Espandi menu
cerca

Trama

Una giovane e problematica donna, che vive in una isolata comunità, si ritrova divisa tra la sua oppressiva famiglia e il fascino di un misterioso outsider, sospettato di una serie di brutali omicidi.

Approfondimento

BEAST: ISPIRATO ALLA VERA STORIA DI BESTIA DI JERSEY

Beast si svolge nell'isola di Jersey, i cui abitanti sono sconvolti a causa dei brutali omicidi commessi da un serial killer. E ricorda la famigerata "Bestia di Jersey", stupratore seriale che terrorizzò l'isola del Canale della Manica tra il 1960 e il 1971. La storia è il ritratto di una giovane donna di 27 anni, Moll (Jessie Buckley) che cerca di liberarsi da una famiglia e da una comunità tipicamente isolane che la soffocano sotto il peso dei loro valori conservatori. Nel suo sguardo cupo e nella sua aria caparbia, si nota fin dalla prima scena del film - le prove di un coro parrocchiale guidato da una madre (Geraldine James) austera e tirannica - tutta la frustrazione che cova dentro questa rossa dal temperamento focoso. Moll fa la guida turistica e vive ancora con i suoi, apparentemente prendendosi cura dell'anziano padre. A una festa in giardino data per il suo compleanno, va di ospite in ospite, rispettando una sorta di protocollo, eppure sembra già altrove. Mentre la giovane donna è al centro dell'attenzione, la sorella annuncia agli invitati di essere incinta. Come sollevati dal non doversi più interessare della festeggiata, gli ospiti si precipitano dalla futura madre per congratularsi con lei.

Moll scappa via dalla sua festa e va in un nightclub, ed è qui che la storia inizia realmente a giocare con l'idea che il dolore non sia poi così lontano dal piacere. Quella notte incontra Pascal (Johnny Flynn), uno sconosciuto dallo spirito libero: è come se un intero mondo si aprisse davanti ai suoi occhi e per la prima volta inizia a sentirsi davvero viva, innamorandosi perdutamente del ragazzo. Finalmente riesce a liberarsi delle catene che la tengono legata alla sua famiglia e si trasferisce a casa di Pascal. Tuttavia, quando sull'isola viene ritrovato il corpo di una ragazza, la quarta di una serie di vittime dello stesso stupratore serial killer, Pascal diventa il principale sospettato dalla famiglia di Moll e dall'intera comunità.

Moll sceglie di schierarsi dalla parte di Pascal e prende le sue difese contro la sua famiglia, contro la comunità e contro la polizia. Quando però tutti i sospetti su di lui svaniscono, Moll rimane con dei dubbi persistenti, non solo su Pascal, ma anche su sé stessa. Sola e spaventata, Moll dovrà affrontare il proprio passato per scoprire chi è davvero e di cosa è realmente capace.

Il regista Pearce è rimasto colpito dalla storia della "Bestia di Jersey", il temuto stupratore che ha terrorizzato l'isola per dieci anni negli anni '60 e si è poi interessato agli intrighi che rivelano l'orrore che si nasconde sotto la rassicurante illusione di un piccola comunità apparentemente irreprensibile: "C'era quel tizio chiamato la Bestia del Jersey il quale ha avuto un forte impatto sulla mia immaginazione infantile. Per me, il Jersey era un ambiente fiabesco e sembrava assurdo che questi crimini fossero stati commessi lì. C'era un dualismo nel fatto che l'isola era abbastanza sicura e sapere che questi crimini erano stati commessi lì. E poi ho fatto molte ricerche nella British Library su Ted Bundy, Gary Ridgway e Jeffrey Dahmer, e c’era anche Ian Huntley come fonte d’ispirazione. È stata una sorta di unione tra questi diversi casi reali e i personaggi che ho inventato personalmente. Alcune famiglie delle vittime della Bestia del Jersey sono ancora qui e non ho voluto usare la loro storia".

Segnato da questo contrasto tra ombra e luce, tra Bene e Male, l'autore si è appassionato alle storie vere di personaggi affascinati da figure mostruose. A poco a poco, Michael Pearce ha deciso di raccontare una storia dal punto di vista di una donna che potrebbe essere strettamente legata a un mostro. E ha precisato: "Per me era fondamentale che lo spettatore fosse turbato dal mistero che circondava Pascal quanto dallo stato psicologico di Moll: questa è una donna che difende coraggiosamente una persona innocente? Ha individuato in lui una parte dell'umanità che gli altri non potevano vedere? È accecata dall'amore ed è in pericolo senza saperlo? O c'è un lato oscuro molto più terribile in lei e si vendica di coloro che l'hanno molestata? Potrebbe anche la Bestia accucciarsi dentro di lei?".

Con queste premesse, Michael Pearce ha costruito la storia di una donna a metà tra due mondi, cercando di capire a che cosa appartiene. "Il film sposa esclusivamente il punto di vista di Moll, e mentre spinge lo spettatore ad affezionarsi a lei, mette anche in discussione la sua identificazione con il personaggio", ha osservato il regista. "Mi piacciono i film che stabiliscono una relazione complessa tra personaggi e spettatori. Con Beast, non volevo in alcun modo supportare questo o quel personaggio in modo fermo. Perché Moll è più un'antieroina che una damigella in pericolo".

Lavorando alla sceneggiatura, Pearce voleva renderlo più un racconto mitico che una notizia attuale. "Mi sono reso conto che questa storia sembrava una favola", ha continuato. "Questa è un'eroina apparentemente ingenua, rinchiusa in un ambiente familiare soffocante, che si avventura nei boschi e incontra un uomo che potrebbe essere il Principe Azzurro... o il Lupo Cattivo. Ho continuato a trarre ispirazione dai codici delle fiabe e ho visto la sceneggiatura come la storia di una donna che prende il potere. Quindi, se il film si confronta con diversi generi - thriller, storia d'amore, horror psicologico, melodramma familiare - e prende in prestito da tutti questi registri, è in definitiva una fiaba, tragica e oscura per gli adulti. È la storia di una giovane donna che deve affrontare diversi mostri: quelli che fanno parte della sua famiglia, quelli che si nascondono nella foresta e quelli che giacciono dormienti in lei".

"Nonostante il film non sia in costume, non volevo che desse la sensazione di essere ambientato nella contemporaneità o dare una specificità nel tempo. Volevo creare una sensazione più nostalgica e atemporale. Penso che questo tono si avvicinasse di più al contesto della favola o della fiaba, che volevo si percepisse. Quindi, ogni aspetto dell'approccio visivo, come la direzione artistica, i costumi, le lenti, la tavolozza dei colori ecc., sono stati "presi" dai miei ricordi d'infanzia. Sono cresciuto su quell'isola negli anni '80 e volevo ricreare quelle atmosfere. Con il direttore della fotografia, abbiamo collezionato tantissime foto che ci hanno aiutato a creare un universo che fosse ricco sia dal punto di vista delle atmosfere che dal punto di vista emotivo, ma che allo stesso tempo fosse semplice e incontaminato. Abbiamo provato a ricreare due mondi, la "prigione" in cui Moll si sente intrappolata, l'ambiente familiare, le sue interazioni con la polizia e la comunità, e poi l'ambiente più libero del mondo di Pascal. Uno è rigido, formale, soffocante, quindi abbiamo usato delle scenografie piuttosto geometriche e delle riprese a camera fissa, degli zoom lenti e altre composizione piuttosto formali. Mentre dall'altra parte è tutto più organico e fluido, abbiamo girato la maggior parte delle scene con camera a mano e abbiamo cercato di dare una struttura molto naturale. Abbiamo usato un approccio simile anche con il montaggio, è più serrato quando Moll è intrappolata, mentre è molto più impressionista e più sciolto mentre è con Pascal".

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (5) vedi tutti

  • peccato per una parte finale piuttosto arrovellata e in fin dei conti esagerata, in un film fino a quel punto anche fin troppo sobrio e presagibile, ma comunque ben fatto. convincenti i due protagonisti, come volti e come performance.

    commento di giovenosta
  • Dopo la bella prova nella serieTV Taboo con Thomas Hardy la giovane Jessie Buckley da una bella prova di interpretazione in questo thriller ben costruito e assolutamente da vedere.Speriamo di rivedere al piu' presto la giovane fanciulla.

    commento di angelopanzacchi
  • Tra prigionie domestiche e volontà di evasione, vincoli di sangue e fascinazione del pericolo, repressione sessuale e richiami feromonici, le ineffabili tentazioni di una silenziosa Veronica dal pelo fulvo cui l'irsuta orripilazione della selvaggina ormai in trappola scatena una tempesta ormonale che difficilmente si riesce placare.

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • Beast è un film ben fatto. Ha pieghe e anse che ti travolgono. Ben girato, con uno script valido e interpretazioni magnifiche di un’intensità rara, nonostante gli attori non siano così conosciuti; ricordiamo la protagonista Jessie Buckley con Charles palmer Rothwell.

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Le persone possono sbagliare. Non lasciare che il peso dello sbaglio ti impedisca di camminare a testa alta.

    leggi la recensione completa di champagne1
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Il legame con il solitario e ombroso Pascal, consente a Moll di affrancarsi dall'opprimente invadenza di una madre possessiva e dalle sottili vessazioni dei fratelli già sposati. Quando il ragazzo viene accusato degli omicidi seriali di alcune ragazze del posto, lei prende senza indugio le sue difese, fornendogli un alibi e proteggendolo dall'ostracismo classista della sua famiglia. Anche… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

Tetsuo35 di Tetsuo35
8 stelle

Nell'isola di Jersey una ragazza di buona famiglia ma confusa si innamora di uno sconosciuto dal passato non immacolato. Nel frattempo si susseguono i ritrovamenti dei corpi di ragazzine violentate e uccise.   In linea con quest'edizione dalla forte impronta femminile, il TFF gioca una delle sue carte migliori. Partendo da una struttura thriller-horror sullo stile di Memories of… leggi tutto

4 recensioni positive

2021
2021
Uscito nelle sale italiane il 6 settembre 2021
locandina
Foto
2018
2018

Recensione

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Il legame con il solitario e ombroso Pascal, consente a Moll di affrancarsi dall'opprimente invadenza di una madre possessiva e dalle sottili vessazioni dei fratelli già sposati. Quando il ragazzo viene accusato degli omicidi seriali di alcune ragazze del posto, lei prende senza indugio le sue difese, fornendogli un alibi e proteggendolo dall'ostracismo classista della sua famiglia. Anche…

leggi tutto
Recensione
Utile per 16 utenti

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
8 stelle

L'isola di Jersey, territorio inglese nella Manica, feudo normanno aspro e selvaggio, battuto dall'oceano e dai venti, è lo scenario ideale, quasi attore principale, di questo melodramma a tinte forti, bello, asciutto, sanguigno. Michael Pearce al suo esordio nella lunga distanza, a soli 37 anni maneggia la materia Cinema già con grande forza e abilità. Al servizio di un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
locandina
Foto
locandina
Foto
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2017
2017

Recensione

Tetsuo35 di Tetsuo35
8 stelle

Nell'isola di Jersey una ragazza di buona famiglia ma confusa si innamora di uno sconosciuto dal passato non immacolato. Nel frattempo si susseguono i ritrovamenti dei corpi di ragazzine violentate e uccise.   In linea con quest'edizione dalla forte impronta femminile, il TFF gioca una delle sue carte migliori. Partendo da una struttura thriller-horror sullo stile di Memories of…

leggi tutto
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

champagne1 di champagne1
7 stelle

Visto al TFF 35, film in concorso.   Nella natura aspra del Jersey, nelle Channel Islands, si svolge la vicenda di Moll, una ragazza che vive ancora in famiglia, fra una madre invadente e il padre con problemi di demenza. Abituata a mantenere sempre un comportamento formale, quando incontra Pascal, cacciatore di frodo così rude e selvaggio, ma anche capace di rassicurarla e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

gaiart di gaiart
8 stelle

Beast è un film ben fatto. Ha pieghe e anse che ti travolgono.   Ben girato, con uno script valido e interpretazioni magnifiche di un’intensità rara, nonostante gli attori non siano così conosciuti; ricordiamo la protagonista Jessie Buckley con Charles palmer Rothwell.     L’importanza di un casting perfetto sui protagonisti (lei, lui e la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

TFF 35 - CONCORSO TORINO 35 Moll è una 27enne rossa di capelli che, nel giorno del suo compleanno, vedendosi completamente defenesttata da ogni centro dell'attenzione, decide di abbandonate la festa ed andare a ballare. Qui incontra un ragazzo che la porta fuori all'aperto in un luogo isolato e cerca di approfittarne. La salverà da u a spiacevole avventura un giovane cacciatore…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Jessie Buckley
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito