Trama

Anthony Sadler, la Guardia Nazionale dell'Oregon Alek Skarlatos e il membro delle forze armate statunitensi Spencer Stone sono amici da tempo. Insieme condividono i problemi dell'infanzia, la ricerca del loro posto nel mondo e tutta una serie di sfortunati eventi. Le loro esistenze cambieranno per sempre la sera del 21 agosto 2015 quando sventeranno il tentato attacco terroristico sul treno Thalys #9364.

Approfondimento

ORE 15:17 - ATTACCO AL TRENO: TRE AMICI, TRE EROI

Diretto da Clint Eastwood e sceneggiato da Dorothy Blyskal, Ore 15:17 - Attacco al treno racconta la vera storia di tre uomini artefici di un coraggioso atto che li ha trasformati in eroi durante un viaggio su un treno ad alta velocità. Nel tardo pomeriggio del 21 agosto 2015 il mondo ha assistito attonito e in silenzio alle notizie dei mass media, che raccontavano di un attacco terroristico sventato sul treno Thalys n. 9364 diretto a Parigi. A impedire il folle gesto sono stati tre prodi ragazzi americani in viaggio attraverso l'Europa: Anthony Sadler, Alek Skarlatos e Spencer Stone. Le esistenze dei tre, divenuti simbolo di eroismo e speranza, vengono ripercorse dalle lotte combattute nell'infanzia fino agli eventi improbabili che hanno condotto all'attacco: a tenerli fortemente legati è uno speciale rapporto di amicizia che, come la più potente delle armi, permette loro di salvare oltre 500 passeggeri a bordo del treno.

Con la direzione della fotografia di Tom Stern, le scenografie di Kevin Ishioka, i costumi di Deborah Hopper e le musiche di Christian Jacob, Ore 15: 17 - Attacco al treno si basa sul libro di memorie scritto dai tre eroi con la collaborazione di Jeffrey E. Stern e a spiegare le ragioni della scelta di raccontarne la storia è lo stesso Eastwood: "Non scelgo consapevolmente di raccontare storie eroiche o di fare film con protagonisti gli eroi di tutti i giorni. Mi lascio semmai conquistare dalle storie che mi arrivano e che mi suscitano interesse. Alcune imprese sono eccezionali e portano benefici per tutta la società: è bello quando puoi raccontarle al grande pubblico. In Ore 15:17 - Attacco al treno si ripercorre l'incredibile ma vera storia di tre individui comunissimi che intraprendono azioni straordinarie in una delle circostanze più intense e pericolose che hanno vissuto nella loro vita. La particolarità del film sta nel fatto che ho voluto come attori protagonisti i tre uomini che la storia l'hanno vissuta in prima persona. "Hai mai pensato che la vita ti stia spingendo verso qualcosa di molto grande?", si chiede nei giorni che precedono l'attacco Spencer Stone, uno dei tre eroi inconsapevoli di cosa ha in serbo per loro il destino. In compagnia di Anthony Sadler, Stone ha lasciato Berlino per incontrare Alek Skarlatos ad Amsterdam, da dove i tre partiranno con il treno delle 15:17 per Parigi. Ciò che è accaduto a bordo del convoglio ha sconvolto il mondo e ha regalato loro la Legione d'Oro. Sono venuto a conoscenza delle loro vicende nel 2016 quando ho presentato i tre agli Spike Guy's Choice Adwards. Ho chiacchierato con loro e ho promesso di leggere il libro che stavano scrivendo una volta completato. E così è stato. Tutti conoscono grazie ai mass media cosa è successo sul treno ma nessuno conosceva la loro intera storia: Stone, Sadler e Skarlatos sono cresciuti insieme sin dall'infanzia, hanno frequentato la stessa scuola e combinato gli stessi guai, e sono fortemente legati. Il loro maggior potere è l'amicizia. Nessuno di loro è cresciuto con aspirazioni da eroe, eppure lo sono diventati. Forse anche grazie al senso di disciplina appreso, alla fede e al rapporto con le loro madri, in grado di crescerli e farli divenire bravi ragazzi".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Ore 15:17 - Attacco al treno è il regista, attore e produttore Clint Eastwood. Classe 1930, Eastwood ha vinto quattro Oscar nella sua carriera grazie a Gli spietati e Million Dollar Baby, che hanno ricevuto entrambi due statuette per miglior film e miglior regia. Innumerevoli sono invece le volte in cui… Vedi tutto

Commenti (3) vedi tutti

  • Si puo' dire tutto quello che si vuole (retorico,filo-americano),ma e' innegabile che e' diretto benissimo e i personaggi sono ben delineati....promosso,non e' miglior Eastwood,ma e' promosso.

    commento di ezio
  • Davvero deludente. Retorico, celebrativo, persino reazionario nel suo assunto. Una celebrazione dell'eroe vicina (non certo nello stile che rimane di buona fattura, ma nel senso)a quel lontano ed esecrabile "Berretti verdi" di John Wayne. Un Eastwood insomma senza ispirazione sopraffatto dal sui credo politico biecamente repubblicano.

    commento di spopola
  • Eastwood sembra voler mostrare un sistema di idee basilare che, nel migliore dei casi, partorisce comunque esseri umani votati al bene. Ovviamente, tutto il discorso critico riguardante il sistema assuefatto dalla violenza costituisce un’appendice al racconto principale.

    leggi la recensione completa di Malpaso
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

supadany di supadany
6 stelle

Nonostante il controllo globale sia sempre più espanso e tecnologicamente avanzato, c’è sempre più bisogno di eroi, non formato super, protagonisti di tanti blockbuster di successo, quanto di quelli della porta accanto, meglio ancora se per caso. Singoli individui, magari anche sotto la media per capacità, ma che nel momento opportuno decidono di intervenire, di… leggi tutto

7 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

L'eroismo che scaturisce da episodi di cronaca che vengono alla luce grazie alla spontaneità e all'eroismo di cittadini apparentemente qualunque, che scelgono di intervenire e rischiano mettendo allo sbaraglio la propria incolumità per il bene comune, sventando tragedie e catastrofi, così come attentati, è indubbiamente un evento di grande impatto epidermico sulla… leggi tutto

3 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

axe di axe
6 stelle

Nell'agosto 2015, tre ragazzi americani a bordo del treno che collega Amsterdam a Parigi sventano coraggiosamente un'azione terroristica, neutralizzando l'autore e consentendo la salvezza di tutti i passeggeri, venendo successivamente decorati con la massima onoreficenza francese per il loro eroismo. Il regista arriva a ricostruire l'evento dopo aver lungamente raccontato dei tre ragazzi, delle…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2018
2018
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti

Recensione

scapigliato di scapigliato
3 stelle

Del trittico “eroico” di Clint Eastwood iniziato con American Sniper (2014) e proseguito con Sully (2016), Attacco al treno è il più ideologico e propagandistico. Nel primo film la guerra, il militarismo, l’orgoglio militare, l’amore patrio e l’estasi della morte, incorniciano la spirale ossessiva che, inizialmente, spinge Chris Kyle ad estraniarsi…

leggi tutto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 45 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
6 stelle

Nell'estate del 2015 tre ragazzi di Sacramento, amici dall'infanzia, mentre erano in vacanza in Europa e da Amsterdam si stavano recando a Parigi, compirono un'azione eroica immobilizzando un attentatore dell'Isis che stava per compiere una strage. A partire dal loro racconto autobiografico, l'ormai ottantottenne Clint Eastwood conclude la sua trilogia dell'eroe dopo American sniper e Sully con…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

penelope68 di penelope68
6 stelle

C' è un equivoco nell ultimo film di Eastwood : si capisce solo alla fine che i tre militari eroi non sono interpretati da attori, no, sono proprio loro che recitano ( malino) e illustrano tutta la vicenda. Con questo voglio dire che noi crediamo di vedere attori insufficienti , che non coinvolgono minimamente lo spettatore coi loro dialoghi irrisori e superficiali, mentre in…

leggi tutto
Recensione

Recensione

Eric Draven di Eric Draven
5 stelle

Ore 15:17 - Attacco al treno     Opus n.36 da regista per il quasi ottantottenne Eastwood. Compirà infatti 88 primavere il prossimo, vicinissimo 31 Maggio, e improvvisamente questo diventa clamorosamente il suo film “peggiore”, massacrato dalla Critica mondiale. Un buco nell’acqua clamoroso, incomprensibile, un passo falso assolutamente inaspettato,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti

Recensione

Giuseppe_Avico di Giuseppe_Avico
7 stelle

Alla soglia degli 88 anni, già ottantotto, Clint Eastwood, uno di quei cineasti che non ha certo bisogno di troppe presentazioni, decide di portare avanti la sua personale osservazione cinematografica dell’uomo comune e dell’eroe, attraverso la peculiarità del fatto reale. Una disanima che, se vogliamo circoscriverla in tempi recenti, ha inizio con American Sniper,…

leggi tutto

Recensione

ethan di ethan
6 stelle

Il 21 agosto del 2015, sul treno Thalys diretto da Amsterdam a Parigi, in territorio francese, un terrorista armato fino ai denti tentava un attacco che si sarebbe tramutato in una carneficina se non fosse stato per il pronto intervento di tre ragazzi americani, Anthony Sadler, Spencer Stone e Alek Skarlatos, tutti militari provenienti da una vacanza in giro per l'Europa: 'Ore 15:17 - Attacco al…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito