Espandi menu
cerca
Top Gun: Maverick

Regia di Joseph Kosinski vedi scheda film

Recensioni

L'autore

axe

axe

Iscritto dal 23 marzo 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 27
  • Post -
  • Recensioni 1239
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Top Gun: Maverick

di axe
7 stelle

Il capitano Pete Mitchell, detto Maverick, è un pilota collaudatore della Marina degli Stati Uniti. Conseguito brevetto della Top Gun, prestigiosa scuola di combattimento aereo della medesima arma, nonostante le eccezionali capacità e l'età, ormai avanzata, non è avanzato molto di grado, a causa delle sue intemperanze, conservando, tuttavia, un ruolo che gli consente di volare, attività che preferisce ad ogni altra. Dopo aver distrutto, nel corso di un test, un velivolo in fase sperimentale, è nuovamente inviato presso la scuola Top Gun, ove gli viene assegnato il compito di addestrare giovani "eccellenze" al fine di portare a termine una missione molto difficile: distruggere un impianto di arricchimento uranio installato da uno "stato canaglia", in un luogo quasi inaccessibile e ben protetto. Presso la scuola, "Maverick" incontra il suo protettore ed amico, l'ammiraglio "Iceman", malato terminale di cancro, la sua vecchia fiamma Penny, ed un buon numero piloti, giovani ed entusiasti, tra i quali "Rooster", figlio del suo vecchio compagno Nick, morto nel corso di un volo insieme a lui. La presenza di questo giovane, assolutamente non entusiasta nel rivederlo, lo porta a fare i conti con il passato; ma il tempo stringe. Il giorno scelto per compiere la missione si avvicina sempre di più. Seguito di "Top Gun", grande classico d'azione degli anni '80, "Top Gun - Maverick" ne riprende gli elementi principali, rielaborandoli con l'intenzione di essere un'opera al passo con i tempi senza trascurare quanto esposto in passato. Al centro dell'attenzione del regista, Joseph Kosinski, sono il personaggio di "Maverick" ed il mondo dei "Top Gun". Convenzioni, formalismi e necessità militari, pur indispensabili nella gestione dei rapporti tra questi fuoriclasse e l'arma di appartenenza, vengono in secondo piano. I membri della scuola "Top Gun" amano volare, essere liberi, sfidare i limiti imposti dalla natura e dalla tecnologia, portarsi alla soglia della loro capacità di resistenza. I pericoli fanno parte della loro quotidianità; ciò li spinge a vivere la vita al massimo, anche sotto il profilo relazionale. Una forte condivisione di emozioni e sentimenti è il miglior modo per stemperare le tensioni; li vediamo dunque sorridenti, ottimisti, affiatati, seppure con differenze tra l'uno e l'altro. "Maverick" - il maturo pilota vedrà in ognuno di quei ragazzi l'immagine di sè stesso una trentina di anni prima - può capirli. L'addestramento che impartisce non è legato tanto alla pianificazione della missione quanto al consolidare lo spirito di gruppo. Il protagonista non può fare a meno di regolare alcune questioni rimaste in sospeso. Riallaccia il rapporto con Penny, conduttrice del locale ove i giovani della scuola di volo passano il tempo libero; tenta di dialogare con "Rooster", cosa molto difficile a causa della morte del papà del giovane. Molte cose non dette rendono ardua la riconciliazione; gradualmente, tuttavia, i due piloti si riavvicinano. Gli eventi dell'ultima parte del racconto mostrano quanto, in realtà, tengano l'uno all'altro. L'azione, prevalente in tale fase, non è elemento predominante del film, ma le molte sequenze aeree sono veramente spettacolari, sia quelle girate a bordo dei "Super Hornet", sia quelle legate a velivoli di fantasia, creati in computer-grafica. le ambientazioni variano da località statunitensi desertiche e marine, prossime a basi militari, al disomogeneo territorio nemico - un non precisato "stato canaglia" - costituito da montagne innevate rapidamente digradanti nel mare. Il ruolo del protagonista appartiene a Tom Cruise. L'attore statunitense reca i segni del passare del tempo, ma è ancora in ottima forma; il suo personaggio esprime voglia di vivere, indipendenza, determinazione. "Maverick" non è, tuttavia, un individualista. Amicizie, affetti, sono molto importanti per lui. Se l'amore con Penny rinasce ... per semplice contatto, entrare in sintonia con i giovani piloti della prestigiosa scuola non è altrettanto facile; impresa ancor più difficile è abbattere le barriere che lo dividono da "Rooster". Pete, dunque, s'impegna in tal senso, soffrendo per le difficoltà, ma perseverando e cercando sempre di far la cosa più giusta. Non manca, nel film, una buona dose di retorica patriottica filoamericana; gli "alti papaveri" dell'esercito non fanno mai una gran figura di fronte a "Maverick" ed i suoi ragazzi; li intralciano, in ossequio ai mille regolamenti e convenzioni militari, ma con scarso successo; e, in ultima analisi, sono soddisfatti ed orgogliosi dei loro uomini operativi, i quali hanno modo di impiegare le loro non comuni doti nella lotta contro i "cattivi", nel caso specifico, come già scritto, rappresentati da una non precisata potenza nemica, minacciosa per l'alleanza Nato. Il realismo non è elemento forte del film; come potrebbe la portaerei che trasporta i velivoli assegnati ai personaggi, avvicinarsi tanto ad una nazione ostile senza essere individuata ? Ma, del resto, ciò non è fondamentale. "Top Gun - Maverick" non è un film di guerra; è azione, avventura e sentimento. Non ho mai amato, ne' visto, almeno negli ultimi vent'anni, il prequel; ne ho solo ricordi nebulosi. Ho avuto modo quasi per caso di vedere questo seguito; le mie aspettative non erano alte. Forse per questo motivo, sono rimasto piacevolmente sorpreso. Il film racconta le gesta di formidabili piloti tramite notevoli sequenze d'azione, e la storia di un uomo che si confronta con il proprio passato, chiudendone alcuni capitoli, aprendone altri. Divertente, appassionante, a tratti toccante.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati