In guerra

play

Regia di Stéphane Brizé

Con Vincent Lindon Vedi cast completo

Guardalo su
  • RaiPlay
  • RakutenTv
  • RakutenTv
  • Google Play
In STREAMING

Trama

Dopo aver promesso a 1100 operai di proteggere il loro lavoro, i manager di una fabbrica decidono all'improvviso di interrompere la produzione. Laurent Amédéo, eletto portavoce, guiderà la carica dei lavoratori contro tale provvedimento.

Approfondimento

IN GUERRA: DIMENSIONE UMANA CONTRO DIMENSIONE ECONOMICA

Diretto da Stéphane Brizé e sceneggiato dallo stesso con Olivier Gorce, In guerra racconta della guerra tra gli operai e i dirigenti di una fabbrica in chiusura. Tutto ha inizio quando, nonostante i pesanti sacrifici economici da parte dei dipendenti e un profitto da record, i dirigenti della Perin, nota nel settore delle forniture automobilistiche e affiliata a una multinazionale tedesca, decidono la chiusura totale della filiale. Dopo la violazione di ogni accordo e le promesse non rispettate, i 1100 dipendenti del siti, guidati dal loro portavoce Laurent Amédéo, decidono di opporsi alla decisione e di tentare la qualsiasi pur di salvare il loro posto di lavoro.

Con la direzione della fotografia di Éric Dumont, le scenografie di Valérie Saradjian, i costumi di Anne Dunsford e le musiche originali di Bertrand BlessingIn guerra viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2018: "In guerra nasce dal desiderio di capire cosa si cela dietro le immagini dei mass media, che quasi quotidianamente diventano testimoni delle violenza che può sorgere durante i cosiddetti scontri sociali. Cosa accede prima che essa scoppi? Quale percorso porta a tale esplosione di rabbia? La rabbia che spesso vediamo è alimentata dall'umiliazione e dalla disperazione accumulate durante settimane di lotta tra forze sproporzionate. In guerra è stato pensato come un'epopea romantica che si nutre della realtà che ci circonda. Gira intorno alla descrizione di un meccanismo economico che, tipico del XXI secolo, ignora l'essere umano esasperandone la rabbia, rabbia che nella mia storia è incarnata in particolare da un rappresentante sindacale che, al di là di ogni retorica politica, ha semplicemente il bisogno di essere la voce dell'indignazione e della sofferenza dei suoi colleghi. La sua sfida è la stessa di quella degli altri 1100 dipendente: rifiutarsi di essere privato di un lavoro che consente a una società di guadagnare ancora più denaro di quanto già guadagni, dal momento che questa ha chiesto ai dipendenti di fare grossi sacrifici in cambio della difesa del loro stesso posto. Chiunque di noi abbia visto un telegiornale sa che stiamo parlando di una situazione oramai diffusa. La Perrin, l'azienda al centro della disputa, potrebbe benissimo chiamarsi Goodyear, Continental, Allia, Ecopla, Whirpool e così via, tutti casi di multinazionali i cui tagli secondo gli esperti e le analisi non nascono da difficoltà economiche effettive o da minacce per la competitività.

Si dirà che In guerra è un film politico: è vero ma lo è nel senso etimologico del termine dal momento che guarda alla vita della polis, della società. Non parla di nessun partito o sindacato in particolare: osserva semmai un sistema oggettivamente coerente dal punto di vista del mercato ma altrettanto incoerente dal punto di vista umano. Sono questi i due poli che vengono opposti: la dimensione umana e la dimensione economica, che difficilmente sembrano coesistere nel mondo di oggi. Io e Olivier Gource ci siamo documentati per comprendere a pieno le regole del gioco di questo tipo di situazione. Lavoratori, direttori delle risorse umane, dirigenti aziendali e avvocati per la difesa dei dipendenti ci hanno aiutato a comprendere meglio entrambi i punti di vista e a evitare tutti i luoghi comuni che l'argomento si porta con sé. Fondamentale è stato l'incontro con Xavier Mathieu, ex leader sindacale di Continental che ci ha raccontato come il conflitto che aveva vissuto in prima persona nel 2009 fosse stato organizzato e strutturato. Abbiamo voluto mostrare come esista un sistema economico che è servito da uomini e donne che semplicemente non perseguono gli stessi interessi e obiettivi dei dipendenti".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere In guerra è Stéphané Brizé, regista, sceneggiatore e attore francese, nato a Rennes nel 1968. Dopo un diploma universitario in elettrotecnica all'università di Valenciennes, ha avuto la possibilità di accedere a uno stage presso l'emittente televisiva France 3 Rennes, dove ha iniziato a interessarsi… Vedi tutto

Commenti (7) vedi tutti

  • In definitiva il solito Film Francese a Tema impegnato/ Impegnativo in onda da Noi ovviamente su "Rai 3" e giusto per il 1° Maggio.voto.1.

    commento di chribio1
  • ....una interminabile trattativa sindacale, come quei dibattiti pseudo-politici che vediamo in TV....tutti che rimangono della loro opinione , e non si raggiunge mai una vera sintesi. Film noioso e triste nella parte finale. Il sindacato dei lavoratori, che viene affossato dai lavoratori stessi (io ti ho creato, io ti distruggo). voto 5

    commento di ivcavicc
  • Sembra un documentario su una lotta sindacale. Non ci vedo niente di bello come film. Una pizza. E poi il titolo... la guerra è un altra cosa, ben più terribile.

    commento di corradop
  • Stephan Brizé affronta ancora il tema del lavoro e della sua precarietà nel mondo globalizzato, dopo aver fatto uscire qualche anno fa La legge del mercato (2015), con lo stesso attore di allora, Vincent Lindon, senza indugiare (lodevolmente) questa volta, però, sugli aspetti privati e patetici della vita del protagonista.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Il focus di Brizè sulle sperequazioni di un mondo del lavoro schiavo delle logiche neoliberiste e succube di una legislazione studiata su misura passa dal livello individuale a quello collettivo. Cinéma vérité che tenta di rimanere aderente alla materia trattata ma che non resiste ad un paio di soluzioni ad effetto.

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • "un sistema economico che è servito da uomini e donne che semplicemente non perseguono gli stessi interessi e obiettivi dei dipendenti". Brizè scopre l'acqua calda. C'è stato qualcuno che certe cose le aveva pensate e scritte piuttosto bene diverso tempo fa e che oggi è stato messo in soffitta.

    commento di bombo1
  • ad oggi è difficile trovare nel mondo un regista come Brizé, in grado di rappresentare in maniera così efficace una storia come questa. realistico, intenso, impressionante. Vincent Lindon giganteggia su un cast che sembra venuto fuori da un reportage giornalistico.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
8 stelle

Presentato a novembre nelle nostre sale e dalle medesime assai presto uscito, l'ho miracolosamente ripreso al volo e in lingua originale, grazie  alla breve riproposizione del cinema Massimo di Torino (Museo del Cinema).   La vicenda in breve e il film Nel cuore della Francia di oggi (Nuova Aquitania) più di mille lavoratori della Perrin, fabbrica dell'indotto automobilistico… leggi tutto

6 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

La lotta di un sindacalista contro l'annunciato licenziamento di 1100 lavoratori della sede francese di un'azienda tedesca, si scontra dapprima con la resistenza del gruppo che la controlla, poi contro quello della magistratura che la giustifica ed infine con una parte del sindacato che cede ai suoi ricatti. Quando la lotta dell'uomo sembra ormai senza speranza, un gesto eclatante… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
3 stelle

La dirigenza di uno stabilimento dell'azienda Perrin, nel quale lavorano più di 1000 dipendenti, sigla un accordo con gli operai. Questi ultimi accettano una riduzione di stipendio in cambio della promessa che non ci saranno né licenziamenti né delocalizzazioni. Infedeli all'accordo siglato nonostante l'aumento dei profitti, i dirigenti dell'azienda per tutta risposta si… leggi tutto

1 recensioni negative

2021
2021

#GlobalMovieDay 2. 0

BobtheHeat di BobtheHeat

E per celebrare questa giornata, questa sera mi riguardo "Aquarius" con la tostissima Sonia Braga: a mio avviso, uno dei personaggi femminili più belli visti al cinema (quando ancora si poteva) negli ultimi…

leggi tutto
Playlist
2020
2020

Recensione

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

La lotta di un sindacalista contro l'annunciato licenziamento di 1100 lavoratori della sede francese di un'azienda tedesca, si scontra dapprima con la resistenza del gruppo che la controlla, poi contro quello della magistratura che la giustifica ed infine con una parte del sindacato che cede ai suoi ricatti. Quando la lotta dell'uomo sembra ormai senza speranza, un gesto eclatante…

leggi tutto
2019
2019
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 12 voti
vedi tutti

Recensione

Andreotti_Ciro di Andreotti_Ciro
7 stelle

Vincent Lindon prosegue nella sua personale ricerca dal retrogusto antropologico e riguardante gli ultimi della specie. Dopo aver sondato il tema degli immigrati e quelli di un uomo che pur di lavorare è disposto a essere guardia giurata all’interno di supermercato, questa volta l’attore francese, ancora una volta diretto dal regista Stéphane Brizé, letteralmente…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

In base a degli accordi firmati tra i capi della Perrin e i rappresentanti sindacali dei lavoratori, si stabilì che la multinazionale tedesca si sarebbe impegnata a mantenere la sua sede in Francia garantendo il mantenimento del lavoro ai suoi 1100 operai qualora la produzione della fabbrica avesse mantenuto buoni livelli di produttività. Ma nonostante la produttività si sia…

leggi tutto
Recensione
Utile per 14 utenti

Recensione

logos di logos
7 stelle

Per i termi affrontati e lo stile realistico e corale il film è lodevole.   Le dinamiche sindacali e padronali, la disperazione degli operai, la lotta per mantenere il posto di lavoro, le strategie impiegate dall'uno e l'altro fronte del rapporto capitale/lavoro con l'interfaccia dello Stato nel suo volto sociale e poliziesco, ornai impotente al libero mercato della…

leggi tutto

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
7 stelle

Con questo "En Guerre", Brizé, dopo aver già trattato l'impatto sociale della perdita del lavoro con l'ottimo "La Legge Del Mercato", disseppellisce l'ascia di guerra e realizza quello che può essere considerato il film più lucido e potente sulla situazione lavorativa francese, certo, ma che tocca tutti da vicino. Un mondo globalizzato dove la legge del mercato, della…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Il mio 2018

BobtheHeat di BobtheHeat

Così, per ricordare. E in attesa di vedere altri film, vedi quello firmato da Audiard.   PS Cara ed amata Amy Adams, prima o poi la statuetta Oscar la riuscirai a vincere anche tu.   Se può…

leggi tutto
Playlist
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

Presentato a novembre nelle nostre sale e dalle medesime assai presto uscito, l'ho miracolosamente ripreso al volo e in lingua originale, grazie  alla breve riproposizione del cinema Massimo di Torino (Museo del Cinema).   La vicenda in breve e il film Nel cuore della Francia di oggi (Nuova Aquitania) più di mille lavoratori della Perrin, fabbrica dell'indotto automobilistico…

leggi tutto
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
3 stelle

La dirigenza di uno stabilimento dell'azienda Perrin, nel quale lavorano più di 1000 dipendenti, sigla un accordo con gli operai. Questi ultimi accettano una riduzione di stipendio in cambio della promessa che non ci saranno né licenziamenti né delocalizzazioni. Infedeli all'accordo siglato nonostante l'aumento dei profitti, i dirigenti dell'azienda per tutta risposta si…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito