Espandi menu

cerca
La forma dell'acqua

Regia di Guillermo Del Toro vedi scheda film

Recensioni

L'autore

michemar

michemar

Iscritto dal 13 dicembre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 28
  • Post 7
  • Recensioni 322
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La forma dell'acqua

di michemar
7 stelle

In fondo l’amore è ciò che dà un significato compiuto alla propria vita, ciò che riempie i vuoti, le assenze. Che dà il senso essenziale all’esistenza. È il miracolo che trasforma le persone in esseri compatibili anche se diversi, è il miracolo che fa trasformare le ferite in branchie, per vivere per sempre con la persona che stai scegliendo.

Guillermo del Toro, fisiognomicamente simile ai suoi generosi e gentili mostri, con il suo sorrisone sornione che conquista, ci porge una bella favola, un po’ dark, un po’ gotica come le altre volte. Le sue storie preferite sono sempre, eccettuato qualche volta (vedi Pacific Rim) dolci fiabe abitate da persone cattive e persone buone, anzi genuinamente sensibili e candide, tra cui si insinuano strane creature che nell’immediato danno l’idea del mostro e che terrorizzano. Ma solo al primo sguardo. Anzi, più esattamente questa è l’impressione che suscita solo ai cattivoni delle storie, perché agli altri sembra invece un angelo benefico che arricchisce la vita terrena, persone semplici che sanno accettare la diversità di quelle creature e non le vedono come nemiche. Individui che spesso sono persone incomprese, sole, piene di bontà e fantasia.

Sì, è proprio un film sulla solitudine, quella di personaggi alla ricerca di qualcosa: vivono una vita fin troppo monotona e grigia e ciò che manca più di tutto è l’amore e perché no perfino il sesso.

 

Sally Hawkins, Doug Jones

La forma dell'acqua (2017): Sally Hawkins, Doug Jones

 

Il gotico e il dark è sommerso da una bellissima fotografia dai toni forti, come i colori pastello che dominavano il cinema degli anni ’60. Colori a loro volta dominati da varie nuances del colore principale del film, il verde. Verde è l’acqua salmastra in cui deve vivere lo strano essere anfibio, verde è il colore delle torte al lime preferite da Giles, verde son le caramelle che Richard Strickland mastica di continuo, verde è la nuova macchina che quest’ultimo compra [“No! È turchese tenue!” dice il concessionario (che poi nell’originale in verità è “carta da zucchero”)], verde è anche il colore dominante di ciò che regna nella casa della timida ma determinata Elisa.

 

Sally Hawkins, Octavia Spencer

La forma dell'acqua (2017): Sally Hawkins, Octavia Spencer

 

La vita di Elisa (quanto di sé ha questo personaggio della gentile Sally Hawkins? tantissimo!) è in fondo molto monotona: alla sveglia il bagno quotidiano, con conseguente e puntuale momento erotico self-service, qualche uovo lesso (uh1 quante uova nel bollitore in questo film! uova per tutti!), la colazione servita al vicino solitario (eccone un altro) Giles (sempre puntale il bravo Richard Jenkins) e poi una giornata dura di lavoro a fare pulizie in coppia con Zelda (una strepitosa Octavia Spencer) nei bagni di un centro di ricerche americano, dove appunto studiano questo strano essere anfibio catturato in sudamerica. Solo l’arrivo di questo animale così simile all’uomo (oh! se è simile all’uomo!!! in tutto e per tutto…) le potrà la svolta nella sua minuscola vita. Eh già, è proprio un’altra versione delle Bella e la Bestia.

 

In fondo l’amore è, lo sappiamo bene tutti, ciò che dà un significato compiuto alla propria vita, ciò che riempie i vuoti, le assenze. Che dà il senso essenziale all’esistenza. È il miracolo che trasforma le persone in esseri compatibili anche se diversi, è il miracolo che fa trasformare le ferite in branchie, è il miracolo che ti consente di vivere per sempre con la persona amata in tutti in entrambi gli ambienti.

 

Michael Shannon ormai non riesce più a liberarsi dai ruoli di cattivo, è prigioniero del suo physique du rôle, ma efficacissimo; Michael Stuhlbarg lo chiamano tutti i registi, credo lo troveremo anche al botteghino: è il jolly da giocare all’occorrenza a quanto pare.

Guillermo del Toro viaggia con il pilota automatico: sa bene cosa deve realizzare e lo fa come in un mondo incantato, dove ogni cosa fila liscia verso la realizzazione di un sogno, mentre la sua fantasia produce solo storie belle che fanno bene al cuore, nonostante la strane figure che frequenta la sua geniale inventiva.

 

Sally Hawkins, Doug Jones

La forma dell'acqua (2017): Sally Hawkins, Doug Jones

 

Una storia sull’estraneo, quindi, sull’ospite inatteso, sgradito a molti e come si fa a non andare col pensiero ai tempi che stiamo vivendo? Anche questa creatura ha sentimenti, ha affetto da donare, ha la sensibilità di ricambiare la generosità ricevuta. Come i tanti “diversi” (?) che arrivano da lontano. Film bello, molto affascinante, che procura sorrisi e malinconia nello stesso tempo, senz’altro da vedere, ma se mi toccasse votare… tra quelli visti finora voterei ancora per i mitici 3 manifesti di Ebbing.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati