stelle

Pastone intellettualoide con testi adatti al teatro piuttosto che allo schermo televisivo o cinematografico. La noia la fa da padrona grazie all'assenza (voluta) di espressività degli attori ed al loro tono di voce monocorde ed impersonale. Recitano, è evidente e non fingono nemmeno di rappresentare una qualche sorta di manifestazione reale; tutto è pacato e finalizzato a focalizzare…

leggi tutto
2011
2011

Il Diavolo. Oggi.

maurri 63 di maurri 63

Da tempo non pubblicavo una play. Già, il tempo: è ciò che mi manca. Eppure, proprio quando siamo affacendati in mille cose, quando sembra che tutto vada bene, si affaccia il male. Un dolore, un acuto terribile, la…

leggi tutto

Recensione

ligeti di ligeti
8 stelle

«Ma dottore io non sono malato… Non è una malattia veder chiaro». È Charles, il giovane protagonista de Il diavolo probabilmente…, a parlare, davanti ad uno psicanalista, nel penultimo film di Bresson, premiato con l’Orso d’Argento a Berlino. Charles è un giovane ragazzo che, sull’onda libertaria del Sessantotto, ha abbandonato la famiglia e vive da solo. Lo sguardo di Bresson…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito