Espandi menu
cerca
Cocaine - La vera storia di White Boy Rick

Regia di Yann Demange vedi scheda film

Recensioni

L'autore

GIMON 82

GIMON 82

Iscritto dal 7 marzo 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 104
  • Post -
  • Recensioni 427
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Cocaine - La vera storia di White Boy Rick

di GIMON 82
5 stelle

il lato oscuro e degenerato dei sogni capitalistici degli anni 80 definiti sul viso di un imberbe spacciatore...tratto da una storia vera diviene un film "bello" ma irrisolto....

"Cocaine la vera storia di White Rick Boy"

Suona come ultimo titolo di una filmografia puramente yankee che negli ultimi anni ha sdoganato nelle "imprese" , ascese e cadute di outsider e personaggi ai margini,le cui vicende tra realtà e leggenda hanno riempito le cronache.Come in "Blow" , "The Wolf of wall street" oppure gli "sportivi" "Tonya" o "The Fighter" si parla di eroi (o antieroi) a stelle e strisce.Qui è il sogno capitalistico "Reaganiano" divenuto parabola discendente , attraverso le gesta criminali di un pusher sbarbatello.

Il cinema ha spesso saccheggiato a man basse in queste storie articolate in dogmi dove comanda l'archetipo della famiglia disfunzionale, che qui conferma pienamente la regola.

In una Detroit grigia e periferica degli anni 80 vengono rilette le vicende di Richard Wersh sr. e del figlio Richard Wershe jr.

Richie Merritt, Matthew McConaughey

Cocaine - La vera storia di White Boy Rick (2018): Richie Merritt, Matthew McConaughey

Siamo (quasi) dalle parti del "Cult" Blow del 2001, dove Johnny Deep cercava di non imitare lo sfigato padre.Anche qui i figli cercano di superare  padri che nella loro dignità cercano di salvare i pezzi di famiglie allo sfascio.

Il "buzzurro" Matthew Mcounaghey gigioneggia difatti molto in un ruolo di padre di famiglia che agisce al limite della legalità, pur di salvaguardare il futuro del figlio Rick e dell' inguaiata figlia tossicodipendente.Richard sr girando fiere di armi s'improvvisa un trafficante, ma dovrà fare i conti con i segugi  dell'Fbi.

Ed è qui che il film si "accende" entrando nel vivo di una narrazione che scolpisce e disegna ambienti e personaggi degradati.

Il giovane e sveglio Richard in combutta con Fbi e polizia s' improvvisa spacciatore e delatore per conto della bandiera americana.

locandina

Cocaine - La vera storia di White Boy Rick (2018): locandina

Il ragazzo agisce per salvare lo sciagurato genitore, entrando come spacciatore nelle gang dei ragazzi di colore, venendo così ribattezzato "White Rick Boy".Uno pseudonimo all' odore di leggenda che qui assume i connotati della "negritudine".Ma il ragazzo verrà proprio fregato dagli stessi agenti che lo hanno usato e manipolato a loro piacere, dopo una sparatoria nel quale rimane ferito, decide che con la complicità del padre diverrà un grosso narcotrafficante di professione.Ma come in ogni favola criminale anche il nostro "White Boy" salirà in alto per poi cadere rovinosamente in basso.

Il regista Yann Demange disegna così un ritratto veritiero di una realtà  che però cade nel facile stereotipo.E' indubbia la qualità attoriale di un McCounaghey che qui sembra divertirsi e prenderci gusto, cosi com'è bravissimo l'esordiente protagonista Richie Merret e i comprimari Bel Powley e Jennifer Jason Leigh, purtroppo vi è una certa volitività nei meccanismi della storia.

Seppur la regia descrive bene il contesto e gli ambienti, manca un certo vigore nello scorrimento di una trama  che rimane adagiata sui sentieri del rivisitato.

La storia che qui vediamo poteva prestarsi a innumerevoli chiavi di lettura, ma pur nell' incisività di ambienti dal forte impatto, tutto sembra non avere uno sviluppo narrativo.Vediamo tutto il corollario di volgarità e parolacce in uso nelle periferie, come tutte le chincaglierie e il gergo dei ragazzi di colore, ma tutto ciò funziona solo come una bella copertina, il problema è in una lettura  che  si perde nel suo voler compiacere lo spetttatore.

Un peccato anche relegare i nonni Bruce Dern e Piper Laurie ai margini della storia, di sicuro attori dallo loro incisività, in uno sviluppo narrativo più dettagliato avrebbero donato nerbo al film.

Di tutto ciò rimane l'ennesima parabola "politicamente" corretta contro droga e il razzismo, che nel voler lanciare messaggi positivi sottrae vitalità ad un film che poteva essere davvero grande...un peccato...

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati