Espandi menu
cerca
Peterloo

Regia di Mike Leigh vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 266
  • Post 172
  • Recensioni 3937
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Peterloo

di alan smithee
8 stelle

locandina

Peterloo (2018): locandina

VENEZIA 75 - CONCORSO

Gli strascichi della guerra diventano pesanti anche per la parte vincitrice, impegnata pure lei in una azione di riequilibrio ed in un processo di ricostruzione che finisce per costare ulteriori sacrifici ad una popolazione già di per sé stremata dalle conseguenze del conflitto. La regola generale, che non renderebbe nemmeno obbligatoria una contestualizzazione storica, combacia perfettamente con le circostanze che portarono, poco dopo la disfatta di Napoleone a Waterloo, ai moti insurrezionali del popolo inglese contro l'inasprimento delle imposizioni fiscali sui beni di prima necessità, istigando il popolo ad unirsi in una protesta convinta che determinò le conseguenze del cosiddetto "massaro di Peterloo", nell'estate del 1819 a San Peter's Field, per l'occasione rinominata come dal titolo del film, per richiamare in modo sinistramente beffardo la disfatta del grande condottiero nemico.

In regia troviamo uno dei nomi di punta della cinematografia britannica dell'ultimo trentennio: cinesta premiato in più circostante - tutte meritate - ai principali festival esistenti - Mike Leigh non è nuovo alle ricostruzoni storiche (si pensi a Vera Drake, a Topsy Turvy e al recente Turner) più dettagliate e sottili.

scena

Peterloo (2018): scena

Rory Kinnear

Peterloo (2018): Rory Kinnear

scena

Peterloo (2018): scena

Ma con Peterloo, Leigh sembra superarsi, e il dettaglio coerentemente insistito della ricostruzione più minuziosa, in stile pittorico-artistico, dei particolari di costume, risulta a tutti gli effetti non certo una mera enfasi di perfezione esteriore, ma uno degli aspetti più sorprendenti e concreti per rendere concreta la rappresentazione di un tempo ormai perduto nel passato, fatto rivivere nei suoi umori e senzìsazioni a caldo in un film-affresco che è anche un accorato anelito alla rivendicazione dei diritti calpestati ed offesi di una maggioranza soggiogata dalle circostanze e dalle ragioni di Stato, sempre puntualmente contrarie al benessere e alla prosperità comuni.

Colpevole al massimo di qualche prolissità di troppo nella parte centrale, caricata di troppi proclami e qualche verbosità forse evitabile, con Peterloo Mike Leigh ritorna alle radici storiche della denuncia, a lui tanto cara e sempre attuale, contro tutti i tentativi di soggiogare e reprimere le libertà inalienabili del popolo.

Tra i validi interpreti coinvolti, citiamo su tutti due emblemi della cinematografia anglosassone come Christopher Eccleston e Rory Kinnear, oltre che il giovane e promettente Nico Mirallegro, nei panni del giovane militare trombettiere devastato dagli orrori del campo di battaglia.  

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati