Espandi menu

cerca
Satan's Slaves

Regia di Joko Anwar vedi scheda film

Recensioni

L'autore

EightAndHalf

EightAndHalf

Iscritto dal 4 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 201
  • Post 41
  • Recensioni 714
  • Playlist 32
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Satan's Slaves

di EightAndHalf
4 stelle

A smentire l’eventuale provincialismo dell’opera del regista indonesiano Joko Anwar è l’adesione, in Satan’s Slaves, a molti stilemi horror occidentali, soprattutto il nuovo horror pop alla James Wan. Infatti Anwar è ben consapevole dell’effetto che può sortire un movimento di camera: alla pari che in un found footage, il movimento di camera da un punto a un altro dello spazio scenico può comportare un enorme inquietudine, perché è impossibile fidarsi del fuoricampo. L’obbiettivo di Anwar, così come di Wan, è di riarrangiare la percezione spettatoriale a suo piacimento. Infatti il film è una sequela ininterrotta di dolly e primi piani, che coi loro occhi sono i vettori del movimento scenico, a incoraggiare l’empatia emozionale. Il risultato però, nel caso di Satan’s Slaves, è quello di un riarrangiamento di tradizioni e credenze popolari in stereotipi orrorifici di fattura medio-bassa, arci-noti al pubblico internazionale: le apparizione dei fantasmi (o dei demoni) in gioco avvengono con gli stessi invadenti jump-scares che scandiscono le scene degli horror occidentali. Con la differenza che in Estremo Oriente si fa molta meno fatica ad accettare l’esistenza di una creatura sovrannaturale e invisibile. Una parziale consapevolezza dell’iconografia horror si palesa quando il film diventa una mistione fra ghost-revenge e zombie-movie, tentando di trasformare l’ambientazione tropicale e monsonica in un luogo minaccioso che già di per sé assedia la vita dei componenti della famiglia protagonista. Così come negli USA, è la famiglia l’obbiettivo principale dell’orrore: solo che in questo caso il male viene già dal di dentro della famiglia, dal momento che la madre dei quattro giovani protagonisti ha promesso a Satana di concedergli l’ultimo figlio partorito (non appena avrebbe compiuto 7 anni) in cambio di eliminare la sua sterilità. La fiducia nella famiglia, da parte di Anwar, già autore di A Copy of my Mind nel 2015, è pari a zero; né la famiglia può essere davvero un luogo sicuro, tant’è che l’amore reciproco, che pure doveva essere l’ancora di salvezza nel finale del film, non sortisce l’effetto desiderato.

 

Già pubblicato su www.allblogandnoplay.com

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati