Trama

Pierre, trent'anni, è un produttore di latte. La sua vita ruota intorno alla sua fattoria, a sua sorella e ai suoi genitori. Quando in Francia si ha il primo caso di un'epidemia, Pierre scopre che uno dei suoi animali è infetto. Non può però permettersi di perdere le sue mucche, non ha nient'altro ed è disposto a tutto per salvarle.

Approfondimento

PETIT PAYSAN - UN EROE SINGOLARE: VITA DA FATTORIA

Diretto da Hubert Charuel e sceneggiato dallo stesso con Claude Le Pape, Petit Paysan - Un eroe singolare racconta la storia di Pierre, giovane allevatore di mucche che è legato anima e corpo alla sua terra.  L'amore per le sue mucche rappresenta il pendolo della vita di Pierre, scandita dal rapporto conflittuale con la sorella, veterinaria incaricata al controllo sanitario della regione. Ma il futuro dell'azienda familiare è messo in pericolo quando un'epidemia vaccina si diffonde in Francia, finendo per colpire una delle sue mucche. Pierre sarà trascinato in un vortice di colpe e speranze, spingendosi sino ai limiti estremi della legalità pur di salvare i suoi amati animali.

Con la direzione della fotografia di Sébastien Goepfert, le scenografie di Clémence Pétiniaud, i costumi di Ariane Daurat e le musiche di Myd, Petit Paysan - Un eroe singolare viene così raccontato dal regista: "I miei genitori sono fattori, così come lo erano anche i miei nonni. La loro fattoria, in cui ho girato il film, si trova a Droyes, tra Reims e Nancy, a venti chilometri dalla città più vicina, Saint-Dizier. Hanno vissuto in prima persona la crisi dei prodotti lattiero-caseari, sperimentato il duro lavoro, affrontato investimenti e richiesto prestiti. Ci vuole molta intelligenza e lavoro per sopravvivere nel mondo dell'agricoltura, un universo che conosco bene ma che non ho mai pensato di abbracciare. Sin da ragazzo, sognavo altro ma ho sperimentato in prima persona la fatica quando nel 2008 per sei mesi, a causa di un incidente d'auto, sono stato costretto a stare vicino a mia madre e a prendermi cura della sua fattoria. Petit Paysan - Un eroe singolare parla dell'enorme pressione della vita in fattoria e della routine spesso faticosa che comporta per tutto l'anno ripetere sempre le stesse operazioni: lavorare sette giorni su sette, mungere le mucche due volte al giorno e così via. Essere contadino è come rispondere a una chiamata spirituale: ne abbracci i riti, non li metti in dubbio e li segui con perseveranza. L'idea del film è nata dopo la crisi legata al cosiddetto morbo della mucca pazza: ricordo bene la psicosi, gli allarmi e i reportage televisivi sulla malattia. Ricordo anche mia madre che mi disse che si sarebbe uccisa se una delle sue mucche fosse stata contagiata. Gli animali sono tutto per i fattori e, come racconto, gli agricoltori chiamano i veterinari più spesso di quanto si pensi per essere rassicurati sia sugli animali sia sul loro futuro. Nel caso della mucca pazza, i veterinari non sapevano cosa dire o come si trasmettesse e stavano impazzendo anche loro. Si viveva in un clima di paranoia totale. Ho buttato allora giù le prime bozze della storia, consapevole che il personaggio di Pierre sarebbe stato lo specchio di ciò che avrei potuto essere io come fattore. Poiché non volevo realizzare un'opera allarmista, ho inventato come malattia per le mucche una specie di febbre emorragica, che fa riferimento a una malattia trattabile che colpisce i vitelli e genera perdita di sangue nelle loro spalle".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Petit Paysan - Un eroe singolare è Hubert Charuel. Nato nel 1985, Charuel è cresciuto in una fattoria nell'est della Francia ma, a differenza dei genitori, ha scelto un percorso di vita differente che lo ha portato prima a studiare Letteratura e poi Cinema  a La Fémis. Petit Paysan - Un eroe singolare… Vedi tutto

Commenti (3) vedi tutti

  • Un commento su cosa? La pellicola è inesistente

    commento di EliaLevi76
  • Un epicedio che del canto funebre ha solo la cupa ritualità delle esequie.

    leggi la recensione completa di yume
  • L’esordio del regista di Hubert Charuel, un giovane francesino di 32 anni, è un “piccolo” colpo al cuore, è un miracolo di visione bucolica che viveva in lui sin da ragazzino, quando, nella fattoria dei suoi genitori apprese dai notiziari la nefasta notizia di quella malattia che fu battezzata “della mucca pazza”.

    leggi la recensione completa di michemar
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

yume di yume
5 stelle

Quando si dice i traumi infantili! Non solo ti segnano a vita ma, ed è il risvolto positivo, ti possono aprire una carriera. La “mucca pazza” fu il trauma infantile di Hubert Charuel, e la sua carriera di regista è partita col botto, tre César per un’opera prima, Pétit paysan - Un eroe singolare e tanti applausi alla Semaine de la… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

michemar di michemar
7 stelle

Più che scrivere di questo bel film bisognerebbe descrivere.     Descrivere lo sguardo, tra l’attonito, lo spaventato e il pensieroso, del protagonista Pierre. Nei suoi occhi, occhi strani, che sporgono appena fuori da quel viso (ir)regolare e triangolare, sotto ad una capigliatura che da biondo sta passando troppo precocemente all’argento, occhi che raccontano… leggi tutto

3 recensioni positive

Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

nickoftime di nickoftime
7 stelle

Tra le qualità del cinema francese c’è n’è una alquanto rara, di quelle che fanno la differenza quando si tratta di accaparrarsi i favori dello spettatore. Stiamo parlando della capacità di trasformare la complessità del reale in materia da romanzo e di saperla filmare attraverso le forme del cinema di genere. Prova ne siano, tanto per fare un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

yume di yume
5 stelle

Quando si dice i traumi infantili! Non solo ti segnano a vita ma, ed è il risvolto positivo, ti possono aprire una carriera. La “mucca pazza” fu il trauma infantile di Hubert Charuel, e la sua carriera di regista è partita col botto, tre César per un’opera prima, Pétit paysan - Un eroe singolare e tanti applausi alla Semaine de la…

leggi tutto

Recensione

michemar di michemar
7 stelle

Più che scrivere di questo bel film bisognerebbe descrivere.     Descrivere lo sguardo, tra l’attonito, lo spaventato e il pensieroso, del protagonista Pierre. Nei suoi occhi, occhi strani, che sporgono appena fuori da quel viso (ir)regolare e triangolare, sotto ad una capigliatura che da biondo sta passando troppo precocemente all’argento, occhi che raccontano…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 19 marzo 2018
locandina
Foto
Il meglio del 2017
2017

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

CANNES 70 – SEMAINE DE LA CRITIQUE – CINEMA OLTRECONFINE Pierre è un allevatore di bestiame che porta avanti la fattoria ereditata dai genitori, in pensione, ma sempre collaborativi col ragazzo, che tuttavia ha completamente in mano le redini di quel lavoro complesso e faticoso: alleva mucche da latte e la sua scrupolosa produzione risulta prima per qualità (ma non…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito