La donna dello scrittore

play

Regia di Christian Petzold

Con Paula Beer, Franz Rogowski, Godehard Giese, Lilien Batman, Maryam Zaree, Barbara Auer, Matthias Brandt, Sebastian Hülk, Emilie de Preissac... Vedi cast completo

Guardalo su
  • RakutenTv
  • RakutenTv
  • Google Play
  • Google Play
In STREAMING

Trama

Le truppe tedesche avanzano verso Parigi. Georg, rifugiato tedesco, scappa via e raggiunge Marsiglia, portando con sé i documenti dello scrittore Weidel, suicidatosi qualche tempo prima: lettere manoscritte e un visto per il Messico. Poiché a Marsiglia possono rimanere solo coloro che sono in transito, Georg decide di spacciarsi per Weidel. Ha in mente di iniziare una nuova vita altrove ma tutto per lui cambia il giorno in cui incontra la misteriosa Marie e se ne innamora. Sebbene condivida la sua vita con il dottor Richard, Marie continua a cercare il marito, un uomo che si dice aver fatto la sua comparsa a Marsiglia con un visto messicano per lui e la moglie.

Approfondimento

LA DONNA DELLO SCRITTORE: IN BILICO TRA L'IERI E IL DOMANI

Diretto e sceneggiato da Christian Petzold, La donna dello scrittore si basa sul romanzo Transit di Anna Seghers, scritto nel 1942 a Marsiglia. Sfruttando un inedito parallelismo tra la Marsiglia del passato e quella contemporanea, Petzold racconta la storia di un amore quasi impossibile sullo sfondo di temi come la fuga, l'esilio e la ricerca di un posto chiamato casa. La vicenda ha inizio quando le truppe tedesche si fanno strada rapidamente verso Parigi e Georg, un rifugiato tedesco, si rifugia a Marsiglia appena in tempo per evitare il peggio. Nel suo bagaglio, Georg ha i documenti di uno scrittore, Weidel, che si è suicidato per paura dei persecutori. I documenti di Weidel includono un manoscritto, lettere e un visto rilasciato dall'ambasciata messicana. Per rimanere a Marsiglia, il visto è necessario: la città ospita solamente coloro che hanno visti, permessi e biglietti per navi che portano all'estero. Pur di salvarsi, Georg decide di assumere l'identità di Weidel studiandone ogni dettaglio. Nell'attesa di andare via, si muove tra i rifugiati del posto e stringe amicizia con Driss, il figlio del suo amico Heinz morto della fuga. Nella sua mente iniziano così a farsi avanti delle domande: perché andare via a tutti i costi? Un nuovo inizio non è forse possibile ovunque? Tutto nella sua esistenza cambia nuovamente quando si innamora della misteriosa Marie, che per ragioni forse di convenienza ha condiviso la sua vita con il dottor Richard prima di mettersi alla ricerca del marito scomparso. Di quest'ultimo, si dice che sia a Marsiglia e in possesso di un visto per lui e per la moglie...

Con la direzione della fotografia di Hans Fromm, le scenografie di K.D. Gruber, i costumi di Katharina Ost e le musiche composte da Stefan Will, La donna dello scrittore viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Berlino 2018: "L'autobiografia di George K. Glaser contiene una frase meravigliosa che pressappoco dice così: Improvvisamente, mentre il mio volo giungeva a termine, mi ritrovai circondato da qualcosa che ho definito silenzio storico. Georg K. Glaser era un comunista tedesco vissuto nello stesso periodo in cui la scrittrice Anna Seghers ha ambientato il suo romanzo Transit. Glaser è scappato dapprima in Francia e poi nella sua "zona franca" non occupata, a cui apparteneva la città di Marsiglia. Il silenzio storico è qualcosa di paragonabile all'assenza di vento o all'aria ferma: la brezza smette di spingere la barca a vela, che rimane avvolta dalla vastità delle acque del mare in mezzo al nulla. I passeggeri di questa barca, avvolti dal silenzio storico, sono cancellati dalla storia e dalla vita, rimanendo bloccati nello spazio e nel tempo.

Le persone in La donna dello scrittore sono messe all'angolo a Marsiglia, dove aspettano navi, visti e ulteriori lasciapassare. Ieri come oggi, sono in fuga ma non possono né tornare indietro né andare oltre. Nessuno li prenderà o si prenderà cura di loro. Passerebbero inosservati se non fosse per la polizia, i collaborazionisti e le telecamere di sicurezza. Sono fantasmi di confine, tra la vita e la morte, tra l'ieri e il domani. Il presente non li riconosce o tiene in considerazione. Il cinema ama i fantasmi. Forse perché anch'esso è uno spazio di transito, un regno provvisorio in cui tutti noi, gli spettatori, siamo contemporaneamente assenti e presenti.

Le persone in La donna dello scrittore aspettano di essere travolte dal flusso e dalla brezza, di essere messe in movimento. Desiderano una storia propria e sono al centro di un frammento di un romanzo lasciato da un'autrice, di una frammento su un racconto di fuga, amore, senso di colpa e lealtà. La donna dello scrittore è la storia di come queste persone trasformino il frammento di racconto nella propria storia.

La donna dello scrittore non è un film storico. Sebbene l'azione si svolga negli anni Quaranta, ho scelto di ambientarlo nella moderna Marsiglia. Non ho voluto ricostruire il passato e la ragione è semplice: il mondo di oggi è pieno di rifugiati. Viviamo in un'Europa di "rinazionalizzazione" e non ho voluto nascondermi dietro alla faccia del film storico".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La donna dello scrittore è Christian Petzold, regista e sceneggiatore tedesco. Nato nel 1960, Petzold ha studiato filologia germanica e teatro alla Libera Università di Berlino prima di cominciare a studiare regia all'Accademia del Cinema tra il 1988 e il 1994. Ha mosso i primi passi lavorando come… Vedi tutto

Note

Da un romanzo di Anna Seghers.

Commenti (7) vedi tutti

  • ciò che era avvenuto nel 1940 è sovrapposto, sullo schermo, da ciò che sta avvenendo oggi: gli strumenti della discriminazione e dell’oppressione sono gli stessi e allora, come ora, tutti indossano abiti del nostro tempo, reiterando i riti orribili dell’esclusione e della discriminazione

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Voce fuori campo noiosa,troppe cose che si accavallano e fisicita'a zero....bocciato...purtroppo.

    commento di ezio
  • La voce fuori campo più insopportabile della storia del cinema. Un film che dopo 10 minuti ti fa venir voglia di scappare dalla sala.

    commento di sfrisolo
  • peccato veramente per la voce off, che si ostina a descrivere allo spettatore ciò che sta vedendo o che ha appena visto, risultando il più delle volte insopportabilmente pleonastica. se si riesce a superare questo aspetto l'opera di Petzold può regalare notevoli spunti di riflessione.

    commento di giovenosta
  • Film consigliabile, anche se credo si sia perso qualcosa nel non rispettare integralmente la fonte letteraria da cui è tratto. Davvero, non prendetemi troppo sul serio ed andate a vederlo, è interessante.

    leggi la recensione completa di cherubino
  • “I problemi di tre piccole persone come noi non contano in questa immensa tragedia” erano state le ultime parole dell’immortale Humprey. Ottanta anni dopo Petzold gira in una Marsiglia astratta, fuori del tempo, sempre la stessa storia.

    leggi la recensione completa di yume
  • Un luminoso presente ospita un tragico passato. E lo rende più vivo che mai.

    leggi la recensione completa di OGM
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
8 stelle

L’antefatto: 1940 – Marsiglia, come Casablanca, è luogo di transito dei rifugiati politici, che, fuggendo da Parigi, alla vigilia dell’occupazione tedesca, lì trovavano il porto dal quale raggiungere, al di là dell’Atlantico, i paesi più sicuri del nord e del centro America: impresa rischiosissima e faticosa; lotta contro il tempo,… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL DI BERLINO 2018 - CONCORSO Un assurdo temporale ci presenta due individui nella Marsiglia di oggi, impegnati, l'uno ebreo tedesco, a trovare asilo dopo una fuga da una Parigi occupata dai nazisti, l'altra in qualità di moglie di uno scrittore suicida, di cui il primo ha assunto l'identità per poter entrare nella città portuale, incoerentemente "aperta… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2019
2019
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

cherubino di cherubino
7 stelle

LA DONNA DELLO SCRITTORE (2018)   Il film è interessante e (l'ho scritto poche ore fa in una playlist) merita a parer mio un giudizio in area positiva. Peraltro non posso nascondere che l'artifizio di ambientare ai giorni nostri vicende dei primi anni quaranta - con le SS da cui nascondersi ad infestare una città moderna con automezzi e fucili moderni - non mi ha convinto.…

leggi tutto
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL DI BERLINO 2018 - CONCORSO Un assurdo temporale ci presenta due individui nella Marsiglia di oggi, impegnati, l'uno ebreo tedesco, a trovare asilo dopo una fuga da una Parigi occupata dai nazisti, l'altra in qualità di moglie di uno scrittore suicida, di cui il primo ha assunto l'identità per poter entrare nella città portuale, incoerentemente "aperta…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

L’antefatto: 1940 – Marsiglia, come Casablanca, è luogo di transito dei rifugiati politici, che, fuggendo da Parigi, alla vigilia dell’occupazione tedesca, lì trovavano il porto dal quale raggiungere, al di là dell’Atlantico, i paesi più sicuri del nord e del centro America: impresa rischiosissima e faticosa; lotta contro il tempo,…

leggi tutto
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

yume di yume
8 stelle

  Da Parigi a Marsiglia, Orano e infine Casablanca, è la traiettoria di Rick e Ilsa in quella leggendaria storia d’amore che Michael Curtiz girò nel ’42, quando in Europa ancora si moriva a mazzi, dentro e fuori dai lager del signor Hitler. Parigi-Marsiglia, e la storia si ferma lì, nel film di Petzold, d’amore anche questa, ma così diversa,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 15 utenti

Recensione

amandagriss di amandagriss
8 stelle

    perché l’attesa è tra i più terribili degli inferni in terra, perché è muoversi rimanendo fermi, come una storia che ci viene raccontata, è il viaggio e mai la meta, per lo scrittore la meta non esiste, è il mentre, il percorso per arrivare a quella meta -di cui mai sapremo e di cui lui per primo non si cura- a…

leggi tutto

Recensione

OGM di OGM
7 stelle

Qualcosa non va, in questo film. Sarà che qualcosa è rimasto sospeso a quel filo: tesissimo, onnipresente, elegantemente invisibile, che tiene un estraneo dentro una storia di altri, di sconosciuti, di mondi che non gli appartengono. Georg è, suo malgrado, il legame che intesse il discorso, che intreccia i destini diversi, che avvicina le cose lontane. Il suo vagabondare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
Uscito nelle sale italiane il 22 ottobre 2018
locandina
Foto
locandina
Foto
Christian Petzold
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito