Espandi menu
cerca
Spacewalker - Il tempo dei primi

Regia di Dmitriy Kiselev vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Mulligan71

Mulligan71

Iscritto dal 6 aprile 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 40
  • Post -
  • Recensioni 961
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Spacewalker - Il tempo dei primi

di Mulligan71
8 stelle

La corsa allo Spazio riguardò, negli anni sessanta, le due grandi rivali, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica. Gli astronauti contro i cosmonauti, termine, questo, che mi ha sempre affascinato. Il Cinema, su questi argomenti, essendo quasi sempre di stampo americano, ci ha raccontato quasi tutto dell'epopea a stelle e strisce, mentre ben poco ci è pervenuto da est. Kiselev, regista russo a me sconosciuto, ci racconta la storia di due coraggiosi cosmonauti sovietici, Aleksej Leonov e Pavel Beljaev, che nel marzo del 1965 furono sparati nello spazio per effettuare la prima "camminata" nel cosmo. Lo fa in un film stupefacente, per qualità e intensità. Dà un taglio alla Spielberg a tutta la vicenda e tira fuori dal cilindro o, meglio, dalla tuta spaziale, un'opera visivamente splendida, con i tempi giusti, con l'epica necessaria, dove il miglior film d'azione sci-fi si mischia con la storia e i suoi eroi, è proprio il caso di dirlo. Quella che doveva essere una missione certamente pionieristica e avventata, per arrivare prima degli odiati nemici, si trasforma anche in un'avventura mozzafiato, curata nei minimi dettagli, recitata bene e senza le solite facce e la "grandeur" hollywoodiana. Cento volte meglio questo film di quella baggianata di "Gravity", tanto per citarne uno. Certo, Kiselev, nell'impianto, paga qualcosa al Cinema americano, ma tutto il resto è tenuto a freno, dalle smargiassate alla retorica, che pur deve storicamente esserci. Una bellissima sorpresa, da una terra cinematografica generalmente più vicina a un Cinema  più compassato e introspettivo.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati