Trama

David, che sopravvive facendo i lavori più disparati, incontra Lena, che si è appena trasferita a Parigi, e se ne innamora. Subito dopo, però, la sua esistenza viene sconvolta dall'improvvisa morte di sua sorella. Al di là dello shock e e della sofferenza, David si ritroverà da solo a prendersi cura della piccola nipote Amanda.

Approfondimento

QUEL GIORNO D'ESTATE: LE VITTIME COLLATERALI DEGLI ATTENTATI TERRORISTICI

Diretto da Mikhaël Hers e sceneggiato dallo stesso con Maud Ameline, Quel giorno d'estate racconta la storia di David, un ventiquattrenne che vive nella Parigi dei nostri giorni dove fa lavori strani e si innamora della bella Lena. Sin da subito, l'esistenza di David viene brutalmente sconvolta dall'improvvisa morte della sorella in un attacco terroristico. Oltre a dover sopportare lo shock per quanto avvenuto e il peso del dolore, David si ritrova a dover badare da solo ad Amanda, la nipotina di sette anni.

Con la direzione della fotografia di Sébastien Buchmann, le scenografie di Charlotte de Cadeville, i costumi di Caroline Spieth e le musiche di Anton SankoQuel giorno d'estate mostra come vengono influenzate le esistenze di coloro che sono le vittime collaterali degli attentati terroristici. I mass media hanno la tendenza a concentrarsi sulle vittime dirette mentre pochi sono quelli che si chiedono a quale destino andranno incontro i famigliari più stretti. Attraverso la storia di David, Quel giorno d'estate mostra come cambi a livello personale e sociale la vita di un comunissimo giovane dopo l'attentato terroristico in cui perde la vita la sorella. Così facendo, fornisce anche un ritratto della gioventù della contemporanea Parigi, di quella che è stata definita la "generazione Bataclan" e che è stata oggetto di tanto dibattito (politico e sociologico) dopo il tremendo attacco del 13 novembre 2015.

Su una cosa però il regista ha le idee chiare: Quel giorno d'estate non è un film sul 13 novembre e non è nemmeno un melodramma su quello che la stampa internazionale ha definito "l'11 settembre francese": è semmai una storia universale che vuole, nel suo piccolo, parlare di tutti gli attentati terroristici del mondo e del calvario che ogni singolo attentato comporta. Al di là della città in cui è ambientato, Quel giorno d'estate ricorda come il terrorismo crei orfani, frantumi le famiglie e danneggi le vite delle persone, costringendole a confrontarsi con questioni essenziali dell'esistenza umana, come la perdita, il dolore, le relazioni affettive, la genitorialità e l'amicizia.

Ha dichiarato il regista in occasione della partecipazione del film al Festival di Venezia 2018 nella sezione Orizzonti: "Per i miei film precedenti, ho tratto ispirazione dalla malinconia per il mio passato. Per Quel giorno d'estate sono invece partito dal caos in cui è piombata Parigi dopo il 13 novembre per mostrare la violenza del tempo in cui viviamo. Gli attacchi terroristici hanno minato per sempre tutte le nostre certezze, facendoci vivere con nell'incubo continuo. È stata l'urgenza del presente a guidarmi con convinzione verso la necessità di fare questo film. Sentivo il bisogno di catturare quel qualcosa di estremamente fragile, quasi elettrico e convulso che sta prendendo piede in questi tempi moderni, in questo caso nella mia città, Parigi. Lungi dal voler dipingere il ritratto di una Francia catastrofica, ho voluto adottare un punto di partenza piuttosto cupo per "depressurizzare la cabina" in un certo senso... E proseguire da lì non attraverso la rinuncia e il catastrofismo, ma attraverso i rapporti umani e i sentimenti, in quella che, dal mio punto di vista, è l'unica combinazione possibile per un mondo più vivibile".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Quel giorno d'estate è Mikhaël Hers, regista e sceneggiatore francese. Nato a Parigi nel 195, Hers ha studiato Produzione cinematografica a La Fémis, dove si è diplomato nel 2004. Ha mosso i primi passi come regista realizzando cortometraggi che sono stati selezionati e premiati in varie rassegne,… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
7 stelle

Nella Parigi dei nostri giorni, Sandrine (Ophélia Kolb), insegnante d’inglese, vive da single con la piccola Amanda (Isaure Multrier), la figlioletta di sette anni. Per lei, come per tante altre donne, i tempi del lavoro male si conciliano con i compiti materni, né le è facile, quando rientra in casa, lasciare dietro di sé le… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

supadany di supadany
5 stelle

Venezia 75 – Orizzonti. La felicità, almeno nella sua forma più dirompente, non arriva a comando e ha bisogno di mettere insieme un cospicuo numero di pezzi per secernere i suoi effetti rigeneranti. Una situazione talmente preziosa che può essere minata senza preavviso in un qualunque momento, letteralmente spazzata via se il destino tiene in serbo una pagina di… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2019
2019

Recensione

laulilla di laulilla
7 stelle

Nella Parigi dei nostri giorni, Sandrine (Ophélia Kolb), insegnante d’inglese, vive da single con la piccola Amanda (Isaure Multrier), la figlioletta di sette anni. Per lei, come per tante altre donne, i tempi del lavoro male si conciliano con i compiti materni, né le è facile, quando rientra in casa, lasciare dietro di sé le…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 2018 - ORIZZONTI Quel giorno d'estate.... tutto si fermò. E raccontare la verità del tragico accaduto, così come spiegare ad un bambino dove può arrivare la cattiveria ed il fanatismo dell'essere umano, è la cosa più difficile che ci possa essere...anche più difficile della sopportazione del dolore che la tragedia ha…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Uscito nelle sale italiane il 27 maggio 2019
locandina
Foto
2018
2018

Recensione

supadany di supadany
5 stelle

Venezia 75 – Orizzonti. La felicità, almeno nella sua forma più dirompente, non arriva a comando e ha bisogno di mettere insieme un cospicuo numero di pezzi per secernere i suoi effetti rigeneranti. Una situazione talmente preziosa che può essere minata senza preavviso in un qualunque momento, letteralmente spazzata via se il destino tiene in serbo una pagina di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
Vincent Lacoste, Isaure Multrier
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito