Espandi menu
cerca
Cuore selvaggio

Regia di David Lynch vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 263
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Cuore selvaggio

di bradipo68
8 stelle

Il fuoco cammina con Sailor e Lula.Il fuoco li arde da dentro:la passione che hanno l'uno dell'altra,il respirare l'una l'aria dell'altro,il condividere lo stesso spazio vitale.La loro è una storia d'amore totale e annichilente,di quelle che ti lasciano senza fiato,una di quelle storie larger than life.L'amore che si trasforma in unico motivo per cui cominciare e vivere la giornata.Sailor e Lula fuggono,hanno in tasca una manciata di dolalri,una decappottabile sotto al sedere e un biglietto sola andata per il Texas:hanno bisogno di spazio per vivere il loro intenso rapporto,di lontananza dalle loro radici( quelle di lei sotto forma di madre despota che assolda non uno ma addirittura due killer per prenderli) e dai propri problemi(quelli di lui che ha già passato un discreto numero di mesi in galera per aver ucciso a mani nude un uomo,per causa di lei).Una fuga in cui lo sfondo è importante come quello che c'è in primo piano.E lo sfondo è l'America sabbiosa e polverosa,quella per cui il tempo non sembra passare mai,incastrata in una dimensione altra che vive a una velocità diversa da quella del resto del mondo.Le ossessioni di Lynch che poi deflagreranno nei film successivi(e che già avevamo visto in embrione nel precedente Blue Velvet anche se è necessario tenere in considerazione la totale anarchia visiva e narrativa di Eraserhead) ci sono tutte,come rapide pennellate di un impressionista ,improvvisi flash che lacerano come rasoiate lo schermo in tutta la loro furia cromatica e in tutta la loro violenza espressiva.Così come la sua rilettura di tanti generi diversi, dal road movie pulp(di ironia sguaiata quel cane che si porta via la mano del cassiere per andarla a nasconderla chissà dove) alla struggente storia d'amore. Ma è tutto perfettamente incastonato come possono esserlo le pietre preziose in una narrazione lineare( pur nella sua stratificazione a mio parere questo è il film più intelleggibile di Lynch) come  le strade che finiscono all'orizzonte in questo parte dimenticata d'America.Il fuoco è l'elemento primigenio che illumina con le sue tonalità sature questo film che tanto impressionò Bertolucci a tal punto da conferirgli una sorprendente Palma d'Oro in quel di Cannes.E sinceramente mi pare comprensibile tutto questo entusiasmo da parte del maestro riminese perchè nel film di Lynch è ben evidenziata la carnalità istintiva di alcuni film del regista italiano.La storia d'amore e di passione tra Sailor e Lula è soprattutto una storia di desiderio mai sopito l'uno per il corpo dell'altra e viceversa,un delirio di ferormoni che rendono i loro incontri sessuali l'unico modo per liberare l'elettricità che c'è tra di loro.Cage col suo ciuffo e la Dern fasciata in un corpetto di pelle nero,gonne corte e calze trasparenti con ghirigori sono strumenti perfetti per declinare l'erotismo nel modo voluto da Lynch che dirige un film volutamente sopra le righe con personaggi grotteschi e surreali(la Rossellini nei panni della "strega" Perdita,la Ladd che intepreta la madre di Lula, oppure Willem Dafoe nella parti di un sordido bandito,la fatina vestita di rosa nel finale fiabesco,oppure anche apparizioni di pochi secondi come il nano alla stazione)che incrociano le loro esistenze con quelle di Sailor e Lula,amanti maledetti di fine millennio.Probabilmente Cage non è stato più così bravo,addirittura irresistibile quando canta Love me tender alla sua amata sui titoli di coda.Colonna sonora da collezione.

Su David Lynch

un piccolo sunto di tutto il suo cinema

Su Nicolas Cage

forse non è mia stato così bravo

Su Willem Dafoe

resta bene impresso

Su Laura Dern

ottima prova

Su Diane Ladd

incisiva

Su Harry Dean Stanton

solito personaggio viscido

Su Isabella Rossellini

la sua "strega"Perdita non si dimentica facilmente

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati