Espandi menu
cerca
Il Cardellino

Regia di John Crowley vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 295
  • Post 204
  • Recensioni 5719
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il Cardellino

di alan smithee
6 stelle

locandina

Il Cardellino (2019): locandina

Un bimbo di nome Theo rimane orfano della madre quando costei, in sua compagnia, lo sta accompagnando a far visita al Metropolitan Museum of Art, in una pausa prima di un impegno. Un attentatore si fa esplodere e, tra le vittime, figura anche la mamma del bimbo, che si era allontanata dal figlio per visitare una sala in particolare, lasciando il ragazzo a contemplare un quadro di un cardellino, opera di pregio unica di un pittore dall'aurea misteriosa, e quadro a lungo frutto di tortuose vicissitudini e poco chiari scambi di proprietà. fatto sta che, tra il fumo e i detriti generati dall'esplosione, un visitatore morente mette in mano al ragazzo la piccola tela rimasta indenne anche in quella occasione, dandogli disposizione di portarla in salvo.

Il quadro, in qualche modo condizionerà molto la vita un po' turbolenta del ragazzo, diviso per i primi anni tra le premure e l'affetto di una famiglia d'adozione facoltosa rappresentata dai genitori di un amico di scuola di Theo, e un padre irresponsabile e dipendente dall'alcol che finirà per rivendicarlo senza poterlo far crescere con criterio.

Oakes Fegley, Nicole Kidman, Boyd Gaines

Il Cardellino (2019): Oakes Fegley, Nicole Kidman, Boyd Gaines

Ansel Elgort, Nicole Kidman

Il Cardellino (2019): Ansel Elgort, Nicole Kidman

Seguendo un vortice narrativo incalzante, opera dell'abile sceneggiatore Peter Straughan (suoi gli script, alcune volte validi, altre volte un po' farragginosi, de L'uomo che fissa le capre, Il debito, La talpa, Frank, L'uomo di neve), ed una serie di spericolati flash back che il regista John Crowley (piuttosto valido nei suoi riusciti Intermission, Boy A, Brooklyn, un po' meno nel thriller Closed Circuit del 2013) dimostra di saper gestire con saldo mestiere, questo Il cardellino presenta i tratti spurii del dramma a sfondo sentimentale, con tinte thriller legate all'intrigo verso cui si avviluppa il misterioso ed indistruttibile quadro, destinato già poco tempo dopo la sua genesi, a viver avventure rocambolesche tra furti ed incendi che lo rendono un oggetto avvolto nel mistero e quasi un simbolo di culto.

Anche per Theo il quadro rappresenterà un susseguirsi di fortune e di guai che finiranno per rivelarsi determinanti nella tormentata vita del giovane.

Ad interpretare il protagonista ci pensano due bravi attori: il ragazzo Oakes Fegley, protagonista già notevole ne La stanza delle meraviglie di Todd Haynes, e poi quel Ansel Elgort ora protagonista del West Side Story di Spielberg, ed ormai ad un passo dal divismo più consolidato.

 

scena

Il Cardellino (2019): scena

Ansel Elgort

Il Cardellino (2019): Ansel Elgort

Oakes Fegley, Luke Wilson

Il Cardellino (2019): Oakes Fegley, Luke Wilson

Nel cast figura anche Luke Wilson nei panni dell'irresponsabile padre di Theo, mentre Sarah Paulson veste i panni un po' sciroccati della sua stravagante nuova compagna.

Ma è Nicole Kidman, nei panni della apparentemente irreprensibile, ma in realtà assai premurosa e piena di affetti signora Barbour, a fare la parte del leone, permettendo alla star di dare vita ad un altro personaggio assai sfaccettato e a suo modo misterioso che lo spettatore riesce a definire poco per volta, man mano che la storia tutta salti temporali e vicissitudini, compie il suo tortuoso corso.

Fatta e rifatta, la Kidman sa ringiovanire ed invecchiare ostentando una notervole credibilità scenica, a conferma ulteriore di come la sua presenza spesso faccia la differenza sulla qualità del prodotto fonito.

Tratto dal corposo omonimo romanzo di Donna Tartt, Il cardellino è un'opera non esente da lungaggini e sentimentalismi a volte un po' troppo ostentati, ma anche un film che riesce a farsi seguire lungo i suoi quasi 150 minuti di durata, comunque poca cosa rispetto alle quasi novecento pagine del celebre romanzo, grazie ad un certo dono di sintesi e ad una abilità nel condensare tutta una serie di avvenimenti, spesso ricorrendo a spostamenti temporali in grado di riassumerne i dettagli.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati