Trama

Baker Dill è il capitano di una barca da pesca che, portando in giro turisti, conduce un'esistenza tranquilla in un'amena località tropicale chiamata Plymouth Island. la sua routine viene però interrotta il giorno in cui l'ex moglie Karen lo rintraccia per chiedergli aiuto. La donna ha bisogno di salvare lei e il loro figlio dal nuovo violento marito e per tale ragione lo invita a portarlo in mare aperto per un'escursione di pesca solo per gettarlo in mezzo agli squali e farlo morire. L'apparizione di Karen spinge Dill verso una vita che ha cercato di dimenticare, lasciando che il suo mondo venga spinto verso una nuova realtà in cui niente è come sembra.

Approfondimento

SERENITY: UN THRILLER SUL LIBERO ARBITRIO

Diretto e sceneggiato da Steven Knight, Serenity racconta la storia di Baker Dill, il capitano di una barca bimotore battezzata Serenity che in un'isola tropicale si guadagna da vivere ospitando a bordo odiosi turisti per la pesca. Le cose per lui non potrebbero andare peggio quando Serenity si ferma in un villaggio sulla spiaggia chiamato Plymouth, i cui residenti sono un po' troppo curiosi per Dill. L'unica vera compagnia di Dill è il primo ufficiale Duke, un isolano con un forte senso di responsabilità che ha accresciuto con l'età e il duro lavoro. I due insieme avrebbero potuto vivere in maniera redditizia se solo Dill non avesse trascurato i suoi clienti, dando loro la fuga dalla realtà e dallo stress che ricercano, per dedicarsi a quella che nel tempo è diventata un'ossessione: la cattura di un tonno pinna blu, che continua a sfuggirgli. Nonostante i saggi consigli di Duke, Dill affoga i suoi dispiaceri nell'alcol o tra le braccia di Constance, colei che gli offre conforto e denaro.

 

Un giorno, all'improvviso, sull'isola riappare Karen, l'ex moglie di Dill che lo ha abbandonato anni prima per un uomo facoltoso dagli affari commerciali poco chiari. Karen gli racconta che la sua vita non è stata così idilliaca come pensava, che il nuovo marito Frank le esercita violenza fisica e che è preoccupata per la sicurezza del figlio adolescente Patrick (avuto da Dill). La donna, inoltre, vuole che Dill porta Frank con sé a pesca, che lo faccia ubriacare e che lo spinga in acqua, in modo che finisca divorato dagli squali: in cambio, gli darà dieci milioni di dollari. In un primo momento, Dill rifiuta ma ben presto comincia a ripensare alla proposta. A complicare ulteriormente la situazione intervengono però la comparsa di uno strano commesso viaggiatore di nome Reid Miller e la strana sensazione che i residenti del posto conoscano più del dovuto Karen e le sue intenzioni.

 

Con la direzione della fotografia di Jess Hall, le scenografie di Andrew McAlpine, i costumi di Danny Glicker e le musiche di Benjamin Wallfisch, Serenity viene così raccontato dal regista: "L'idea per il film mi è venuta tre anni fa mentre mi trovavo a bordo di una barca da pesca. Il capitano dell'imbarcazione era un personaggio di per sé molto particolare. I pescatori sono piuttosto ossessivi riguardo alla cattura del pesce e tale caratteristica mi ha incuriosito. Ho dunque cercato di saperne di più sul capitano, sulla sua storia, su chi era, sul perché era lì e su dove era stato prima. Un anno dopo, quasi casualmente, il produttore Guy Heeley mi ha accennato del proposito di realizzare un film che, seppur in mare aperto, fosse ambientato in un contesto molto ristretto. Ed è così che è nato Serenity, che in un certo qual senso è figlio indiretto di Locke, che a sua volta era ambientato nello spazio angusto di un automobile. A prima vista, Serenity è la storia dell'ossessione di un pescatore per la cattura di un pesce ma in realtà nasconde ben altro: sono infatti molteplici i livelli di lettura e il pubblico potrà assaporarlo sia come un thriller convenzionale sia come qualcosa di diverso. Sono sempre stato interessato alle storie di brave persone che commettono gesti cattivi per una buona causa e alle storie in cui entrano in gioco la scelta e il libero arbitrio: Dill fa delle scelte ma lentamente inizierà a chiedersi se dipendono da lui o se gli vengono imposte".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Serenity è Steven Knight, sceneggiatore e regista inglese. Nato a Birmingham nel 1959, Knight ha studiato alla University College London cominciando a lavorare presto dietro le quinte del mondo dello spettacolo: era infatti il 1988 quando ha provveduto a creare il quiz, famoso in tutto il mondo, Chi vuol… Vedi tutto

Commenti (2) vedi tutti

  • Il mondo di Hollywood.

    leggi la recensione completa di kubritch
  • Pesca a piene mani dall'immaginario di Black Mirror (Bandersnatch, ma senza il bambino protagonista) con McConaughey che, per quanto pescatore positronico con le natiche al vento, ci dà dentro di brutto. La logica del racconto, e la relativa morale, mancano di un raccordo narrativo credibile...Ma quanto invecchia bene la Lane!

    commento di maurizio73
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Baker Dill si è ritrovato in qualche modo (che a dire il vero nemmeno ricorda più nei dettagli.... e scoprirà sulla sua pelle che esiste un inquietante motivo in tutto ciò), a trascorrere la propria esistenza in un paradiso tropicale chiamato Plymouth, a gestire svogliatamente una barca che accompagna i turisti a pesca di tonni, e con l'unico vero motivo per vivere… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

kubritch di kubritch
3 stelle

Tra Il mondo di Sofia ed "Il vecchio e il mare" (più che La balena bianca) in salsa pulp fiction. Durante la prima parte si ha la forte impressione che sia stato scritto da un adolescente in calore con il tipico immaginario statunitense (bulli e pupe). Ragazzini che sognano di scopare con Diane Lane. Poi, nella seconda parte arriva la motivazione narrativa, ma, la situazione resta la… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

kubritch di kubritch
3 stelle

Tra Il mondo di Sofia ed "Il vecchio e il mare" (più che La balena bianca) in salsa pulp fiction. Durante la prima parte si ha la forte impressione che sia stato scritto da un adolescente in calore con il tipico immaginario statunitense (bulli e pupe). Ragazzini che sognano di scopare con Diane Lane. Poi, nella seconda parte arriva la motivazione narrativa, ma, la situazione resta la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Baker Dill si è ritrovato in qualche modo (che a dire il vero nemmeno ricorda più nei dettagli.... e scoprirà sulla sua pelle che esiste un inquietante motivo in tutto ciò), a trascorrere la propria esistenza in un paradiso tropicale chiamato Plymouth, a gestire svogliatamente una barca che accompagna i turisti a pesca di tonni, e con l'unico vero motivo per vivere…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
2018
2018
locandina
Foto
2017
2017
Matthew McConaughey, Anne Hathaway
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito