Trama

In un piccolo e isolato villaggio inglese, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, il dottor Faraday viene chiamato a curare un mal di schiena nella vecchia tenuta di Hundreds Hall, una proprietà che conosce sin da quando era bambino perché vi lavorava la madre come domestica. La residenza appartiene a Mrs. Ayres, una vedova che vi vive con i due figli adulti, Caroline e Roddy. Gli Ayres accolgono a braccia aperte Faraday, che ben presto si interessa al mistero che aleggia intorno alla costruzione e a un malvagio fantasma.

Approfondimento

L'OSPITE: DAL ROMANZO DI SARAH WATERS

Diretto da Lenny Abrahamson e sceneggiato da Lucinda Coxon, L'ospite racconta la storia del dottor Faraday che, da modeste origini, è riuscito a costruirsi un'esistenza tranquilla e rispettabile come medico di campagna. Nel 1947, nel corso di un'estate particolarmente lunga e calda, Faraday viene chiamato al capezzale di una malata alla Hundreds Hall, residenza in cui sua madre ha svolto lavoro come domestica. La tenuta, che appartiene da più di due secoli alla famiglia Ayres, versa in cattive condizioni e i suoi residenti - la madre, il figlio e la figlia - sono perseguitati da qualche cosa che è più spaventosa del declino delle loro condizioni economiche. Faraday, entrando nella casa, non immagina né come il destino della famiglia e il suo siano legati né quale mistero terrificante si ritroverà ad affrontare.

Con la direzione della fotografia di Ole Bratt Birkeland, le scenografie di Simon Elliott, i costumi di Steven Noble e le musiche di Stephen Rennicks, L'ospite è tratto dall'omonimo romanzo  gotico della scrittrice gallese Sarah Waters, pubblicato nel 2009. "Nel marzo del 2015, subito dopo il successo di Room, avevo la possibilità di scegliere tra numerose proposte, alcune delle quali avrebbero avuto un impatto molto forte nei media. Com'è mia abitudine, trovavo però difficile levarmi dalla mente qualcosa che mi aveva affascinato: il romanzo della Waters continuava a tornarmi in mente e sentivo che dovevo dedicarmi a esso investendovi il mio tempo. La storia del romanzo si svolge in una fatiscente villa del Warwickshire negli anni Quaranta e intreccia generi e argomenti diversi tra loro. Il dottor Faraday, un medico di campagna, viene chiamato in quella che un tempo era una gloriosa residenza per occuparsi di una cameriera ma si ritrova stordito dalla vita della misteriosa famiglia di proprietari: la signora Ayres e i suoi figli Roderick, un veterano distrutto dalla guerra, e Caroline, che non ha ancora trovato marito. Apprezzato dalla critica per la sua capacità di esplorare zone d'ombra tra il soprannaturale e il patologico, il romanzo è stato scelto da Stephen King come suo libro preferito dell'anno e con la sua complessità mi ha spinto a rimettermi in gioco. Grazie a L'ospite ho potuto vivere un'esperienza unica mescolando dramma, thriller psicologico, romanticismo, terrore gotico e riflessioni sociali sull'Inghilterra del dopoguerra, sul declino dell'aristocrazia, e sulla nascita dello stato sociale. La sceneggiatrice Lucinda Coxon è riuscita a portare a termine un lavoro incredibile: il romanzo è fatto soprattutto di flashback, di eventi importanti raccontati a posteriori. Nella maggior parte dei casi, Faraday non è un testimone diretto delle cose ma Lucinda ha fatto in modo che tutto divenisse più lineare e che si potesse seguire il personaggio dall'inizio alla fine, evidenziando i momenti salienti della sua traiettoria personale", ha precisato il regista.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere L'ospite è il regista e sceneggiatore irlandese Lenny Abrahamson. Nato a Dublino nel 1966, Abrahamson ha studiato Fisica e Fisolofia al Trinity College, dove ha cominciato a girare cortometraggi con la complicità dell'amico Ed Guiney. Dopo diverse esperienza nel mondo della pubblicità, ha realizzato il… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Dramma dai tragici risvolti, ben diretto, scritto e interpretato. Una dolorosa metafora del decadimento provocato dal trascorrere degli Anni. La lussuosa dimora al centro della narrazione si avvia verso un inarrestabile declino, che coincide con quello cui vanno incontro i suoi ospiti. Anche quelli stranieri, e piccoli. Piccoli d'animo.

    leggi la recensione completa di undying
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

undying di undying
7 stelle

  Buckinghamshire, Inghilterra, 1948. Il dottor Faraday (Domhnall Gleeson) riceve una chiamata dagli Ayres di Hundreds Hall, rinomato podere nel quale sua madre ha lavorato in passato come domestica. Faraday, nel lontano 1919, da bambino entrando nella dimora ne rimase letteralmente affascinato, e il ritorno in quel luogo, risveglia in lui sogni e desideri di rivalsa sociale. Adesso,… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Alla fine del Secondo Conflitto Mondiale, un giovane medico di famiglia di nome Faraday, viene convocato a curare una giovane cameriera sofferente, presso una nobile abitazione inglese poco lontano dalla città, conosciuta come Hundreds Hall, da generazioni appartenente alla famiglia nobile degli Ayres. Per una combinazione del destino, la madre del bambino era… leggi tutto

1 recensioni negative

2018
2018

Recensione

undying di undying
7 stelle

  Buckinghamshire, Inghilterra, 1948. Il dottor Faraday (Domhnall Gleeson) riceve una chiamata dagli Ayres di Hundreds Hall, rinomato podere nel quale sua madre ha lavorato in passato come domestica. Faraday, nel lontano 1919, da bambino entrando nella dimora ne rimase letteralmente affascinato, e il ritorno in quel luogo, risveglia in lui sogni e desideri di rivalsa sociale. Adesso,…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Alla fine del Secondo Conflitto Mondiale, un giovane medico di famiglia di nome Faraday, viene convocato a curare una giovane cameriera sofferente, presso una nobile abitazione inglese poco lontano dalla città, conosciuta come Hundreds Hall, da generazioni appartenente alla famiglia nobile degli Ayres. Per una combinazione del destino, la madre del bambino era…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
locandina
Foto
locandina
Foto
Tipper Seifert-Cleveland, Oliver Zetterström
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito