Touch Me Not

  • Nu ma atinge-ma

  • Romania, Germania, Repubblica Ceca, Bulgaria, Francia,
  • Genere: Drammatico
  • durata 125'

Regia di Adina Pintilie

Con Laura Benson, Tómas Lemarquis, Christian Bayerlein, Dirk Lange, Hermann Mueller, Irmena Chichikova, Fdaeji, Rainer Steffen... Vedi cast completo

Questo film non è disponibile. Prenotalo o aggiungilo alla tua Watchlist.

Trama

La cinquantenne Laura osserva avidamente le persone intorno a lei per compensare la delusione che vive nella sua esistenza personale. Tomas, attore e ballerino, si guadagna da vivere come massaggiatore e sogna un rapporto con una donna che lo rifiuta. Christian invece ha la SMA ed è su una sedia a rotelle. Le vite dei tre personaggi si incrociano e intrecciano tra fiction e realtà.

Approfondimento

TOUCH ME NOT: VIAGGIO NELL'INTIMITÀ

Diretto e sceneggiato da Adina Pintilie, Touch Me Not mostra come una regista e uno sparuto gruppo di personaggi abbraccino una ricerca personale sul concetto di intimità. Rimanendo fluidamente in bilico tra realtà e finzione, si segue il viaggio emotivo di tre individui - Laura, Tomas e Christian - chiamati a confrontarsi con i dilemmi della loro stessa esistenza. Desiderosi di intimità ma anche profondamente impauriti, i tre lavorano per superare vecchi preconcetti, meccanismi di difesa e tabù: il loro obiettivo è quello di essere finalmente liberi di vivere una vita piena trovando l'intimità che cercano nei modi più inaspettati, amando qualcun altro senza perdere di vista se stessi.

Con la direzione della fotografia di George Chiper-Lillemark, le scenografie di Adrian Cristea, i costumi di Maria Pitea e le musiche di Ivo Paunov, Touch Me Not viene così raccontato dalla regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Berlino 2018: "A vent'anni, credevo di sapere tutto sull'amore, su cosa si basasse una sana relazione intima o su come funzionasse il desiderio. Oggi, dopo vent'anni di prove e tribolazioni, tutte le mie certezze hanno perso valore e sono diventate sempre più complesse e contraddittorie. Riflesso della mia esperienza personale, Touch Me Not si prefigura come una ricerca artistica sul desiderio umano e sull'incapacità di toccare ed essere toccati, di entrare in contatto. L'intimità gioca un ruolo centrale nell'esperienza umana, affondando le sue radici nel legame fisico, emotivo e psicologico che sin da subito si instaura tra la madre e il neonato. È attraverso questo attaccamento primario che il bambino ha il primo contatto con il mondo e inizia a costruire la sua immagine di sé. Tale contatto iniziale modella il cervello  del piccolo, influenzando profondamente la sua autostima, le sue aspettative sugli altri e, in seguito, come si lega e si rapporta all'intimità da adulto. Al di là del ruolo cruciale che gioca nella formazione dell'identità, una sana intimità a livello individuale ha importanti implicazioni a livello comunitario, consentendo la creazione di una rete psicosociale di esseri umani connessi attraverso solidi legami emotivi. Un'intimità disfunzionale all'interno del nucleo familiare rappresenta invece un terreno fertile per la proliferazione di ulteriori conflitti, abusi, discriminazioni e pregiudizi, anche su una scala sociale e politica più vasta. Touch Me Not mira a diventare uno spazio per la (auto)riflessione e trasformazione, in cui lo spettatore viene sfidato ad approfondire la propria conoscenza della natura umana e a rivalutare la propria esperienza e le proprie idee sulle relazioni intime, con particolare attenzione alla de-oggettivazione e personalizzazione dello scambio umano, alla stimolazione della curiosità sul concetto di "diverso" e alla nostra abilità empatica di metterci nella pelle dell'altro. Personalmente, credo che comprendere la natura umana e considerare l'altro come un "altro me", come un'altra possibilità del nostro essere, possa avere un essenziale potere trasformativo sia nei confronti del nostro io interiore sia sui modi in cui interagiamo con gli altri. Come osserva Gustav Landauer, la società non è qualcosa che può essere cambiata da una rivoluzione ma è una condizione, una certa relazione tra gli esseri umani, una modalità di comportamento; la cambiamo cambiando il modo in cui ci relazioniamo, comportandoci in maniera differente".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Touch Me Not è Adina Pintilie, regista e sceneggiatrice rumena. Laureatasi nel 2008 alla National University of Drama and Film di Bucharest, la Pintilie è sia regista sia artista visiva ed ha spesso ricevuto dei premi nel circuito dei festival internazionali a cui ha partecipato con i suoi lavori.… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
locandina
Foto
Adina Pintilie
Foto
Laura Benson
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito