Espandi menu
cerca
Non ci resta che il crimine

Regia di Massimiliano Bruno vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 143
  • Post 16
  • Recensioni 9570
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Non ci resta che il crimine

di mm40
3 stelle

Tre cinquantenni romani, ossessionati dalla banda della Magliana, trovano casualmente dentro a un bar un passaggio spaziotemporale che li trasporta nel 1982. Rivedranno l’Italia vincere i mondiali, ma anche le gesta della terribile banda criminale.

Per quanto non scendano mai ai livelli dei cinepanettoni, le commedie dirette da Massimiliano Bruno riescono sempre a coniugare il più totale disimpegno e delle trame sottili sottili nel segno della ricerca della massima popolarità; e cosa c’è di più popolare, nel cinema nostrano del 2019, di un gruppetto di cinquantenni con la fissa della banda della Magliana? Le due costanti di questi anni (la generazione di interpreti attorno al mezzo secolo di età e un inusitato fascino da parte della criminalità organizzata) si uniscono ancora una volta sullo schermo, mettendo insieme i vari (e azzeccati, ça va sans dire) Alessandro Gassman, Edoardo Leo, Gianmarco Tognazzi, Marco Giallini e lo stesso Bruno, oltre alla giovane star roman(esc)a del momento, cioè Ilenia Pastorelli, e Antonello Fassari in una parte minore, con le gesta truci e delinquenziali dei criminali della Magliana: di più non c’è qui. Il prodotto è comunque piacevole entro i suoi stretti limiti e la confezione non è buttata via, ma davvero – al di là della poca originalità della storia (sceneggiatura del regista, di Nicola Guaglianone, di Roberto Marchionni detto Menotti e di Andrea Bassi) – non si può parlare né di film notevole, memorabile, né tantomeno necessario. Domina il già visto nelle gag e nelle dinamiche fra i personaggi, mentre la delinquenza vede sottrarsi la sua patina di immoralità e pericolosità per trovare nuova luce grazie al richiamo del proibito e alla verve della (romanesca) cafoneria ridanciana. 3/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati