Espandi menu
cerca
Don't Worry

Regia di Gus Van Sant vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 164
  • Post 6
  • Recensioni 771
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Don't Worry

di bufera
7 stelle

Versione cinematografica diretta e scritta da Gus Van Sant dell'autobiografia di John Callahann,famoso fumettista.Di una vita tutta in salita non si parla con patetismo o retorica o agiografia,ma un lieve umorismo serpeggiante rende l'opera facilmente sostenibile.magistrale prova d'attore di Joaquin Phoenix

locandina

Don't Worry (2018): locandina

 

Da un progetto iniziato 20 anni fa, nel 2018 è stata finalmente realizzata la versione cinematografica dell'autobiografia del vignettista satirico John Callahan "DON'T WORRY,HE WON'T GET FAR ON FOOT",con la regia di Gus Van Sant.Deceduto nel frattempo Robin Williams che l'aveva adocchiato per primo, il ruolo del protagonista è stato affidato a Joaquin Phoenix, iconoclasta e anarchico quasi come il suo personaggio con il quale ha molto in comune tranne l'attitudine al disegno.

 

Una vita tutta in salita che il regista e sceneggiatore racconta su diversi piani temporali sfalzati ma con un effetto di linearità narrativa che lo rende facilmente seguibile. Nato da madre irlandese che non conoscerà mai perchè lo aveva rifiutato,John viene adottato da una famiglia numerosa che lo fa sentire estraneo per cui già a 13 anni si era rifugia nell'alcool e a 21,in seguito ad un gravissmo incidente stradale, in cui il conduttore, suo compagno di bevute (Jack Black), ubriaco quanto lui.ne esce illeso, mentre John resta paraplegico.

 

 

La disabilità e la dipendenza dall'alcool potrebbero, a questo punto distruggerlo, ma lui si impegna nella sua riabilitazione psichica e fisica sotto la guida dell'anticonvenzionale guru Donnie (un egregio Jonah Hill) insieme a un piccolo gruppo di alcolisti. In questa fase    del tentativo di tornare alla vita, affiora salvifica l'attitudine al disegno che,accomunandosi ad un profondo senso dell'umorismo lo porta  a fare delle vignette caratteristiche, con un tratto ovviamente tremolante, ma efficaci nell'espressione, spesso politicamente scorretta e irriverente, su vari temi, che destano proteste e rifiuti da parte dei giornali a cui li sottopone.

,

 

Mentre impara a rinunciare all'alcool,consigliato da Donnie, John inizia un viaggio nell'anima per conoscersi e perdonare se stesso e alcuni altri,chiedendo a sua volta il perdono a chi egli aveva maltrattato.Il senso di pace che ne ricava si riflette sulle espressioni del suo volto, la conoscenza dell' assistente terapeuta Annu (una dolce e luminosa Rooney Mara) che diventa amore completa l'arricchimento della sua vita. Il successo dei suoi fumetti richiesti da molti giornali e ormai compresi e accettati dai lettori dà un senso al suo duro lavoro, come l'abilità di muoversi velocemente su una sedia a rotelle elettrica

 

Nel film non cè' patetismo,retorica o agiografia, anche nei momenti più strazianti di grave difficoltà  dovuti alla disabilità, e le figure, delineate sia da Gus Van Sant in generale che da Joaquin Phoenix in particolare, sono semplicemente umane

 

Gus Van Sant, Joaquin Phoenix

Don't Worry (2018): Gus Van Sant, Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix, Jonah Hill

Don't Worry (2018): Joaquin Phoenix, Jonah Hill

Joaquin Phoenix

Don't Worry (2018): Joaquin Phoenix

Rooney Mara

Don't Worry (2018): Rooney Mara

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati