Espandi menu
cerca
Green Book

Regia di Peter Farrelly vedi scheda film

Commenti brevi
  • Tema furbetto e politicamente corretto che tradisce il nuovo corso (?) di uno dei due dissacranti fratelli della commedia grottesca hollywoodiana. Niente guizzi, si gigioneggia sul versante della strana coppia di diversamente americani Mortensen-Ali e si finisce alla Frank Capra con l'aggiunta di un posto a tavola per Natale.

    commento di maurizio73
  • Assai prevedibile e penso che l'Oscar sia un po' esagerato anche se il razzismo che pervade negli stati del sud sia talmente inetto che merita la visione del film.

    commento di ezio
  • Storia di crescita e riscatto di due uomini agli antipodi eppure simili, negli Stati Uniti degli anni '60, tanto moderni quanto ancora immersi in un clima di discriminazione. Pur nei toni della commedia, affronta temi di un certo peso e la visione scorre tra sorrisi e riflessione, grazie anche alla bella prova dei due formidabili protagonisti.

    commento di Fanny Sally
  • Da non perdere. Prevedibile e sorprendente allo stesso tempo. Una amicizia commovente tra anticonformisti coraggiosi in un film che vorresti non finisse così presto. Voto 8.

    commento di albicla
  • Meriterebbe il massimo dei voti ma cade in tre errori fatali.

    leggi la recensione completa di Joeycruel
  • Gran bel film con grande coppia di protagonisti ...

    leggi la recensione completa di daniele64
  • Come giustamente ha scritto Liberti su Cineforum, il film fa parte mdi quella categoria di prodotti che appassionano gli spettatori ma che lasciano i critici (nella migliore delle ipotesi) con la bocca storta. Un film furbo insomma, si potrà dire.. ma anche un film furbo non è poi così semplice da realizzare.

    commento di millertropico
  • Lo sanno tutti che gli opposti si attraggono .

    leggi la recensione completa di Lellina65
  • Farrelly, facendo leva soprattutto sulla forza del messaggio che ha inteso veicolare, utilizza quelli che potremmo definire tutti gli stereotipi etnici e razziali del periodo in cui è ambientata questa vicenda (il 1962 e realiuzza un'opera che è un miracolo di equilibrio e intelligenza. Ottimi gli interpeti e buona la sceneggiatura.

    leggi la recensione completa di spopola
  • Un film semplice ma perfetto.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • Quella "strana coppia" che si completa,uno l'opposto dell'altro,ma sia l'uno che l'altro non possono fare a meno del proprio opposto per guardare alla vita con occhi e punti di vista diversi. E' un film agrodolce che guarda al passato per riportare ciò che è giusto e sbagliato,immaginando il presente e il futuro con ottimismo e fratellanza

    leggi la recensione completa di Infinity94
  • Nascita di un'amicizia fra un buttafuori italo-americano che fa l'autista e un pianista nero nell'America bacchettona e razzista degli anni '60. Un road movie agrodolce, con un Viggo Mortensen inedito e simpatico e un ottimo Mahershala Alì.

    leggi la recensione completa di Marco Poggi
  • Ritorno alla tradizione.

    leggi la recensione completa di kubritch
  • Semplicemente magnifico! Storia e Interpreti super, scenografia magistrale. Scorrevole, mai banale, forte e potente in alcune scene che ben dipingono il razzismo di allora... ma che ancora cova in molte parti del mondo! Credo che film come questo possano solo fare del bene a tutti Noi.

    commento di mike53
  • Un film che è uno stato di grazia

    leggi la recensione completa di siro17
  • Un divertente encomio all'importanza dei rapporti umani, ma anche una lezione sul razzismo.

    leggi la recensione completa di Malpaso
  • Invito al buon cinema.

    leggi la recensione completa di LAMPUR
  • Sono 125 dollari a settimana. E se non ti va bene prendi come autista il cinese imbalsamato che sta aspettando fuori.

    leggi la recensione completa di ManuelaZarattini
  • Film di un genere dejà vu.. ma è sempre emozionante vedere nascere una grande amicizia fra 2 persone molto diverse ma con la stessa grande sensibilità.. punto vincente è la sua storia vera e la crudele realtà nel sud degli USA ancora negli anni '60.. regia e interpretazione ottime.. voto 8

    commento di nicelady55
  • Il gestore della sala ha definito il film: "delizioso". Ritengo sia una sintesi efficace. Ottimi i personaggi, da Oscar?

    commento di Arpo05
  • Un bel film, utile, attuale, godibile, semplice, profondo. Vorresti che durasse due ore in più.

    commento di andenko
  • Un buon film, girato con misura ed equilibrio, con attori splendidi; un on the road che, come si conviene, è un vero viaggio di conoscenza e di formazione dei protagonisti; un racconto destinato a piacere a un largo pubblico, senza essere volgare o facilone. Naturalmente, da vedere.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • uno dei meriti maggiori di questo piacevole film dalla regia ahimè un po' piatta, è quello di aver (ri)portato alla luce Don Shirley, musicista ignoto ai più, anche attraverso il lavoro di trascrizione a orecchio e ri-sincrnonizzazione di alcuni del brani del Nostro da parte di Kris Bowers. inoltre M. Ali è molto convincente quando suona.

    commento di giovenosta
  • A Daisy, con spasso!

    leggi la recensione completa di leporello
  • Opera "on the road" sullo sfondo dell'America segregazionista degli anni 60.Il binomio tra l'artista raffinato di colore e il verace autista italoamericano funziona bene, peccato per la prevedibilità del racconto....

    commento di GIMON 82
  • Un film bellissimo e amaro allo stesso tempo, che mostra come la comprensione e l'amicizia delle anime semplici aiutano a superare il buio dell'ottusità e dell'ipocrisia sociale.

    leggi la recensione completa di PETRAgrafico88
  • Una sceneggiatura ben congegnata e due eccellenti attori protagonisti contribuiscono alla riuscita di una intelligente commedia brillante sul tema del razzismo e di come fronteggiarlo conservando intatta la propria dignità.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Una coppia già improbabile di suo fermandosi all’apparenza, ma guardando oltre scopri un bianco “segregato” nel suo essere italiano, e un nero “disconosciuto”, nel suo essere colto e privilegiato. La storia scivola piuttosto prevedibile, ma i due protagonisti giganteggiano e rendono questo film un’imperdibile alternanza di ironia e dramma.

    commento di fipi
  • Quando c'è bellezza, sensibilità, eleganza, ironia, professionalità, cultura, simpatia e un pò di umanità allora si toccano i vertici. E' questo il caso del film Green book. Per chi non lo sapesse il Green book era in realtà una sorta di atlante per gli spostamenti dei neri negli anno '60 in America, una lista di alberghi, motel e luoghi dove era

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Gran bel film con due ottimi attori…...una piacevolissima sorpresa

    commento di ripley2001
  • Una bella storia raccontata come una bella favola da un regista che fino ad oggi aveva seguito ben altro genere, Peter Farrelly, che invece in questa occasione (la maturità?) non manca di precisione e di doti per realizzare un ottimo film, che emoziona il giusto.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Il film più bello degli ultimi anni

    leggi la recensione completa di Leviathan
  • Senza alcuna intenzione di ammorbidire o edulcorare alcunche, il cuore duro e serissimo del film è alleggerito dal tono scanzonato del racconto. Perché Green Book fa ridere, fa ridere di gusto alla pari di quanto fa riflettere, mantenendo un equilibrio che non sa mai di forzatura.

    leggi la recensione completa di pazuzu