Espandi menu
cerca
La città sconvolta: caccia spietata ai rapitori

Regia di Fernando di Leo vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 91
  • Post 64
  • Recensioni 4474
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La città sconvolta: caccia spietata ai rapitori

di sasso67
8 stelle

Con un paio d'anni d'anticipo sul "Borghese piccolo piccolo" di Cerami - Monicelli - Sordi, Di Leo mette in scena un cittadino che si fa giustizia da sé, come il Charles Bronson del "Giustiziere della notte". Ad un'ideologia barbarica da condannare corrisponde un film un po' confuso, non certo il migliore del regista pugliese. Però vi sono alcuni pezzi di bravura, e se, pur nel trionfo di J&B, Fernet Branca, Cinzano e acqua Pejo, Luc Merenda è quasi credibile, sovrasta tutti un grandissimo Vittorio Caprioli, nella parte di un commissario sentenzioso, esperto e rassegnato, che rappresenta una burocrazia poliziesca, asservita al potere economico, che la sa lunga ma che non può fare niente. Anche Marino Masè è bravo nella parte del turpe killer.

Sulla trama

Una banda di malviventi rapisce il figlio di un industriale e per errore anche il figlio di un meccanico. Mentre il riccone tratta con i rapitori, questi uccidono il figlio dell'artigiano che comunque non può pagare il riscatto: il padre si vendicherà di mandanti ed esecutori materiali.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati