Espandi menu

cerca
La forma dell'acqua

Regia di Guillermo Del Toro vedi scheda film

Recensioni

L'autore

champagne1

champagne1

Iscritto dal 18 gennaio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 39
  • Post -
  • Recensioni 770
  • Playlist 5
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La forma dell'acqua

di champagne1
7 stelle

Anche i Russi hanno sentimenti, eppure gli spariamo addosso.

La solitudine della diversità in un mondo in cui dominano le contrapposizioni, quella fra Americani e Sovietici in piena Guerra Fredda, ma anche quella fra bianchi e neri all'alba delle lotte per i diritti civili e quella fra uomini e donne, quando ancora il femminismo non era nato.

 

L'incontro del vero amore fra Eliza, la ragazza che qualcuno ha misteriosamente privato della parola tagliandole la laringe, e l'altrettanto misterioso essere anfibio catturato in un fiume dell'Amazzonia, dove era venerato come un dio, avviene nella più improbabile delle location: un laboratorio segreto da qualche parte di Baltimora, dove si studiano le contromisure nei confronti dei Sovietici che a quel tempo sembravano primeggiare nella corsa allo Spazio.

 

 

E' questo che rende il soggetto meno disneyano di quanto potrebbe inizialmente sembrare: lo sfondo da Area 51 che fa da cornice agli eventi, l'aura di protervia e di malignità incarnata dallo splendido narcisismo del colonnello Strickland e l'ironia disseminata a piene mani da Del Toro con le sue atmosfere vintage e i personaggi ben caratterizzati di perdenti di successo (il disegnatore che aborre la fotografia e per giunta è omosessuale; la Delilah, donna intelligente costretta a fare le pulizie probabilmente solo a causa del colore della sua pelle; Dimitri, la spia russa infiltrata che ama la scienza e vorrebbe scoprirne i segreti, ma viene obbligato a distruggerli per non lasciarli in mano agli americani).

 

 

Insomma un pregevole misto fra la storia di King Kong (o meglio Il Mostro della Laguna Nera) e i cromatismi de Il favoloso mondo di Amelie, che produce una storia che già sappiamo come va a finire ma di cui ci interessano forse ancora più le sottotrame e le diramazioni parallele.

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati