Espandi menu
cerca
Roma

Regia di Alfonso Cuarón vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 274
  • Post 180
  • Recensioni 4420
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Roma

di alan smithee
9 stelle

Nel cortile delle merde di cane e degli scorci poetici riflessi attraverso l'acqua del risciacquo, si consuma il disgregarsi della famiglia tradizionale, e il consolidarsi di quella degli affetti genuini. Il felice ed ispirato ritorno in patria di un grande autore.

locandina

Roma (2018): locandina

VENEZIA 75 - CONCORSO - LEONE D'ORO PER IL MIGLIOR FILM
Nella capitale messicana degli anni '70, un cortile di una abitazione borghese  insozzato di merde del festoso e ben stazzato cane della famiglia che lo abita, e ripulito di malavoglia e distrattamente dalle due domestiche di casa, fa da sfondo alle vicissitudini di una comunità travagliata da avvenimenti intimi e socio politici che segneranno ognuno dei membri (padre medici, madre biochimica, quattro figli bambini e una nonna).
Tutto sotto lo sguardo delle due domestiche, messicane pure loro ma di etnia e lingua madre differenti, di cui in particolare conosceremo Cleo, giovane amata dai bambini e considerata da costoro quasi una sorella maggiore.

Yalitza Aparicio

Roma (2018): Yalitza Aparicio

Yalitza Aparicio

Roma (2018): Yalitza Aparicio

Rimasta incinta ed abbandonata dal suo amante rivoluzionarii, Cleo troverà in quella famiglia in subbuglio e destinata a disgregarsi delle sue colonne, il suo focale punto di riferimento verso cui dirigere i propri affetti.

Alfonso Cuarón, Yalitza Aparicio

Roma (2018): Alfonso Cuarón, Yalitza Aparicio

Non senza fornire in cambio in aiuto concreto e salvifico necessario per scongiurare disgrazie ben maggiori del disfacimento progressivo della famiglia.
In uno splendido e fotogenico bianco e nero, Alfonso Cuaron dirige magistralmente con una poetica dai tratti stilistici incantevoli (la ripresa iniziale del lavaggio della corte mette i brividi), un film assai personale, intimo, grutto di vicende e storie che lo hanno riguardato o almeno sfiorato da vicino, ed il cui titolo si riferisce al quartiere di Città del Messico in cui è ambientata questa potente e suggestiva, a volte persino commovente, saga familiare.
Un ritorno in patria riuscito in cui l'autore riesce a coniugare molto bene la tradizione della sua terra, al gran mestiere che lo ha visto trionfare e destreggiarsi al meglio al soldo delle majors hollywoodiane.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati