Espandi menu
cerca
Non ci resta che il crimine

Regia di Massimiliano Bruno vedi scheda film

Recensioni

L'autore

undying

undying

Iscritto dal 10 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 27
  • Post 20
  • Recensioni 708
  • Playlist 17
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Non ci resta che il crimine

di undying
5 stelle

Classica commedia all'italiana in patinato stile post duemila, con l'ironia forzatamente inserita su un contesto noir. Nonostante la professionalità dell'intero cast, il risultato non è certo dei migliori.

locandina

Non ci resta che il crimine (2019): locandina

 

Giuseppe (Gianmarco Tognazzi), Sebastiano (Alessandro Gassmann) e Moreno (Marco Giallini), sono tre amici che ripercorrono, a Roma, le zone caratteristiche che hanno visto in azione la banda della Magliana. Loro intenzione sarebbe quella di farne un'attività mirata a guidare turisti incuriositi. Mentre tentano di fuggire dal più spocchioso Gianfranco (lo stesso regista Massimiliano Bruno) i tre si ritrovano inaspettatamente nel mezzo di una folla esultante per i Mondiali di calcio. Non impiegano molto a capire che si tratta dell'edizione del 1982 e, in breve, si trovano faccia a faccia con il passato, rappresentato proprio dal gruppo criminale della Magliana.

 

scena

Non ci resta che il crimine (2019): scena

 

L'attore, sceneggiatore e regista Massimiliano Bruno prende chiaramente spunto, sin dal titolo, da Troisi e Benigni (Non ci resta che piangere, 1984) spostando ovviamente il contesto in un passato relativamente più recente. Se la scenografia, supportata dalla cura della messa in scena - caratterizzata da costumi, auto d'epoca, pettinature e pezzi musicali sui generis- rappresenta il pezzo forte del film (eccezionale la rapina in banca, con il gruppo di malviventi truccato come i Kiss e i Rockets), purtroppo meno coinvolgente (e ingiustificato) è il nucleo narrativo. Il come e perché i tre protagonisti (in parte figli d'arte) si ritrovano a vivere proprio in quegli anni, non è minimamente motivato.

 

Alessandro Gassman, Ilenia Pastorelli

Non ci resta che il crimine (2019): Alessandro Gassman, Ilenia Pastorelli

 

Certo, in un film di questo tipo, quel che conta è il grado di affinità con il cinema del periodo (ovvero Anni '80). E da questo punto di vista, Non ci resta che il crimine, non sfiora nemmeno lontanamente il genere. Primo, perché raschia il fondo del barile mostrando una configurazione un po' commedia, un po' noir, e molto (pasticciatamente) fantastico; secondo, per un insieme di gag che dovrebbero far ridere. Alle quali il pubblico, in sala, reagisce: ma non spontaneamente. Con un riso che sembra guidato, sforzato, mai puramente evocato. Da segnalare il "valore aggiunto", rappresentato da una modica (ma d'effetto) dose di erotismo, ironicamente esposto e ben rappresentato dalla sensuale (e brava) Ilenia Pastorelli, ottima attrice in precedenza premiata per l'eccezionale performance in Lo chiamavano Jeeg Robot.

 

Ilenia Pastorelli, Edoardo Leo, Gianmarco Tognazzi

Non ci resta che il crimine (2019): Ilenia Pastorelli, Edoardo Leo, Gianmarco Tognazzi

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati