Espandi menu
cerca
Ava

Regia di Léa Mysius vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 295
  • Post 204
  • Recensioni 5721
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Ava

di alan smithee
6 stelle

locandina

Ava (2017): locandina

CANNES 70 - SEMAINE DE LA CRITIQUE - FRENCH FILM FESTIVAL 2018 

Arriva l'estate e la tredicenne timida Ava si reca con la madre single e la sorellina neonata in vacanza al mare in Normandia. Un ricorrente disturbo all'occhio rende noto in famiglia che la ragazza soffre di una grave degenerazione che la condurrà in breve tempo alla cecità. Un fenomeno che inizierà a manifestarsi nei momenti di buio, fino a progredire inesorabilmente anche alle fasi diurne.

Ava non si dispera come la madre, ma ne approfitta per pretendere un cane: un desiderio maturato da quando un grosso cane nero l'ha approcciata in spiaggia, interessato più che altro alle sue patatine fritte. 

Noée Abita

Ava (2017): Noée Abita

Noée Abita

Ava (2017): Noée Abita

Ava si mette in cerca del cane, che scopre essere di proprietà di un tipo losco ma attraente di cui si invaghisce.

Fuggira' con lui ferito e nascosto tra gli scogli, poi su una moto rubata, in tre (lui lei e il cagnone) con la polizia alle calcagna, fino ad inserirsi come cameriera in un matrimonio rom per recuperare il bottino del suo bel delinquente.

Ava, opera seconda della francese Lea Mysius, è una commedia che parte brillante e lieve per cambiare coraggiosamente rotta verso una descrizione coraggiosa e schietta, oltre che insolita e per nulla scontata, della sessualità incontrollata ed esplosiva da parte del mondo adolescenziale.

Noée Abita

Ava (2017): Noée Abita

Un approccio coraggioso, quello della regista, che non lesina immagini di nudo integrale anche scabrose, dando segno di personalità e carattere spiccato di chi non accetta accomodamenti, né mezze misure.

Peccato che la seconda parte il film si perda in una certa macchinosita' che affievolisce il buon ritmo accumulato nella sua concitata brillante prima parte.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati