Espandi menu
cerca
Un'estate d'amore

Regia di Ingmar Bergman vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 90
  • Post 64
  • Recensioni 4476
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Un'estate d'amore

di sasso67
6 stelle

Un’estate d’amore sembra anticipare, per certi versi, Monica e il desiderio, se non nella cornice, nel lungo flashback che occupa ininterrottamente tutta la parte centrale del film. Vi si respira la stessa aria panica, quasi di panteismo spinoziano o di atomismo democriteo: sulla riva del mare, la protagonista dice pressappoco: «vorrei esplodere e spandermi nell’aria». Cominciano ad essere presenti, comunque, alcuni degli elementi ricorrenti nel futuro cinema di Bergman, quali le fragole come espressione delle dolcezze della vita (v. Il settimo sigillo e Il posto delle fragole), il tema dell’acqua, qui inquadrata spesso a pelo, in tutta la sua calma, e gli specchi, la cui presenza non è dettata soltanto dall’ambientazione di parte del film nei camerini del teatro. L’impressione è che tutto il film sia costruito in funzione del flashback, più che sulla mediocre storia d’amore della protagonista con il giovane giornalista (Alf Kjellin), dopo la squallida relazione con lo “zio” Erland (Georg Funkquist). La differenza principale con Monica e il desiderio è, qui, la presenza di un’attrice corretta ma priva di guizzi come Maj-Britt Nilsson (1924-2006), al posto di una vera forza della natura come Harriett Andersson (1932).

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati