Espandi menu
cerca
Top Gun: Maverick

Regia di Joseph Kosinski vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Mike.Wazowski

Mike.Wazowski

Iscritto dal 12 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 95
  • Post 65
  • Recensioni 209
  • Playlist 85
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Top Gun: Maverick

di Mike.Wazowski
8 stelle

eccellente sequel dell'originale datato 1986. Pura nostalgia tanto quanto il sequel di Ghostbusters (2021).

locandina

Top Gun: Maverick (2021): locandina

Mi fanno particolarmente ridere quelli che usano temini e nomi "propaganda"  "retorica" "Regan" etc. sulla valutazione del primo film di Top Gun, a distanza di anni quando nel momento in cui lo si è visto non eravamo manca poco capaci di andare in gelateria da soli, perchè diciamocelo Top Gun come del resto questo sequel sono semplicemente puro intrattenimento di testosterone maschile a chi ce lo ha più lungo.

Come lo è stato sempre negli stessi anni "Uomini veri" (1983) dove pure li si permettevano di prendere aerei prototipi, di miliardi di dollari, distruggerli per rimanere nel mito dei record e delle prodezze, senza ricevere alcun disonore o ammenda, e se si riesce a passare questo a considerare la velocità di mach 10 "non 10.1!!" ma noi sappiamo già che Mav andrà ben oltre che la supererà di gran lunga ben prima che salga su quell'aereo, bene se questo ci risulterà pura eroicità e ci lasceremo andare al divertimento ridondante dei duelli aerei, vi giuro che verrà molta più paura nel momento in cui Mav guiderà la sua moto senza casco. Da notare che i piloti nemici non rappresentati come schiappe ma pure loro abili di manovre eccezionali da mettere in difficoltà il nostro beniamino, un sequel veramente fatto bene con tutti i momenti eccellenti per farci venire i brividi su quanto tempo sia passato, dove pure l'ingresso del figlio di Goose, Rooster negli stessi panni di suo padre fa esclamare di pancia "Ma daiii!", oltre a utilizzare quasi lo stesso escamotage sulla conoscenza di chi sia l'istruttore delle reclute dopo una parziale pessima figura di incontro, nel precedente la McGillis ora lo stesso Cruise. Ma è la nostalgia messa nel momento giusto la chiave corretta per il buon risultato di tali interventi di restyling, lo aveva già capito dopo molto tempo Sylvester Stallone con "Rocky Balboa" (2006) e ancora più recentemente in "Ghostbusters: Legacy" (2021). Da non sottovalutare l'effetto richiamo neppure tanto nascosto a "Star Wars", ma non è niente rispetto a mettere nell'intro il classicissimo pezzo di Top Gun originale, in quel momento hanno avuto la mia totale attenzione, potevano farmi quel che gli pare la gioia era infinita.

voto 9

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati