Trama

Migliaia di anni dopo la distruzione del mondo civilizzato a causa di un cataclisma, la razza umana si è adattata e si è evoluta con un nuovo stile di vita. Gigantesche città in movimento vagano per la Terra, prendendo brutalmente di mira le più piccole città tradizioniste. Tom Natsworthy (Robert Sheehan) - proveniente da una classe inferiore della grande città trazionista di Londra - si ritrova a dover combattere per la sopravvivenza dopo essersi imbattuto in Hester Shaw (Hera Hilmar), una pericolosa fuggitiva. I due opposti, i cui sentieri non avrebbero mai dovuto incontrarsi, sigleranno un'alleanza destinata a cambiare il corso del futuro.

Approfondimento

MACCHINE MORTALI: DALLA SAGA DI PHILIP REEVE

Diretto da Christian Rivers e sceneggiato da Fran Walsh, Philippa BoyensPeter Jackson, Macchine mortali è ambientato in un futuro lontano quando, centinaia di anni dopo che il mondo è stato distrutto da un evento catastrofico, una giovane e misteriosa donna di nome Hester Shaw rappresenta l'unica speranza per fermare Londra, divenuta una gigantesca città predatrice in movimento, dal divorare tutto ciò che incontra lungo il suo cammino. Coraggiosa e guidata dal ricordo della madre, Hester unisce le sue forze con quelle di Tom Natsworthy, un reietto londinese, e di Anna Fang, una pericolosa fuorilegge sulla cui testa pende una taglia.

Con la direzione della fotografia di Simon Raby, le scenografie di Dan Hennah, i costumi di Bob Buck e Kate Hawley, e le musiche di Junkie XL, Macchine mortali si basa sull'acclamata serie di libri dell'autore e illustratore Philip Reeve, il cui primo capitolo è stato pubblicato nel 2001. Alla base della serie, destinata a un pubblico di giovani adulti, vi è l'idea fantascientifica delle città che si muovono su ruote, come ha specificato lo scrittore: "Pensare a una città che si muove su ruote è davvero strano. Sembrava folle come pensiero ma diventa quasi normale quando poi si pensa a una grande città su ruote che insegue una più piccola per conquistarla. La storia si svolge dopo che ogni forma di civilizzazione sulla Terra è stata annientata da un evento apocalittico noto come la Guerra dei Sessanta Minuti. L'umanità si è dovuta adattare al nuovo status quo: gigantesche città in movimento vagano per la Terra, predando in maniera spietata tutto ciò che incontrano sul loro cammino. Le piccole città scompaiono una dietro l'altra e in tale contesto Tom Natsworthy, un giovane londinese di bassa estrazione sociale, si ritrova a dover lottare per la propria sopravvivenza dopo aver incontrato la pericolosa fuggitiva Hester Shaw. Si tratta di due giovani agli antipodi, le cui strade non avrebbero mai dovuto incrociarsi: nonostante ciò, forgiano un'improbabile alleanza che cambierà il corso del futuro".

Appassionato videoamatore, Reeve da studente si era cimentato in filmati realizzati in Super 8 prima di dedicarsi all'illustrazione: l'esperienza gli ha permesso di pensare sin da subito alla serie Macchine mortali come a un grande film d'azione, attirando con la sua visionarietà l'attenzione di un produttore e regista dalla lunga esperienza: Peter Jackson, il regista delle trilogie di Il Signore degli AnelliLo Hobbit. Secondo Jackson, "Macchine mortali con la sua raffigurazione del futuro offre un'idea di evoluzionismo darwiniano sociale: le città più grandi mangiano quelle più piccole e quelle piccole quelle più piccole ancora. Si tratta di un'evoluzione naturale che interessa la Terra da secoli e che quindi è consolidata per i personaggi. Il problema nascerà il giorno in cui le metropoli avranno mangiato tutte le piccole città e saranno costrette o ad attaccarsi l'una con l'altra o a cercare qualcos'altro di cui nutrirsi".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Macchine mortali è Christian Rivers, effettista, regista e designer neozelandese. Nato a Wellington nel 1974, Rivers è al suo debutto come regista ma ha già alle spalle un Oscar vinto per gli effetti speciali di King Kong, remake del classico hollywoodiano firmato dal connazionale Peter Jackson. La sua… Vedi tutto

Commenti (3) vedi tutti

  • In un mondo devastato da una catastrofe naturale ciò che resta dell'umanità vive su città semoventi in guerra l'una con l'altra. Interessante opera di un giovane regista, Christian Rivers, cresciuto sotto l'ala protettiva di Peter Jackson, che qui è produttore e sceneggiatore. Puro intrattenimento ma di buon livello

    leggi la recensione completa di GIANNISV66
  • Peter Jackson produce uno spettacolo visibilmente incredibile, nel quale spiccano le personalità dei due giovani protagonisti nonché la performance di un folle Hugo Weaving.

    leggi la recensione completa di Marco Poggi
  • Il film ha indubbiamente degli aspetti scenografici potenti, visioni apocalittiche e originali, attenzione al pianeta e alla imperante cattiveria umana, monito per i potenti di non voler straffare come fanno ora per evitare di distruggere tutto ciò che di animato esiste e quindi regredire. Molte scene mozzafiato lasciano stupefatti.

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

ange88 di ange88
6 stelle

    A seguito di una distruzione globale causata da una super arma, gli abitanti della terra sono stati costretti a costruire delle città itineranti che si muovono su cingolati grazie a complessi macchinari. Le città sono costruite anche per funzionare come macchine da guerra, in quanto in lotta con altre città e soprattutto in conflitto con la lega… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

GIANNISV66 di GIANNISV66
7 stelle

  In un futuro post apocalittico le città sopravissute al disastro si muovo su enormi congegni ruotati e attraversano le lande desolate che ormai dominano il paesaggio del nostro pianeta. La città di Londra, regolata su una rigida divisione in caste, si sposta continuamente alla ricerca di nuove risorse che ne consentano la sopravvivenza. Tom Natsworthy giovane aspirante… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

champagne1 di champagne1
4 stelle

La "Guerra dei 60 minuti" con l'utilizzo massivo di energia atomica ha sconnesso la crosta terrestre e condannato la razza umana alla quasi totale estinzione. Mille anni dopo, in un nuovo Medio Evo tecnologizzato, le città sono diventate semovibili e alla continua ricerca di nuove risorse, mentre il movimento degli Anti-Trazionisti lotta per un ritorno alla stanzialità e alla pace… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

GIANNISV66 di GIANNISV66
7 stelle

  In un futuro post apocalittico le città sopravissute al disastro si muovo su enormi congegni ruotati e attraversano le lande desolate che ormai dominano il paesaggio del nostro pianeta. La città di Londra, regolata su una rigida divisione in caste, si sposta continuamente alla ricerca di nuove risorse che ne consentano la sopravvivenza. Tom Natsworthy giovane aspirante…

leggi tutto
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 20 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

Marco Poggi di Marco Poggi
7 stelle

In un futuro post-apocalittico (un altro), dove le megalopoli come Londra sono diventate delle fortezze mobil iche si "mangiano" le città pù piccole, una giovane sfregiata in faccia va alla ricerca dell'assassino di sua madre. Film che mescola le atmosfere di "INTERCEPTOR" (vedi le location desolate e fangose neozelandesi) con quelle di "GUERRE STELLARI" (l'attacco dei piccoli…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

champagne1 di champagne1
4 stelle

La "Guerra dei 60 minuti" con l'utilizzo massivo di energia atomica ha sconnesso la crosta terrestre e condannato la razza umana alla quasi totale estinzione. Mille anni dopo, in un nuovo Medio Evo tecnologizzato, le città sono diventate semovibili e alla continua ricerca di nuove risorse, mentre il movimento degli Anti-Trazionisti lotta per un ritorno alla stanzialità e alla pace…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
3 stelle

Il pianeta è collassato anni addietro nel breve tempo di soli sessanta minuti. I pochi superstiti si sono organizzati formando città "mobili" e meccaniche, tutte propense ad espandersi o a non venir soggiogate ed inghiottite da quelle più grandi. Tra queste ultime, Londra è una delle più enormi e strutturate, e la incontriamo nell'atto di far sua una…

leggi tutto

Recensione

ange88 di ange88
6 stelle

    A seguito di una distruzione globale causata da una super arma, gli abitanti della terra sono stati costretti a costruire delle città itineranti che si muovono su cingolati grazie a complessi macchinari. Le città sono costruite anche per funzionare come macchine da guerra, in quanto in lotta con altre città e soprattutto in conflitto con la lega…

leggi tutto

Recensione

gaiart di gaiart
6 stelle

Tratto dalla saga del 2004 di Philip Reeve, Macchine mortali, il romanzo fantastico ora ripubblicato da Mondadori, torna in libreria in una nuova edizione. L’omonimo film, firmato da Christian Rivers e prodotto da Peter Jackson, è tratto proprio da questo primo volume ed è in uscita nelle sale il 13 dicembre, con la distribuzione da Universal Pictures. Nel corso del 2019…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Uscito nelle sale italiane il 10 dicembre 2018
locandina
Foto
Robert Sheehan
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito