Trama

Jongsu, un lavoratore part-time, durante una consegna incontra Haemi, che viveva nel suo stesso quartiere. Haemi gli chiede di occuparsi del suo gatto mentre lei sarà in viaggio in Africa. Al suo ritorno, Haemi gli presenta Ben, un giovane misterioso che ha conosciuto mentre era via. Un giorno, Ben fa visita a Jongu con Haemi e confessa il suo hobby segreto: è un piromane...

Approfondimento

BURNING: LA BRUCIANTE RABBIA DEI GIOVANI

Diretto da Chang-dong Lee e sceneggiato dallo stesso con Jungmi Oh a partire da una storia breve di Haruki Murakami, Burning racconta di Jongsu, un fattorino che, fuori per lavoro, si imbatte in Haemi, una ragazza che una volta viveva nel suo quartiere. Haemi gli chiede se gli dispiacerebbe prendersi cura del suo gatto mentre lei è via per un viaggio in Africa. Al suo ritorno, Haemi gli presenta poi un enigmatico giovane di nome Ben, che ha incontrato durante il suo viaggio. E un giorno Ben racconta a Jongsu del suo passatempo più insolito (e pericoloso)...

 

Con la direzione della fotografia di Kyung-pyo Hong, le scenografie di Jum-hee Shin, i costumi di Choong-yeon Lee e le musiche di Mowg, Burning viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2018: "Non realizzavo un film come regista da otto anni. In questo lungo periodo, diverse storie hanno catturato la mia attenzione. Alcune le ho trasformate anche in sceneggiature ma sono poi rimaste su uno scaffale. La ragione è semplice. Quando mi chiedevo un motivo per trasformarle in film, non trovavo una risposta soddisfacente.

 

Proprio quando avevo perso ogni speranza, mi sono imbattuto in Barn Burning, una storia breve di Haruki Murakami. Tutti sono rimasti sorpresi dalla mia scelta: la storia sembra misteriosa ma non succede in realtà nulla. Ho trovato però qualcosa di molto cinematografico in quell'atmosfera di misteriosità: il piccolo mistero del racconto poteva essere estero a misteri più grandi da un punto di vista cinematografico. I vuoti (i pezzi mancanti dei quali non sapremo mai la verità) del racconto alludono al mondo misterioso in cui viviamo, al mondo di cui percepiamo che c'è qualcosa che non va ma in cui non possiamo muovere un dito per capire cosa sia.

 

La storia di Murakami mi ha spinto a concentrarmi su una realtà contemporanea: la rabbia che provano i giovani d'oggi. Sembra che i giovani di tutto il mondo, indipendentemente dalla nazionalità, religione o status sociale, siano arrabbiati per vari motivi. La loro rabbia è un problema particolarmente urgente da risolvere. Anche i giovani coreani stanno vivendo un momento difficile a causa della disoccupazione non vedendo alcuna speranza nel presente e nessun miglioramento nel futuro. Incapaci di identificare il vero bersaglio verso cui dirigere la loro rabbia, si sentono impotenti. Nonostante il mondo sembri diventato sempre più sofisticato e adatto, un posto all'apparenza perfettamente funzionante, per molti giovani è come se fosse un grande puzzle da risolvere di fronte a cui sentirsi inutili, impotenti. O svogliati, come il protagonista della storia di Murakami, il cui interesse viene risvegliato solo dal mistero.

 

Curiosamente, la storia di Murakami ha lo stesso titolo di un racconto di William Faulkner, un racconto che parla davvero di rabbia. Quindi, in qualche modo è come se il mio film si basasse sul lavoro di Murakami e fosse in qualche modo collegato all'universo di Faulkner, in cui si racconta di un uomo e della sua rabbia contro la vita e il mondo e si descrive il senso di colpa che suo figlio prova per l'incendio di cui è responsabile il genitore. Diversamente dalla storia di Faulkner, quella di Murakami è la vicenda di un uomo che va in giro a bruciare fienili per divertimento. Il fienile di Murakami è una metafora piuttosto che un oggetto tangibile. Quello di Faulkner invece rappresenta la realtà stessa verso cui è diretta la rabbia del padre.

 

Jongsu, il protagonista principale del nostro film, diventa ossessionato dalla metafora. Piuttosto che incendiare fienili, incendia serre di plastica, qualcosa che è più facile trovare oggi in Corea. La serra come oggetto fornisce un'immagine che va ben oltre il suo stesso significato. Ha una forma fisica ma è trasparente e non ha nulla dentro. Una volta serviva a uno scopo preciso ma è oramai divenuta inutile. Si tratta di una scelta puramente cinematografica nel senso che non può essere spiegata con un concetto o un'idea.

 

Ci sono altre cose che nel mio film trascendono come la serra: la pantomima, il gatto e anche Ben. Chi è Ben? E il gatto è reale? La storia di Haemi è vera? Ciò che non si vede non esiste? A differenza dei testi scritti, i film trasmettono immagini visive, che a loro volta sono una mera illusione proiettata su uno schermo da fasci di luce. Tuttavia, il pubblico prende le illusioni vuote e attribuisce loro un significato e un proprio concetto. Con Burning volevo mostrare quale misticismo stia alla base del cinema inteso come medium".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Burning è Chang-dong Lee, regista e sceneggiatore sudcoreano. Nato nel 1954 a Daegu, ha cominciato a lavorare nel mondo teatrale non appena ventenne prima di tentare la carriera di romanziere. Ha debuttato come regista nel 1997 con Green Fish, un noir coreano spesso definito come "unico nel suo genere".… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

71 CANNES FESTIVAL 2018 - CONCORSO Quando il giovane fattorino con aspirazioni a diventare scrittore, Jongsu, viene avvicinato dalla bella Haemi, che gli rivela di essere stata una sua più giovane compagna di istituto (alla quale peraltro egli aveva solo dedicato qualche parola piuttosto grossolana, i due iniziano a frequentarsi fino a piacersi fisicamente, consumando qualche… leggi tutto

1 recensioni positive

2019
2019
2018
2018
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

71 CANNES FESTIVAL 2018 - CONCORSO Quando il giovane fattorino con aspirazioni a diventare scrittore, Jongsu, viene avvicinato dalla bella Haemi, che gli rivela di essere stata una sua più giovane compagna di istituto (alla quale peraltro egli aveva solo dedicato qualche parola piuttosto grossolana, i due iniziano a frequentarsi fino a piacersi fisicamente, consumando qualche…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Cannes 2018 - Capitolo 3

Cannes 2018 - Capitolo 3

Continua il nostro percorso alla scoperta dei titoli in concorso al 71mo Festival di Cannes. Tra i film presi in considerazione in questo capitolo… segue

Post
locandina
Foto
Steven Yeun
Foto
Ah-in Yoo
Foto
2017
2017
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito