Espandi menu
cerca
L'insulto

Regia di Ziad Doueiri vedi scheda film

Recensioni

L'autore

dollyfc

dollyfc

Iscritto dal 30 settembre 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 45
  • Post 4
  • Recensioni 134
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'insulto

di dollyfc
6 stelle

L'Insulto , considerato giustamente film d'impegno civile , rientra in quella categoria di lavori a cui non è possibile  non perdonare le piccole ingenuità e banalità in quanto effettivamente lodevole  la scelta del regista di affrontare un problema sociale alquanto spinoso ed irrisolto .

Impegno civile dunque che  nel tentativo di rendere nota al pubblico la situazione sociale nell'odierna Beirut , specie ad un profano come e come credo la maggior parte degli spettatori , riesce discretamente ; nonostante ciò credo sia  difficile per noi renderci conto dell'entità del dramma sociale vissuto dai libanesi negli anni ed il difficile rapporto con i profughi palestinesi .

 

Il film parte da un banale alterco e parrebbe degenerare nel dramma ; di fatto prende la strada della commedia .

 

Il regista non riesce a decidersi e lo spettatore lo segue confuso preso in un alternanza di battibecchi condominiali e scene di guerriglia di strada senza soluzione di continuità ; gli unici che paiono saper muoversi con destrezza  sono  i  cosidetti  "media " che come spesso succede la fanno da padrone favorendo ora l'uno ora l'altro contendente senza di fatto mai approfondire le problematiche che hanno realmente scatenato il tutto .

 

Fin qui niente di nuovo sotto il cielo , tutto il mondo è paese .

 

E' più semplice buttare benzina sul fuoco dell'odio razziale che risolvere alla radice e metter sul banco i rispettivi errori e cercare di risolverli ; è evidente come si abbia sottomano tanto materiale su cui lavorare ; purtroppo  il film è non solo irrisolto ma rischia di banalizzare l'argomento ; la continua alternanza tra scene drammatiche che entrano a gamba tesa all'interno di altre di ordinaria amministrazione condominiale o di quartiere ,  dialoghi banali che si innestano su elucubrazioni filosofiche sul dolore che tutti ci unisce , l'esaltazione della cittadinanza alimentata da estremisti che pare non rassegnarsi ad una soluzione di parte , scontri verbali tra avvocati e giudici che vorrebbero scimmiottare lo stile americano , tutto senza rendere il giusto pathos e , coerentemente con l'andamento indefinito del film , un finale talmente accomodante da risultare quasi imbarazzante nel modo in cui vengono cancellati dal contesto sia i disordini scatenatisi durante le giornate precedenti il processo che i retroscena dei protagonisti .

Riguardo gli attori l'interpretazione un poco rigida ed impostata non aiuta a migliorare il racconto

Resta , come dicevo , meritevle l'intenzione .

 

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati