Trama

Dopo una delle loro sessioni di taccheggio, Osamu e il figlio si imbattono in una bambina lasciata al freddo. Seppur dapprima riluttante, la moglie di Osamu accetta di prendersene cura dopo avere appreso le difficoltà che la piccola deve affrontare. Sebbene la famiglia sia povera e guadagni solo lo stretto necessario per sopravvivere, tutti sono felici finché un incidente imprevisto porta alla luce segreti tenuti ben nascosti, mettendo alla prova ogni legame.

Approfondimento

UN AFFARE DI FAMIGLIA: STORIA DI UN ORDINARIO CRIMINE

Diretto e sceneggiato da Hirokazu Koreeda, Un affare di famiglia racconta la storia di Osamu, un uomo che, di ritorno con il figlio Shota da una delle tante azioni di taccheggio, raccoglie per la strada una bambina che sembra abbandonata a se stessa. Riluttante in un primo momento a tenerla in casa per la notte, la moglie di Osamu accetta di prendersi cura della piccola quando si rende conto che i genitori la stanno maltrattando. Nonostante la povertà e le piccole rapine messe a segno per arrotondare magri stipendi, la famiglia sembra vivere felice fino a quando un incidente rivela brutalmente i loro più terribili segreti.

Con la direzione della fotografia di Ryûto Kondô, le scenografie di Keiko Mitsumatsu, i costumi di Kazuko Kurosawa e le musiche di Haruomi Hosono, Un affare di famiglia viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2018: "Ho iniziato a pensare a Un affare di famiglia quando ho sentito alcune storie di famiglie che, per sopravvivere alla miseria, hanno continuato a percepire la pensione di vecchiaia dei loro cari defunti da tempo. In Giappone, crimini come questo, le frodi ai danni delle assicurazioni e lo spingere i figli a rubare sono puniti gravemente. Certo, è legittimo denunciare gli autori di tali atti ma mi chiedo il perché di tanta rabbia nei confronti di reati insignificanti a confronto di altro molto più gravi che rimangono impuniti. Dopo il terremoto del 2011, ho iniziato a pormi domande sull'importanza dei legami familiari e, per tale ragione, ho voluto esplorare la natura di tali rapporti all'interno di un nucleo tenuto insieme dal crimine.

Un affare di famiglia è la storia di un uomo che tenta di fare il padre ma è anche la storia dell'iniziazione di un giovane ragazzo. Come in Nobody Knows c'è al centro una famiglia modesta ma questa volta si tratta di una famiglia disfunzionale, che cova molta rabbia nei confronti della società che la circonda".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Un affare di famiglia è Hirokazu Koreeda, regista e sceneggiatore giapponese. Nato a Tokyo nel 1962, Koreeda ha cominciato a lavorare nel mondo dei documentari televisivi agli inizi degli anni Novanta, dopo essersi laureato nel 1987 alla Waseda, e ha presentato il suo primo lungometraggio, Maborosi, al… Vedi tutto

Commenti (11) vedi tutti

  • Non se ne puo' parlare male,ha uno sfondo sociale realistico....solo un po' lunghetto...io l'avrei accorciato di almeno venti minuti....e l'avrei piu' virato verso il dramma che non in commedia.

    commento di ezio
  • Un film (quasi) perfetto che squarcia i “canoni” convenzionali della famiglia

    leggi la recensione completa di siro17
  • Qual'è la vera famiglia, quella del sangue che maltratta e disprezza la picola yuri o quella degli"zingari" tra i quali non c'è alcun legame di sangue, ma si amano e arrivano a soccorrere ed amare la piccola? Dove è la vera ricchezza, quella del benessere o quella dell'essere buoni? Questo film fa molto riflettere sull'ipocrisia della società.

    commento di sorry
  • la gioia è anche quella di una bella passeggiata sul mare che con le sue acque tranquille sembra capace di cacellare i dolori e le angosce del mondo, almeno prima della furia che potrebbe cancellare ogni cosa

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Una famiglia è quella del certificato chiamato “stato di famiglia” o si può autodefinire così semplicemente quando i conviventi vivono felici, compresi, nutriti, dormono assieme, si aiutano e contribuiscono con il proprio apporto per una armoniosa convivenza e stabiliscono forti legami? Hirokazu Koreeda va oltre ogni convenzione.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Uno, due, l'asino e il bue. Tre, quattro, il topo e il gattto. Cinque, sei, dimmi chi sei. Sette, otto... asino cotto.

    leggi la recensione completa di leporello
  • Nessuno dovrebbe crescere sapendo che non è stato voluto

    leggi la recensione completa di ManuelaZarattini
  • "Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre"

    commento di Marsil_Claritz
  • Palma d’Oro al 71esimo Festival di Cannes Un affare di famiglia dà un altro tocco all’affresco che ha cominciato a dipingere nel ’95, con Maborosi, proseguendo con una filmografia che ogni volta ha tracciato nuove traiettorie esistenziali, ora individuali, ora sociali, ora di coppia.

    leggi la recensione completa di yume
  • Bellissimo, semplicemente bellissimo.

    commento di RosaRosaRosa
  • Kore Eda non si stanca mai di analizzare il tema delle relazioni familiari ed ogni volta sa adottare un punto di vista profondo ed originale, col consueto stile delicato e minimalista. Che cosa renda un gruppo umano una famiglia e la diversità tra norme legali e regole dell'affetto sono tra le domande che il regista giapponese ci porge stavolta.

    leggi la recensione completa di port cros
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
9 stelle

E’ il mio primo incontro con il cinema di Koreeda, forse il più acclamato regista giapponese contemporaneo. Vincitore di una Palma d’oro che appare assegnata con merito, il film avrà una distribuzione inevitabilmente limitata, e quindi va visto senza esitazione. E’ un dramma domestico che segue le vicende di una famiglia fittizia, dove i legami non sono dettati… leggi tutto

16 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

leporello di leporello
6 stelle

   Film drammaticamente spezzato in due tronconi. Il primo,  piuttosto noioso, occupa i tre quarti del tempo totale e, oltre che a servire a introdurre (in maniera solo apparentemente distratta) alcuni aspetti della vicenda che si riveleranno poi cruciali, per il resto gira un po’ pigramente su se stesso, rotolandosi in mezzo a ripetute scene di vita quotidiana… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2019
2019

Recensione

kubritch di kubritch
8 stelle

La funzione dell'arte è di mostrarci, di portare all'evidenza, ciò cui non facciamo caso; ciò che rimuoviamo dalla nostra percezione. Il film in esame ci riesce appieno. Forse a livello puramente figurativo non c'è nulla di rilevante. L'originalità riguarda la parte drammaturgica,  che ci accompagna lentamente verso al scoperta di una realtà ben…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 10 voti
vedi tutti

Recensione

obyone di obyone
8 stelle

  La casa, piccola e malconcia, è un retaggio dell'architettura lignea soppiantata dalle moderne strutture antisismiche giapponesi. Come un vaso di coccio, tra vasi di ferro, resiste alla speculazione edilizia ma si sta sfasciando come il corpo anziano di Hatsue, la sua vecchia proprietaria. Uno scossone e potrebbe cadere o, forse, potrebbe restare in piedi, puntellata dalle…

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

penelope68 di penelope68
6 stelle

Osamu e Shota fanno il loro giro quotidiano tentando qualche furto per poter sbancare il lunario . Al ritorno a casa trovano una bimba abbandonata e in condizioni misere . Allora decidono di portarla a casa loro dove c è la moglie, la cognata e la nonnina . O almeno cosi appare . Col passare del tempo però si scoprirà che non è una famiglia normale e uno dopo l' altro…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 10 voti
vedi tutti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 15 voti
vedi tutti

Recensione

siro17 di siro17
7 stelle

Diciamo subito, il film rasenta la perfezione, ma è una perfezione leggermente costruita, l’impressione è che l’esercizio stilistico sia, a tratti, un po’ fine a se stesso (creando qualche sbadiglio), ma è un peccato veniale. Parliamo infatti di un film potente, che crea uno squarcio sui luoghi comuni della famiglia, sul concetto di felicità, sul…

leggi tutto

Recensione

zombi di zombi
8 stelle

una famiglia è ciò che si vede o ciò che si sente?... vedere una bambina che gioca al gelo di una sera di febbraio sul balcone, mentre i genitori dentro litigano e fanno a botte, non disdegnando di accanirsi pure sulla piccina con bruciature e tagli, e prenderla per sottrarla all'assideramento per poi decidere di non riportarla al desco famigliare e far decidere a lei…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

dondraper di dondraper
8 stelle

Si può percorrere un viaggio alla ricerca del senso dello stare insieme, di quella socievolezza che è alla base dell'essere uomini. E si incontra la cellula primordiale della famiglia di cui la società civile si compone.   Kore'eda con sguardo acuto tenta un'arguta riflessione scivolando in un canto anarchico in cui cerca di smascherare i meccanismi oppressivi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 42 voti
vedi tutti

Recensione

stefanocapasso di stefanocapasso
8 stelle

In una piccola baracca vive una comunità eterogenea composta da quelli che appaiono essere mebri di una famiglia tradizionale: genitori, figli, nonna. Vivono arrangiandosi come possono, e un giorno trovano in strada una bambina che accolgono nella loro famiglia. Poco a poco si scoprirà che nessuno dei componenti è legato da vincoli sanguigni. Kore'eda Hirokazu mette in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

diomede917 di diomede917
7 stelle

 Il vincitore della Palma D'Oro 2018 è un film fatto di domande. Domande che non hanno una risposta precisa o comunque una risposta tradizionale. Sono domande che ti pongono dei dubbi e poche certezze alla fine del film. Si è genitori perchè si mette al mondo dei figli? Cosa è veramente la famiglia? Un nucleo di persone o un concentrato di gesti di affetto e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito