Espandi menu
cerca
L'ultimo spettacolo

Regia di Peter Bogdanovich vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Baliverna

Baliverna

Iscritto dal 10 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 92
  • Post 4
  • Recensioni 1930
  • Playlist 26
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'ultimo spettacolo

di Baliverna
8 stelle

E' un film composto da molti personaggi, con forse un protagonista, che segue poi le loro vicende e vicenduole. E' ambientato d'inverno in un paesino sperduto fra le steppe del Texas, e la cifra che accomuna le varie storie è la precarietà e la miseria umana. Il vento, la polvere e il freddo sono metafora della condizione chi vive in quei luoghi. Quasi tutti sono malati di noia e di tristezza, e si trascinano in un'esistenza senza senso, nell'eterna attesa di qualcosa che rompa la monotonia, non importa se sia bene o male. La punta negativa appartiene alla ragazza contesa tra i due amici. E' tanto carina quanto tremenda, usa le persone, simula i sentimenti ma non ne ha, e arriva a sposarsi per capriccio e solo per dar contro ai suoi genitori. Un'altro personaggio, che è proprio una poveretta, è Ruth Gordon, la moglie dell'allenatore. Lo ha sposato perché "aveva il petto villoso"; lui non la ama e la getta fra le braccia di un ragazzo, che diventa per lei un idolo e una droga. La generazione dei padri non ha più niente da dire, e i figli sono dei qualunquisti, dei ribelli, senza però avere nient'altro in cui credere. Chi si salva un po' sono i due ragazzi e il vecchio Sam, ma sono anche loro dei frustrati e dei falliti, o destinati a diventarlo. Insomma, il microcosmo del paese texano è ritratto senza pietà, popolato com'è da un'umanità misera e disperata.
Bisogna dire che Bogdanovich conduce bene la narrazione, saltando in continuazione da un personaggio all'altro, senza però che la coesione interna ne soffra. Anche i dialoghi e i ritratti umani sono ben fatti ed efficaci. Il dialogo tra il protagonista e il vecchio Sam sulle sponde del lago è secondo me un momento di grande cinema. Altri momenti fanno un po' scuotere la testa, tanto crudele e spietato è il ritratto dei personaggi e della loro pochezza umana.
Il tutto è filmato in un bel bianco e nero, fatto soprattutto da diverse tonalità di girigio, e quasi mai dal nero. Chi cerca un film dalla trama entusiasmante, con suspense e colpi di scena, cerchi altrove. Chi ama osservare i personaggi e ascoltare dialoghi ben scritti si può accomodare.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati