Espandi menu
cerca
American Animals

Regia di Bart Layton vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Andreotti_Ciro

Andreotti_Ciro

Iscritto dal 23 aprile 2019 Vai al suo profilo
  • Seguaci 1
  • Post -
  • Recensioni 126
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su American Animals

di Andreotti_Ciro
7 stelle

Quattro uomini anziani a metà di una mattina qualunque entrano nella biblioteca di un college del Kentucky, s’impossessano di alcuni libri preziosi e fuggono. Quella che a prima vista pare la scena di un film d’azione, tra le mani del regista Bart Layton, che a sei anni di distanza da “L’impostore”, finto documentario sulla scomparsa di un tredicenne e sul suo ritorno a casa, diventa un nuovo tassello per raccontare in modo differente la storia di una delle più strane, ma reali, rapine del secolo. Alternando la presenza in scena di attori e reali protagonisti, ingaggiati nel ruolo di voci e di presenze narranti, Layton narra le decisioni che spinsero quattro studenti del medesimo college, apparentemente irreprensibili, al solito di buona famiglia e dall’aspetto quasi del tutto insignificante, di prendere la decisione di sottrarre libri d’arte raffiguranti animali del nuovo continente e dal valore di molti milioni di dollari. I quattro, portati sullo schermo da attori che per fattezze sono molto somiglianti agli originali, e fra i quali spiccano Evan Peters e Barry Keoghan, visti anche in blockbuster recenti fra i quali la serie tv “American horror story” e “Dunkirk”, di Christopher Nolan,  confessano fin dalle prime scene il desiderio nemmeno troppo recondito di dare una svolta a vite che paiono trascorrere all’interno di una bolla, al punto di decidere di sfruttare le loro conoscenze cinematografiche e le veloci ricerche su Internet per portare a segno il loro colpo del secolo’, non per vera necessità economica ma per il semplice gusto del brivido e nonostante le controindicazioni e difficoltà che progressivamente gli si pareranno contro materializzandosi causa ingenuità e inesperienza. Pellicola che si sorseggia in maniera non certo anonima, imbevuta di molte citazioni cinematografiche frutto delle numerose ricerche necessarie alla riuscita della rapina, decisamente certosino il montaggio finale. Un film quindi, seppur passato inosservato nelle nostre sale, da recuperare soprattutto se siete veri amanti della settima arte.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati