Trama

Mirko e Manolo sono due giovani amici della periferia di Roma. Sono due bravi ragazzi fino al momento in cui, guidando a tarda notte, investono un uomo e decidono di scappare. La tragedia si trasforma in un apparente colpo di fortuna: l'uomo che hanno ucciso è un pentito di un clan criminale di zona e facendolo fuori i due ragazzi si sono guadagnati un ruolo, rispetto e il denaro che non hanno mai avuto. Il loro è un biglietto d'entrata per l'inferno che scambiano per un lasciapassare verso il paradiso.

Approfondimento

LA TERRA DELL'ABBASTANZA: L'INFERNO DEI VIVENTI

Scritto e diretto dai fratelli Damiano e Fabio D'Innocenzo, La terra dell'abbastanza racconta la storia di Mirko e Manolo, due migliori amici che vivono alla periferia di Roma. Entrambi poveri e con genitori single, sono ancora in età scolastica e si adoperano in lavoretti occasionali per arrivare a fine mese. Insieme condividono sogni di donne, di sesso e di denaro, sperando in una vita futura migliore. Dopo aver ucciso un uomo durante una folle notte, rimangono coinvolti con la mafia locale e le loro vite cambiano drasticamente. Da un momento all'altro, si ritrovano a eseguire gli ordini dei loro nuovi capi e a sporcarsi le mani di sangue. Attirati dai soldi facili e dalle illusioni di una carriera folgorante, non riescono a rendersi conto delle conseguenze della loro scelta. Ben presto, la vita negli inferi diventerà estremamente dura e Mirko e Manolo si scollegheranno dalla famiglia e dagli ex amici, andando incontro a una spirale verso il basso che sembra senza fine.

Con la direzione della fotografia di Paolo Carnera, le scenografie di Paolo Bonfini, i costumi di Massimo Cantini Parrini e le musiche di Toni Bruna, La terra dell'abbastanza viene così raccontato dai due registi in occasione della partecipazione del film nella sezione Panorama del Festival di Berlino 2018: "L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Queste parole appartengono a Italo Calvino. Noi volevamo realizzare un film che raccontasse quanto facilmente ci siamo abituati al male. I due personaggi principali uccidono accidentalmente un uomo e poi scelgono la via più semplice: il silenzio. Ma i fantasmi di quanto accaduto non danno loro tregua. E così iniziano a combattere il loro senso di colpa in maniera inaspettata: scelgono di aggiungere ulteriori strati alla loro disumanizzazione piuttosto che cercare di purificarsi da quello che è successo. Quando si profila miracolosamente l'opportunità di entrare nella sfera criminale, i due credono di aver scoperto il loro percorso alternativo: si abituano al male fino al punto di smettere di percepire qualsiasi cosa, persino la loro coscienza. In un mondo in cui la sofferenza è sinonimo di debolezza, Mirko e Manolo si spingono da soli oltre il punto di non ritorno per vedere quanto possono fingere di non provare nulla. Purtroppo, sono loro stessi a pagarne il prezzo: si può fingere fino alla fine. Non c'è un punto di non ritorno, c'è solo la morte. Quando il sangue non ci turba più e la paura cessa di essere un meccanismo di difesa, la violenza diventa l'unica lingua comprensibile... una lingua che brucia la terra ovunque la si parli, indipendentemente dal background delle vittime. Cruciali per la struttura narrativa sono le figure genitoriali dei due ragazzi. Sebbene agli antipodi, sono entrambi vittime dell'inesorabile piega tragica degli eventi: da un lato, c'è la spirale di un padre che, più immaturo dei due giovani protagonisti, spinge il figlio verso il treno che lui stesso ha perso e che continua a inseguire ostinatamente; dall'altro lato, c'è una madre che, al contrario, sta cercando invano di fermare quel treno".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La terra dell'abbastanza sono i fratelli Damiano e Fabio D'Innocenzo. Nati nel 1988, sono entrambi registi e sceneggiatori. Hanno trascorso la loro infanzia alla periferia di Roma dipingendo, scrivendo poesie e scattando fotografie. Senza avere alle spalle nessuna formazione classica in regia, fanno il… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Una storia sbagliata, canterebbe De André. Un piccolo noir di periferia, dove la violenza e il crimine sono rappresentati nel loro aspetto più misero e volgare. Un debutto notevole. Passate parola.

    leggi la recensione completa di brianwilson
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

champagne1 di champagne1
7 stelle

Mirko e Manolo sono poco più che diciottenni, figli di una delle più brutte periferie metropolitane, e per cause fortuite abbandonano la scuola alberghiera ed entrano a far parte del mondo criminale che li circonda e che forse non era neanche all'apice delle loro aspirazioni. Ma le nuove esperienze li trasformeranno in fretta in individui ricchi e adulti, portandoli a diventare… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

nickoftime di nickoftime
6 stelle

Da un po’ di tempo a questa parte nel cinema italiano si è verificato un cambio di prospettiva che al concetto di marginalità, intesa come luogo dell’anima, ne ha visto affiancarsi un altro, svincolato da caratteristiche di tipo esistenziale e più che altro legato alla geografia del territorio e all’occupazione materiale dello spazio fisico. Dalla… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensione

axe di axe
8 stelle

Ascesa e caduta di due giovanissimi criminali, in un contesto di "desertificazione" morale. In una moderna e degradata periferia romana, Mirko e Manolo, due tardo-adolescenti appartenenti a famiglie disgregate che a stento sopravvivono, discutono di cosa fare dopo la scuola; avviandosi con l'automobile, involontariamente investono ed uccidono un collaboratore di giustizia. Mal consigliato dal…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
8 stelle

Esordire senza una vera scuola di regia alle spalle parrebbe un azzardo, ma i fratelli Damiano e Fabio D'Innocenzo sorprendono tutti, con un film molto bello, in cui non sbagliano nulla. Già il titolo è splendido e rivelatore e se potrebbe rimandare alla solita commediola sui tempi magri dell'italia, è invece un ritratto amaro e più vero del vero, del paese che siamo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL DI BERLINO 2018 - PANORAMA Il senso di colpa e di tragedia che affligge l’onesto che si trasforma senza volere in assassino, muta in un sentimento antitetico di vanto e gloria da sfruttare a fin di lucro, quando si scopre che la persona investita non è un innocente qualunque, ma un pentito informatore della polizia, braccato dalle cosche del quartiere periferico romano…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 14 voti
vedi tutti

Recensione

diomede917 di diomede917
7 stelle

C'è aria nuova e soprattutto fresca che sta arrivando nel cinema italiano. Dopo Marco Danieli e Roberto De Paolis registi dei bellissimi La Ragazza del mondo e Cuori Puri eccoli arrivare direttamente dalla Berlinale e dal pool di sceneggiatori di Ddogman i Gemelli D'Innocenzo. La Terra dell'abbastanza si colloca direttamente dal percorso iniziato con Gomorra e che ha in Non essere…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

barabbovich di barabbovich
8 stelle

Mirko (Olivetti) e Manolo (Carpenzano) sono amici da quando andavano alle scuole elementari, a Ostia. Nonostante l'età, non hanno ancora finito la scuola alberghiera che frequentano a stento in vista di un futuro quanto mai incerto. Una sera, mentre rientrano a casa, investono un uomo e scappano. Scoprono che quell'uomo è un collaboratore di giustizia al quale un boss locale…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

champagne1 di champagne1
7 stelle

Mirko e Manolo sono poco più che diciottenni, figli di una delle più brutte periferie metropolitane, e per cause fortuite abbandonano la scuola alberghiera ed entrano a far parte del mondo criminale che li circonda e che forse non era neanche all'apice delle loro aspirazioni. Ma le nuove esperienze li trasformeranno in fretta in individui ricchi e adulti, portandoli a diventare…

leggi tutto

Recensione

nickoftime di nickoftime
6 stelle

Da un po’ di tempo a questa parte nel cinema italiano si è verificato un cambio di prospettiva che al concetto di marginalità, intesa come luogo dell’anima, ne ha visto affiancarsi un altro, svincolato da caratteristiche di tipo esistenziale e più che altro legato alla geografia del territorio e all’occupazione materiale dello spazio fisico. Dalla…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Zagarosh di Zagarosh
7 stelle

L’opera prima dei gemelli D’Innocenzo narra una vicenda per nulla originale, quella di due ragazzi che riescono ad accedere ad una organizzazione mafiosa con lo scopo di cambiare la loro condizione di miseria e fare soldi, eppure i due la osservano con uno sguardo che elimina l’epica dalla narrazione criminale (quella che ci fa appassionare alle vicende che seguiamo) per…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

brianwilson di brianwilson
8 stelle

  Dicono d'averci messo sei anni, bussando di qua e di là, per realizzare il loro primo film. I fratelli D'Innocenzo, due ragazzi dal forte accento romano e la verve istrionica, alla fine ce l'hanno fatta. Ed ecco “La terra dell'abbastanza”, un piccolo film che s'è già guadagnato buone recensioni all'ultimo festival di Berlino. Come hanno raccontato di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Uscito nelle sale italiane il 4 giugno 2018
locandina
Foto
Andrea Carpenzano, Matteo Olivetti
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito