The Post

play

Regia di Steven Spielberg

Con Meryl Streep, Tom Hanks, Alison Brie, Matthew Rhys, Bruce Greenwood, Sarah Paulson, Carrie Coon, David Cross, Tracy Letts... Vedi cast completo

In streaming
  • RaiPlay
  • Google Play
  • PS Store
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Nel mese di giugno del 1971, il New York Times, il Washington Post e gli altri principali quotidiani degli Stati Uniti prendono una coraggiosa posizione in favore della libertà di espressione, informando sui documenti del Pentagono e rivelando segreti governativi inerenti a quattro decenni di storia e presidenze americane. Katherine Graham, la prima editrice del Washington Post, e Ben Bradlee, il volatile direttore della testata, provano a ridare linfa a un quotidiano oramai in declino. Insieme, formano un'improbabile squadra chiamata a sostenere coraggiosamente la pubblicazione dei documenti e a combattere contro il tentativo senza precedenti dell'amministrazione Nixon di limitare il Primo Emendamento.

Approfondimento

THE POST: LA PUBBLICAZIONE DEI PENTAGON PAPERS

Diretto da Steven Spielberg e sceneggiato da Liz Hannah e Josh Singer, The Post racconta la vera storia dell'improbabile (fino a quel punto) collaborazione tra Katharine Graham, la prima editrice donna del quotidiano Washington Post, e del direttore Ben Bradlee, che fanno a gara con il New York Times per la pubblicazione di una serie di segreti governativi, nascosti per tre decenni da quattro diversi presidenti. Per riuscire nell'impresa, i due sono chiamati a mettere da parte le loro differenze e a rischiare le loro carriere e la loro libertà.

Con la direzione della fotografia di Janusz Kaminski, le scenografie di Rick Carter, i costumi di Ann Roth e le musiche di John Williams, The Post ripercorre i passi che hanno portato alla pubblicazione dei cosiddetti Pentagon Papers avvenuta grazie alla pragmatica collaborazione tra due differenti testate giornalistiche, il Washington Post e il New York Times. Scopo della pubblicazione dei documenti riservati fu quello di far conoscere alla nazione segreti che ben quattro Presidenti custodirono per non rompere l'equilibrio della nazione. In particolar modo, tali documenti appartenevano al Ministero della Difesa e riguardavano la strategia degli Stati Uniti in Vietnam nel periodo che va dal 1945 al 1967. Per tale pubblicazione, la pionieristica ma inesperta editrice del Washington Post, Katherine Graham, e il direttore Ben Bradlee divennero il simbolo della libertà di stampa e della deontologia professionale giornalistica: nonostante l'accusa di tradimento a cui potevano andare incontro, i due svolsero il loro lavoro abbracciando una dura battaglia per la libertà di stampa contro i leader del proprio Paese.

Gli eventi narrati in The Post ebbero luogo nel 1971, un periodo storico che il regista Steven Spielberg ha vissuto in prima persona mentre si affermava come una delle voci più eminenti del cinema americano. A suo agio con opere che raccontano di trasformazioni e transizioni storiche, Spielberg con The Post si tuffa nel mondo del giornalismo in un momento in cui il settore deve fare i conti, come tutto il mondo, con l'avanzata del potere delle donne e con l'affermarsi delle corporazioni. La storia di The Post gli fornisce inoltre modo per affrontare un dilemma senza tempo: si deve portare all'attenzione dell'opinione pubblica un grave pericolo nazionale pur sapendo che la posta in gioco è molto alta?

"Spielberg ha trasformato la storia dei Pentagon Papers in un thriller. Ha la capacità innata di rendere dinamici e contemporanei anche episodi storici lontani, trasformando la storia della pubblicazione di una notizia in un interrogativo sul senso del dovere e sull'esposizione della verità. The Post, poi, è anche qualcosa di più: mostra la storia di una donna che da casalinga si è trasformata nell'editrice di una delle più grandi testate americane, di come quattro differenti governi abbiano mentito alla nazione per vent'anni, del perché l'ex consulente militare Daniel Ellsberg abbia passato le soffiate al Times e di come il New York Times abbia maneggiato lo scoop facendosi battere sul tempo dal Washington Post", sottolineano le produttrici Amy Pascal e Kristie Macosko Krieger.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere The Post è Steven Spielberg, regista, sceneggiatore e produttore statunitense. Noto per essere il regista che ha incassato di più nella storia del cinema grazie a titoli come Lo squalo (primo titolo a superare i 100 milioni di dollari al box office), E.T. - L'extraterrestre, Indiana Jones e Jurassic… Vedi tutto

Commenti (27) vedi tutti

  • A mio avviso, è un film solido e ben recitato. Il Vietnam è una ferita ancora aperta per gli USA e questo film tratta, con punti di vista critici e problematici, il tema della libertà di stampa. Non è un capolavoro, ma è da vedere.

    commento di 0372
  • Film Socio-Politico a Tema Guerra in Vietnam che vale la pena seguire SOLO nei primi 10' in quanto il resto,risulta quasi una Foto-Copia di varie Pellicole di Protesta anni '70 con De Niro o Robert Redford (infatti qualche Attore è uscito fuori in quel periodo ...) comunque roba stantia.voto.2.

    commento di chribio1
  • Con la regia di Steven Spielberg e la partecipazione di Tom Hanks e Meryl Streep,direttore e proprietaria del Washington Post, un film sulla libertà di stampa che permetta la pubblicazione di documenti governativi sull'operato dei Presidenti in carica durante la guerra del Vietnam. Con un ritmo serrato riesce ad interessare ancora,grande la Streep

    commento di bufera
  • Se pensate sia una palla noiosa e su un argomento che chissene, sarete sorpresi come e più di me. Da riscoprire.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Da un fatto vero, Spielberg torna a raccontare un dramma politico ma soprattutto etico sui diritti e le responsabilità della stampa, con il solito impeto e la solita passione, forse anche per raccontare di un giornalismo che è stato, dovrebbe essere ma che, forse, oggi non è più.

    leggi la recensione completa di YellowBastard
  • Tra l'incipit che parte dalla fine dei 'Tre giorni del Condor' e la fine che principia dall'inizio di 'Tutti gli uomini del presidente': Spielberg rinverdisce i fasti del cinema liberal dei '70: messaggio anodino, personaggi imbolsiti ed operazione fuori tempo massimo. I successori di Nixon hanno saputo fare di molto, ma di molto peggio...

    commento di maurizio73
  • Spielberg dirige con maestria due grandi attori in un film profondamente politico che valorizza il mestiere del giornalista inteso come divulgatore di verità scomode, facendone comprendere l'importanza all'interno della società. Girato e sceneggiato benissimo, è, purtroppo, leggermente convenzionale. Voto 8.

    commento di rickdeckard
  • Ottimo film di Spielberg. Recitazione brillante, ma contenuta, dei due protagonisti Tom Hanks e Meryl Streep

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • noiosetto.. poi quei racconti di eventi passati messi a caso qua e là sono da copione di recita scolastica. un film trascurabile

    commento di shiten
  • Buon film d'impegno civile, emozionante e vibrante.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • a volte la critica e' incredibile,elogi...elogi...elogi,ma tolto una bella prova di attori il resto e' davvero pesantino,per non dire lunghino....e noiosino!!!!.6, di stima.

    commento di ezio
  • Scusate, in che senso candidato a "miglior film"?? Allora l'anno prossimo Muccino? Se questo voleva essere il testamento culturale di Spielberg, forse era meglio un necrologio. Sul Washington Post.

    leggi la recensione completa di andenko
  • Fatti noti, cronaca di cinquanta anni fa (1971), qualcosa che oggi si può definire Storia, eppure il film riesce a rendere presente quel passato e a creare attesa e, non di rado, stupore.

    leggi la recensione completa di yume
  • E’ di notevole interesse la questione dei rapporti tra potere politico e libera stampa e Spielberg dirige con affinato mestiere due grandi interpreti. Tuttavia la sceneggiatura non è particolarmente avvincente né scoppiettante ed il film non esce dai binari del convenzionale: un lavoro non innovativo rispetto ai numerosi film a tema “giornalistico”

    leggi la recensione completa di port cros
  • Sarà stata forse colpa del doppiaggio, ma io l'ho trovato un po' noiosetto.

    commento di mosez78
  • Steven Spielberg è un maestro e da tale si è comportato per questo notevolissimo film, perfetto ed equilibrato in ogni momento, dal crescendo degno di un’opera di classe, non fermandosi mai, dando ritmo perfino per una storia essenzialmente verbale e di cui sappiamo già tanto.

    leggi la recensione completa di michemar
  • classicone, prodotto di qualità, ma ovviamente già visto varie volte da Woodward-Bernstein/Redford-Pacino in poi, e quindi da vedere in originale visto che la cosa migliore sono le interpretazioni (sulla fonte Ellsberg imperdibile l'emozionante http://www.filmtv.it/film/42173/the-most-dangerous-man-in-america-daniel-ellsberg-and-the-pe/)

    commento di carloz5
  • Uno Steven Spielberg sulla scia del noto film di Alan J. Pakula del 1976 con Robert Redford e Dustin Hoffman, racconta la battaglia sulla libertà di stampa che il Washington Post, nel 1971, ha intrapreso quando è venuto in possesso di documenti scottanti sui trent'anni di rapporti poco idilliaci fra America e Vietnam.

    leggi la recensione completa di Marco Poggi
  • Troppo lungo, troppo lento, troppo scontato. Pur riconoscendo dei pregi nell'idea, nel portare alla luce qualcosa di attuale come la libertà di stampa, già 40 anni fa ed oggi in casi simili attualissima, ad esempio il nuovo Snowden, ancora perseguitato, ma molto più attraente e accattivante (Stone docet) the Post risulta banalotto e sonnecchioso.

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Splendido! Spielberg in grande forma per un bel film, recitato in modo sublime dalla coppia Streep Hanks. E in momenti come questi anche l'oggetto "media" non è secondo me per nulla causale!

    commento di mike53
  • ... mi caverei un testicolo per essere coinvolto!

    leggi la recensione completa di champagne1
  • Grande prova d'attori....ma niente di più. piuttosto monotono.....lo Spielberg che conoscevo io emozionava.....qui è solo cronaca....basta un telegiornale.

    commento di ripley2001
  • The Post è un inno alla libertà di stampa, di pensiero, di conoscenza, soprattutto quando in contrasto con gli organi di potere, quindi sovversiva.

    leggi la recensione completa di Malpaso
  • Vado controcorrente e, come accaduto per il Ponte delle spie, esco dal cinema insoddisfatto. Grandi prove attoriali, qualche momento di intensità ma nel complesso trovo il film piuttosto piatto. Però, viste le osservazioni del pubblico e della critica, devo essermi perso qualcosa.

    commento di Arpo05
  • basta leggere i seguenti cognomi SPIELBERG - HANKS - STREEP per aver detto già tutto. Qui mia recensione https://andrealeonettidivagno.com/2018/02/04/the-post-spielberg-hanks-streep/

    commento di registandre
  • Sembra ovvio consigliare la visione del film, che ha da insegnare molto anche oggi, a chi ha a cuore la democrazia, fermo restando che l’utilità di questo lavoro non lo colloca automaticamente fra le cose migliori di questo grande regista.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Riesumando l’impegno civile del cinema americano anni ’70, Steven Spielberg espone una nuova "lectio magistralis" su cinema, etica e valori. Sovrappone temi di ieri alle urgenze attuali, con un’esecuzione precisa e idee chiare. Inutile aggiungere che Meryl Streep e Tom Hanks sono un ulteriore fiore all’occhiello.

    leggi la recensione completa di supadany
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
8 stelle

«La stampa serve chi è governato, non chi governa».    Ogni individuo è chiamato quotidianamente a prendere delle decisioni, ad assumersi delle responsabilità. Paradossalmente, per quelle più banali è concesso uno spazio di riflessione, mentre il più delle volte quelle critiche richiedono un tempo di reazione praticamente nullo.… leggi tutto

26 recensioni positive

Recensioni
Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
3 stelle

Siamo nel 1971 e il Washington Post è un piccolo giornale il cui editore è una donna (Streep) che ne ha preso il comando succedendo al padre e al marito, mentre a guidarlo c'è un direttore caparbio (Hanks), nient'affatto disposto a tirarsi indietro quando di sono da pubblicare alcuni documenti top secret trafugati dal Pentagono che riguardano quasi mezzo secolo di presidenze… leggi tutto

5 recensioni negative

2020
2020
Trasmesso il 2 marzo 2020 su Rsi La1

The best of 2019 (My casa)

Gangs 87 di Gangs 87

E come ogni fine/inizio anno mi trovo a fare il bilancio dei film che ho gustato nei dodici mesi precedenti alla data di "giudizio". Ricco è stato l'anno trascorso di visioni che hanno ampliato la mia cultura e…

leggi tutto
Playlist
2019
2019
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

tobanis di tobanis
8 stelle

Non pensavo, chissà poi perchè, che questo film fosse così buono. Magari mi ero immaginato uno Spielberg minore, che chiama con sé le vecchie glorie per parlare di vecchie questioni. Una tega. Intanto Steven dirige da par suo, cioè molto bene. Ok, l’uso della colonna sonora è un tantino demodè e non mi è piaciuto molto; alcune…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

YellowBastard di YellowBastard
7 stelle

    Film che si inserisce di prepotenza all'interno del collaudatissimo (e amatissimo, soprattutto dai critici) filone che tratta dei rapporti tra gli organi del potere costituente (stato) e il cosiddetto Quarto potere (stampa), esaltandone quest'ultimo come estremo baluardo contro le manipolazioni esercitate da un'istituzione troppo spesso fedele soltanto a se stessa, The Post…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Oscar 2018 - Miglior film

Gangs 87 di Gangs 87

Con netto ritardo, di oltre un anno, sono riuscita finalmente a vedere tutte le pellicole candidate a Miglior Film nel 2018, che comprendono quindi tutte i film usciti in sala tra il 2017 e il 2018. Di seguito la mia…

leggi tutto
Playlist

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
8 stelle

Il film di Steven Spielberg che racconta i fatti politici, e non solo, che seguirono la pubblicazione da parte del The New York Times prima e del The Washington Post poi, di documenti riservati relativi alle azioni politiche e militari sulla guerra del Vietnam, possiede un duo di attori capaci di rendere appetibile anche la narrazione di fatti complessi sia da mettere su carta che da trasferire…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

Nel 1971, il famoso giornale  "New York Times", ora come allora,il più grande quotidiano Usa, pubblicò degli stralci dei cosiddetti "Pentagon Papers", uno studio secretato dal Pentagono, sulla Guerra del Vietnam, dopo che Daniel Ellsberg, economista che lavorava per il governo,lo aveva di nascosto fotocopiato ,per arricchire un archivio commissionato…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

I migliori del 2018

penelope68 di penelope68

Un anno che non ci ha regalato molti capolavori, ma lavori di grande finezza psicologica e action movie discreti . Purtroppo Roma e Sulla mia pelle non sono inseriti, perché non visibili alla moltitudine.

leggi tutto
Playlist
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

IGLI di IGLI
8 stelle

Film sulla divulgazione di documenti segreti sulla guerra del Vietnam da parte del Washington Post e New York Times. Spielberg rende la storia con tanti elementi realistici. L'ambientazione è accurata, i costumi e i personaggi tutti realistici. Addirittura nelle scene dove è inquadrato di spalle il Presidente Nixon, Spielberg ha usato la vera voce di Nixon dalle registrazione della…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito