Trama

Fiona Maye è un'eminente giudice di Londra che, con saggezza e compassione, presiede numerosi e delicati casi di diritto familiare. A causa del suo lavoro, ha pagato un caro prezzo personale e il suo matrimonio con il professore americano Jack è oramai giunto alla fine. Mentre affronta le difficoltà del suo privato, Fiona si ritrova a dover seguire il caso di Adam, un brillante ragazzo che rifiuta di sottoporsi alla trasfusione di sangue che salverà la sua vita. A tre mesi dal suo diciottesimo compleanno, Adam è per la legge ancora un bambino. Dovrebbe Fiona costringerlo a vivere? Per capirlo, Fiona gli fa visita in ospedale ignorando come l'incontro sarà per entrambi foriero di nuove forti emozioni.

Approfondimento

IL VERDETTO: UN GIUDIZIO PER LA VITA

Diretto da Richard Eyre e sceneggiato da Ian McEwan, Il verdetto racconta la storia di Fiona Maye, eminente giudice dell'Alta Corte che, con un matrimonio in crisi, si ritrova ad affrontare uno dei casi più spinosi della sua carriera: è chiamata infatti a esprimersi su Adam Henry, un adolescente che rifiuta una trasfusione di sangue che potrebbe salvargli la vita. Recandosi in visita al giovane in ospedale, Fiona vedrà la sua vita cambiare profondamente riscoprendo sentimenti che credeva oramai sepolti. Allo stesso tempo, la sua presenza susciterà forti emozioni in Adam, la cui esistenza prenderà una piega diversa.

Con la direzione della fotografia di Andrew Dunn, le scenografie di Peter Francis, i costumi di Fotini Dimou e le musiche di Stephen Warbeck, Il verdetto è l'adattamento del romanzo La ballata di Adam Henry scritto da McEwan, il cui titolo fa riferimento al Children Act che, emanato nel 1989 nel Regno Unito, ha rivoluzionato le leggi sui minori (l'atto impone di anteporre il benessere dei bambini sopra ogni cosa, soprattutto nei casi in cui in famiglia esistano separazioni o rotture irrimediabili). Ricorda McEwan: "Qualche anno fa mi sono ritrovato a cena con un manipolo di giudici. Discutevano su un caso su cui erano in disaccordo quando uno dei giudici ha preso da una mensola un volume in cui erano raccolte tutte le sue sentenze. Nell'arco di un'ora quel volume mi ha del tutto rapito: le sentenze erano come racconti o novelle in cui si ritrovavano situazioni, personaggi, diversi punti di vista e simpatie inaspettate. Non si trattava di casi penali, niente di così grave: erano storie di divisioni familiari che si concentravano su aspetti di vita ordinaria come l'amore, il matrimonio, la fine di una relazione, la spartizione dei beni e l'affidamento dei figli. Tre anni dopo, lo stesso giudice mi ha raccontato di un caso con protagonista un testimone di Geova. I due diversi episodi e il Children Act mi hanno spinto a creare la storia del giudice Fiona Maye, chiamata a esprimersi sul caso di Adam Henry, un giovane testimone di Geova che, colpito da leucemia, necessita di una trasfusione di sangue, vietata dalla sua religione. Nel romanzo, ho avuto la possibilità di concentrarmi sui due personaggi descrivendo i loro rispettivi universi: da un lato, c'è una donna oramai matura che, con una carriera onorevole alle spalle, non vive un momento felice con il marito Jack, un professore americano; dall'altro lato, invece, c'è un adolescente che, grazie alla trasfusione, ha modo di scoprire per la prima volta cosa sia la libertà, la possibilità di scelta e il pensare a se stesso. Entrambi sono però accomunati da una cosa: devono affrontare scelte morali che avranno un impatto fondamentale nella vita dell'altro".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Il verdetto è Richard Eyre, regista, sceneggiatore e scrittore inglese. Nato nel 1943, Eyre ha mosso i primi passi come regista teatrale e produttore televisivo prima di interessarsi alla regia cinematografica ed esordire nel 1983 con L'ambizione di James Penfield. Lontano dai set per un lungo periodo,… Vedi tutto

Note

Da un romanzo di Ian McEwan.

Commenti (7) vedi tutti

  • Grandiosa Emma Thompson! Film da vedere, possibilmente, in lingua originale.

    commento di ZigoZagor
  • Breve odissea di una donna per cui le convinzioni e il proprio lavoro vengono prima di ogni cosa, amore compreso. Inutile e fatiscente dramma da camera.

    leggi la recensione completa di maurri 63
  • Non mi è piaciuto. Molti luoghi comuni che non si può pretendere di rendere interessanti solo grazie alla prova di una grande attrice. Da sonno.

    commento di Ittennico
  • Il film ripropone la vexata quaestio dei rapporti fra le opere letterarie e la loro trasposizione cinematografica, che diventa particolarmente interessante nel caso di quest’opera, che Ian McEwan, autore del bellissimo romanzo The Children Act (edito in Italia da Einaudi nel 2014 col titolo La ballata di Adam Henry), ha sceneggiato per il regista.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Emma Thompson è davvero splendida nel suo tentativo di rendere le contraddizioni del suo ruolo di giudice di casi dai connotati etici profondi, ma quando la sceneggura (peraltro scritta da McEwan) le propone un confronto personale e diretto con un caso, fa fatica anche lei a risollevare la storia dai toni melodrammatici che assume: 6/10

    commento di carloz5
  • E' una mia scelta vostro onore

    leggi la recensione completa di ManuelaZarattini
  • Un film rarefatto e sospeso in un’attesa che è quella della scelta, momento in cui i nodi si sciolgono e la tensione, fino alla fine inappagata, diventerà vicinanza.

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
8 stelle

La bella coppia Fiona, giudice del tribunale di Londra, cercava angosciosamente le ragioni oscure dello sfascio del proprio matrimonio ora che Jack, suo marito, le aveva confidato la delusione per la sua crescente freddezza e per il suo negarsi da troppo tempo ai rapporti sessuali, ciò che lo aveva indotto a cercarsi un’amante, nonostante si sentisse ancora molto legato a lei,… leggi tutto

6 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

diomede917 di diomede917
5 stelle

Tratto dal romanzo di Ian McEwan "La ballata di Adam Henry" da lui stesso sceneggiato The Children Act - Il verdetto è la rappresentazione dei mille dubbi che attanagliano la società odierna. Cosa è giusto o sbagliato, se è meglio agire sotto l'impulso della ragione o sotto il freddo senso delle regole che ci siamo dati. Il t...utto è sintetizzato nelle… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

maurri 63 di maurri 63
4 stelle

Seppur molti hanno saputo trasformare un piccolo testo in un grande film, sono pochi quelli possono vantare il merito di trasformare un grande script in un filmetto.   Ian Mc Ewan non è uno scrittore fortunato cinematograficamente parlando: le sue opere, a parte "Il giardino di cemento"(Andrew Birkin, 1993), infatti, scontentano spesso i suoi lettori. Non fa eccezione questo "Il… leggi tutto

2 recensioni negative

2018
2018
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 18 voti
vedi tutti

Recensione

diomede917 di diomede917
5 stelle

Tratto dal romanzo di Ian McEwan "La ballata di Adam Henry" da lui stesso sceneggiato The Children Act - Il verdetto è la rappresentazione dei mille dubbi che attanagliano la società odierna. Cosa è giusto o sbagliato, se è meglio agire sotto l'impulso della ragione o sotto il freddo senso delle regole che ci siamo dati. Il t...utto è sintetizzato nelle…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

champagne1 di champagne1
7 stelle

Nella vita di Fiona Maye, giudice dell'Alta Corte di Giustizia britannica che si occupa di minori, due vicende vanno a incrinare l'abnegazione assoluta al suo gravoso incarico: le richieste del marito Jack a riprendere una vita coniugale più degna di questo nome e la conoscenza di un adolescente, malato di leucemia, che sarà oggetto di una delle sue sentenze ...    …

leggi tutto

Recensione

maurri 63 di maurri 63
4 stelle

Seppur molti hanno saputo trasformare un piccolo testo in un grande film, sono pochi quelli possono vantare il merito di trasformare un grande script in un filmetto.   Ian Mc Ewan non è uno scrittore fortunato cinematograficamente parlando: le sue opere, a parte "Il giardino di cemento"(Andrew Birkin, 1993), infatti, scontentano spesso i suoi lettori. Non fa eccezione questo "Il…

leggi tutto

Recensione

barabbovich di barabbovich
2 stelle

Fiona Maye (Tjompson) è una giudice dell'alta corte britannica che passa tutto il suo tempo a scartabellare sui casi da discutere in tribunale. Ovvio che non trovi mai il tempo per trastullarsi un po' sotto le lenzuola con quel sant'uomo di suo marito (Tucci), che le annuncia una scappatella per procurato priapismo. Va da sé che i due, data la scarsa consuetudine al congiungimento…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 24 voti
vedi tutti

Recensione

ManuelaZarattini di ManuelaZarattini
5 stelle

Questa è la frase che Adam, il giovane malato di leucemia che rifiuta le trasfusioni, ripete a Fiona Mayer, giudice della corte suprema inglese per i minori che deve decidere se imporgliele o meno. Fiona è preparatissima nel suo lavoro, rigorosa ma giusta, rispettata da tutti con grande deferenza. E non basta: è anche sempre perfetta e elegantissima, sa suonare divinamente…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
7 stelle

Non esiste la verità vera. Quando ad essere in conflitto sono più parti, arrivare ad una conclusione che possa definirsi accettabile per più di una di queste, è impresa impossibile. Considerando che, in questo specifico caso, le tre parti in causa sono la legge, la scienza e la religione, è lecito dedurre che diventa aspra già la sola comparazione tra le…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

La bella coppia Fiona, giudice del tribunale di Londra, cercava angosciosamente le ragioni oscure dello sfascio del proprio matrimonio ora che Jack, suo marito, le aveva confidato la delusione per la sua crescente freddezza e per il suo negarsi da troppo tempo ai rapporti sessuali, ciò che lo aveva indotto a cercarsi un’amante, nonostante si sentisse ancora molto legato a lei,…

leggi tutto

Recensione

almodovariana di almodovariana
10 stelle

Semplicemente un capolavoro.  McEwan scrive la sceneggiatura per il film dall' omonimo romanzo . Emma Thompson è impagabile, perfetto mix tra alterigia e sentimento, in questo ruolo di giudice minorile. Emozionante e coinvolgente, un dramma quasi teatrale in cui tutto si svolge nei tre interni (casa, tribunale ed ospedale)in cui si dipana la vita della giudice Fiona Maye. Il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 15 ottobre 2018

Recensione

yume di yume
8 stelle

Fiona Maye (una magnifica Emma Thompson che aggiunge un altro fiore alla sua corona) è Giudice dell'Alta Corte britannica specializzata in diritto di famiglia. Ruolo di grande prestigio, presiede cause in tribunale con toga nera e facciola bianca o rossa al collo, sfila con toga rossa e parruccona in testa a Westminster con il Gotha della Supreme Court of the United Kingdom,comunica le…

leggi tutto
Recensione
Utile per 15 utenti
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

CINEMA OLTRECONFINE I casi che la vita mette dinanzi alla corte presieduta dalla eminente giudice londinese di diritto familiare Fiona Maye, divengono ogni volta casi esemplari ed arditi, oggetti di polemiche e dibattimenti civico-sociali, laddove la legge è chiamata ad esprimersi e decidere, tramite le vesti della succitata, su enigmi che la razione ed il raziocinio spesso non sono…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito