Trama

L'undicenne Dawn Wiener (Matarazzo), secondogenita di una famiglia ebrea, frequenta una normale scuola in una cittadina qualunque del New Jersey. A volte odiata, spesso rimproverata, raramente compresa, Dawn cerca invano di avere un atteggiamento aperto ed essere allegra, mentre lotta per superare quella che sembra essere una pubertà senza fine. Dawn è bruttina, porta occhiali spessi e vestiti orrendi. I genitori le preferiscono Missy, sempre a posto nel suo vestitino rosa. Il solo amico di Dawn è il teppistello Brandon che minaccia sempre di "stuprarla", ma che in fondo non è poi così malvagio.

Note

Il secondo film di Todd Solondz dipinge su una tela già sporcata di soffusa violenza una storia di ordinaria follia collettiva. La descrizione è talmente realista da sembrare falsa, dimostrando - ancora una volta - che al cinema bisogna schiacciare il pedale sulla fiction se si vuole ottenere qualche verità. Il film ha vinto il Sundance nel 1996. Bravissima Heather Matarazzo.

Commenti (5) vedi tutti

  • Racconto crudele e tenero sulla (ma non per la) adolescenza, con una giovane  protagonista straordinaria. Dei due elementi citati all'inizio, il regista Solondz ha praticamente fatto la propria cifra stilistica.

    commento di sasso67
  • Rimane forse il mio film preferito di Solondz.Lo potrei riguardare senza mai stufarmi.Cinico e ironico ma potente,con una Heather Matarazzo perfettamente calata nel ruolo.Un cult!

    commento di SaintlySinner
  • il mio film cult!

    commento di rama
  • Buon film indy. Bravi soprattutto il "brutto anatroccolo" Heather Matarazzo e il regista.

    commento di movieman
  • VOTO : 7 Cattivissimo e spietato. Un vero e sincero pugno nello stomaco.

    commento di supadany
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Grace Margaret Mulligan di Grace Margaret Mulligan
8 stelle

Il regista Todd Solondz a metà anni 90 si fa notare prepotentemente con questo piccolo gioiello di cattiveria e acrimonia. Nel mondo quasi fatato (il titolo originale "Welcome to Dollhouse rende meglio l'idea) e perfetto della provincia americana si perpetua sulle spalle della piccola Dawn Wiener un sistema di torture psicologiche che farebbe paura al più accanito dei serial… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Travis di Travis
6 stelle

Solondz, che si sarebbe rivelato ottimo cineasta con il successivo Happiness, qui firma un film poco convincente...non vuol dire brutto...soltanto che dopo aver visto e gustato l'ironia tagliente e la tragicità di Happiness mi aspettavo qualcosa di più...Fuga...è un film che fatica a decollare, è un pò piatto e ripetitivo, ma è sempre cattivo e feroce. Solondz porta tutto all'eccesso, le… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

shadgie di shadgie
stelle

lo squallore degli adulti in soda caustica, l'intelligenza che si autosopprime per lasciar spazio a devastanti (malriusciti) tentativi di omologazione, nonchè l'interesse malcelato di altri emarginati, seppur in modo diverso. Un bell'ago a mo' di pugnale nell'amerika ipocrita, imbellettata, imbellettante e pedofila (l'innaturale figura della sorellina rapita appare come una cavia di esperimenti… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020
2019
2019
2016
2016
2014
2014

Recensione

Texano98 di Texano98
8 stelle

Film crudo, spietato ma anche tenero. Solondz distrugge la protagonista del film senza riguardo, dimostrando come a volte la realtà vada oltre a quelli che pensiamo come limiti, può invece morderti ferocemente senza che nessuno accorra in tuo aiuto. La piccola Dawn, che non va dietro ai vezzi delle sue coetanee ed è genuinamente bruttina, cade nella dolorosa…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2013
2013

Recensione

barabbovich di barabbovich
6 stelle

Ignorata dai suoi familiari, vessata a scuola da insegnanti e compagni a causa di una bruttezza portata con goffaggine, la dodicenne Dawn Wiener (Heather Matarazzo) si rifugia nel sogno di un amore impossibile, quindi tenta la fuga per New York ma nulla riesce a scuotere l'attenzione di chi le sta intorno. Operina indipendente con qualche velleità di cattiveria, il film di Solondz, vincitore…

leggi tutto
Recensione
2012
2012
2011
2011
2010
2010

Scuola

Redazione di Redazione

"La scuola è il luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica". E' l'istituzione sociale responsabile dell'istruzione e dell'educazione…

leggi tutto

Recensione

Grace Margaret Mulligan di Grace Margaret Mulligan
8 stelle

Il regista Todd Solondz a metà anni 90 si fa notare prepotentemente con questo piccolo gioiello di cattiveria e acrimonia. Nel mondo quasi fatato (il titolo originale "Welcome to Dollhouse rende meglio l'idea) e perfetto della provincia americana si perpetua sulle spalle della piccola Dawn Wiener un sistema di torture psicologiche che farebbe paura al più accanito dei serial…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Todd Solondz in 30 sale e 5 film

shadgie di shadgie

mi sembrava opportuno dedicare una playlist a questo regista americano, per molti erroneamente indie, per altri strumentalmente conservatore. troppo disturbante, o semplicemente "troppo". Noto ai più per Welcome…

leggi tutto

Box, garages, cantine, soffitte

Redazione di Redazione

Esiste un luogo delle case (soprattutto di quelle americane) che è un po', se volete, il suo spazio tecnico. Ma anche il suo inconscio. È il garage all'americana: quello dove stanno le auto della famiglia, quello…

leggi tutto
Playlist

Titoli originali

jonas di jonas

Argomento già affrontato varie volte. Siccome aberrazioni come Non drammatizziamo... è solo questione di corna e Se mi lasci ti cancello sono state abbastanza stigmatizzate, segnalo sette esempi meno…

leggi tutto
2009
2009

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

E' una commediola semplicissima, che non vuole dire granchè di più di ciò che si vede, eppure il messaggio che lancia è davvero atipico e forte: nel 'ciclo della vita' gli sfigati sono tali per destino, è inutile ribellarsi. Una contro-morale all'americana (e Solondz è di per sè contro-americano) e spiccatamente pessimista, altra caratteristica del lavoro del regista; è però un film non…

leggi tutto
Recensione
2008
2008

Aiuole

Dying Theatre di Dying Theatre

L'ostia mangiata a forza, e vomitata rossa. L'ostia ch'è Corpo d'Assenza, quella senza sabbia ed ombrelloni, per intenderci. Transustanziazione e trans sostanti in stazione, da sempre riflessi prismatici d'un medesimo…

leggi tutto
2007
2007
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

bose di bose
8 stelle

La difficilissima vita di una adolescente alle scuole medie. Ho ritrovato molti tratti in comune con la realtà che ho vissuto personalmente; per il resto sono i soliti temi cari al regista: famiglie indifferenti allo sfascio, impossibilità di comunicazione, pedofilia, iper-individualismo, il sesso come motore di tutte le relazioni umane,... Solondz cmq ha il merito di non andare mai sopra le…

leggi tutto
Recensione
2005
2005

Recensione

brando di brando
8 stelle

Todd Solondz è un altro di quei geni che fanno fatica a guidare a destra, ad ascoltare il lato a,a giocare a bocce, e a sintonizzare raiuno sull'uno e canale cinque sul cinque. Altro film , altro calcio in faccia. Un film assurdo, che implode invece di esplodere, che accumula rabbia e violenza, che viaggia in sordina, che si nasconde e poi scappa. Un film che assomiglia ad una campana di vetro,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito