Trama

Un ospizio incastrato in mezzo ai monti della Svizzera, circondato da un giardino vasto come un parco, è l'unico luogo di cui Anna, bambina di strada, nata da una famiglia di jenish, abbia memoria. Il luogo, ameno e sinistro al contempo, è stato riconvertito in una silenziosa clinica per anziani. Anna è un'infermiera capace ed austera. Unica compagnia della sua vita è Hans, zingaro come lei. Hans fa il giardiniere e scava senza sosta per Anna, alla ricerca di qualcosa. Il passato torna, sotto forma di una vecchia malata e dai modi gentili, Gertrud. Dentro la triangolazione Anna-Gertrud-Hans, la clinica perde i contorni attuali e torna quella che era, ricovero coatto di bambini forzosamente sottratti alle famiglie, tempio di un progetto di eugenetica capitanato proprio da Gertrud. Anna riprende con più forza la ricerca di ciò che la rende schiava di quel luogo e di un'infanzia dolorosa che non termina mai. L'unico amore di una vita, la colpa primaria: Fransiska, amica-amata di una vita è colei di cui Anna ha perso le tracce, colei che cerca, ovunque, senza sosta.

Approfondimento

DOVE CADONO LE OMBRE: VENDETTA E PERDONO

Diretto da Valentina Pedicini e sceneggiato dalla stessa con Francesca Manieri, Dove cadono le ombre racconta la storia di Anna e Hans, infermiera e suo assistente di un istituto per anziani che ha preso il posto dell'ex orfanotrofio che li ha visti prigionieri durante l'infanzia. Anna e Hans continuano a vivere come intrappolati nel tempo e nello spazio fino a quando dal loro passato non riappare Gertrud, che porta con sé tutto l'orrore e il dolore di cui è stata artefice. Con la presenza di Gertrud, l'istituto torna a essere quello che era un tempo: un ricovero per bambini jenisch sottratti alle famiglie, il tempio di un progetto di eugenetica capitanato proprio dalla donna. Anna, schiava di quel luogo e di un'infanzia dolorosa che non termina mai, riprende allora le ricerche di Franziska, l'amica amata che cerca ovunque e senza sosta.

Con la direzione della fotografia di Vladan Radovic, le scenografie di Cristina Del Zotto, i costumi di Andrea Cavalletto e le musiche di Alessandro Paolini e Stefano Grosso, Dove cadono le ombre si ispira alla vera storia della scrittrice e poetessa svizzera Mariella Mehr che, di etnia jenisch, si è ritrovata vittima da bambina e adolescente del programma eugenetico Enfants de la grand-route, promosso dal Governo svizzero e considerato una sorta di genocidio vero e proprio. Sostenendo una politica che verteva a considerare i genitori jenisch come malati di mente, il governo strappava loro i figli e li rinchiudeva in orfanotrofi, istituti psichiatrici e prigioni, in nome del miglioramento della specie umana. Attuato dal 1926 al 1974, il programma di "recupero dei bambini di strada" (così veniva elegantemente chiamato) ha coinvolto un numero imprecisato di bambini nomadi (da 600 a 2000, a seconda delle stime), costretti a sopportare traumi psicologici e spesso anche fisici insuperabili. A raccontare il progetto è la stessa regista: "Anna, deve attraversare l'abisso per recuperare la sua identità jenisch, per uscire da un incubo lungo anni. Attorno a lei, Hans il gravedigger, Gertrud matrigna e carnefice, Franziska fantasma, ossessione. Tutti prigionieri di un universo chiuso e claustrofobico. Atmosfere astratte, suoni di terra scavata e ninna nanne, corpi di vecchi, di bambini mai cresciuti. Il presente è blu, come gli occhi di Anna, come un lago dietro il quale si nasconde il nulla. Il male è bianco, come il camice di Gertrud, come le pareti dell'ala ovest, la zona delle torture. Una favola nera, una riflessione sulla vendetta e il perdono".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Dove cadono le ombre è la regista Valentina Pedicini. Diplomatasi in regia presso la scuola internazionale del documentario Zelig, la Pedicini durante gli anni scolastici realizza i documentari Pater Noster, Mio sovversivo amore e My Marlboro City, selezionati in numerosi festival internazionali. Nel 2013… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Visto oggi film interessante con un'atmosfera malata e una bella interpretazione di Federica Rosellini. Una storia originale di avvenimenti accaduti in Svizzera. Bella la fotografia, praticamente tutto In Interni claustrofobico. Voto 7

    commento di claudio1959
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
5 stelle

VENEZIA 74 - GIORNATE DEGLI AUTORI  La giovane Anna lavora come infermiera presso un austero istituto di accoglienza per anziani incastonato alle pendici di una amena valle montana della Svizzera. Quando in giorno si presenta alla reception una nuova paziente, Anna non può fare a meno di riconoscere nella donna la antica carceriera che, proprio in quelle stesse stanze, eseguiva… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Zarco di Zarco
4 stelle

Non si può fare un intero film su una tizia che lavora presso una casa di cura nascondendo chissà quali pensieri, su uno che scava in terra cercando chissà che cosa, e su una misteriosa anziana che chissà chi è e che ha fatto, il tutto nell' "allegro" contorno della vita quotidiana di tale casa di cura. E poi anche molto lentamente, con inutili indugi su… leggi tutto

1 recensioni negative

Recensione

Zarco di Zarco
4 stelle

Non si può fare un intero film su una tizia che lavora presso una casa di cura nascondendo chissà quali pensieri, su uno che scava in terra cercando chissà che cosa, e su una misteriosa anziana che chissà chi è e che ha fatto, il tutto nell' "allegro" contorno della vita quotidiana di tale casa di cura. E poi anche molto lentamente, con inutili indugi su…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Disponibile dal 20 febbraio 2018 in Dvd a 16,38€
Acquista
Il meglio del 2017
2017

Recensione

alan smithee di alan smithee
5 stelle

VENEZIA 74 - GIORNATE DEGLI AUTORI  La giovane Anna lavora come infermiera presso un austero istituto di accoglienza per anziani incastonato alle pendici di una amena valle montana della Svizzera. Quando in giorno si presenta alla reception una nuova paziente, Anna non può fare a meno di riconoscere nella donna la antica carceriera che, proprio in quelle stesse stanze, eseguiva…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Uscito nelle sale italiane il 4 settembre 2017
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito