Espandi menu
cerca
Rapina a Stoccolma

Regia di Robert Budreau vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 271
  • Post 174
  • Recensioni 4169
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Rapina a Stoccolma

di alan smithee
4 stelle

Nel 1973, a Stoccolma, una rapina ad una banca prende una svolta così clamorosa ed inaspettata da generare gli estremi in grado di ribattezzare con il luogo di quell'evento, la sindrome che ne viene studiata per spiegarne gli effetti ed i comportamenti: l'atteggiamento umano, comprensivo, familiare dei due rapinatori induce i pochi impiegati di banca in ostaggio a prendere le difese dei due, divenendo essi stessi parte integrante di una disputa che contenderà le forze dell'ordine con quegli strambi, umanissimi rapinatori.

Ethan Hawke, Noomi Rapace

Rapina a Stoccolma (2018): Ethan Hawke, Noomi Rapace

Ethan Hawke

Rapina a Stoccolma (2018): Ethan Hawke

Il comportamento succube dei rapiti, definito da quel momento "sindrome di Stoccolma", diverrà oggetto di studi comportamentali e vere e proprie diagnosi psicologiche approfondite, in grado di generare situazioni al limite del paradossale, ma tutt'altro che infrequenti, in cui la vittima diviene come colta da una infatuazione irresistibile nei confronti del suo aguzzino, trasformandosi da minaccia in circostanza degna di un attaccamento quasi morboso.

La vicenda, raccontata con una certa verve scanzonata fin eccessiva ad opera del regista e sceneggiatore canadese non particolarmente ispirato come Robert Budreau, permette ai protagonisti di cimentarsi in siparietti grotteschi e scanzonati che l'accanimento verso la ricostruzione scenica legata a quegli inizi ani '70, finisce per rendere sin macchinosa ed artificiale.

Thorbjørn Harr, Bea Santos

Rapina a Stoccolma (2018): Thorbjørn Harr, Bea Santos

Ethan Hawke, Mark Strong

Rapina a Stoccolma (2018): Ethan Hawke, Mark Strong

Eccessivamente sopra le righe si rivelano sia il pur bravo Ethan Hawke che il suo illustre socio Mark Strong, mentre la solita mono-espressiva e lapidaria se non catatonica Noomi Rapace si conferma, a mio esclusivo personale giudizio, una delle attrici più sopravvalutate dell'ultimo ventennio.

E il film, anzi il filmetto, un'operina debole, prevedibile e davvero poco interessante, destinata a venir presto dimenticata, a differenza della singolare sindrome che la vicenda vera invece ha permesso di elaborare e diagnosticare. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati