La notte ha divorato il mondo

Regia di Dominique Rocher

Con Anders Danielsen Lie, Golshifteh Farahani, Denis Lavant, Sigrid Bouaziz Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Google Play
  • iTunes
  • iTunes
In STREAMING

Trama

Una mattina, al risveglio nell'appartamento dove il giorno prima si è tenuta una festa, Sam deve affrontare la realtà: è solo e le strade di Parigi sono piene di morti viventi. Terrorizzato, dovrà proteggersi e organizzarsi per continuare a sopravvivere. Tuttavia, potrebbe non essere il solo a essere scampato alla pandemia.

Approfondimento

LA NOTTE HA DIVORATO IL MONDO: SOLO CON GLI ZOMBIE

Diretto da Dominique Rocher e sceneggiato dallo stesso con Jèrémie Guez e Guillaume Lemans, La notte ha divorato il mondo racconta la storia di Sam, un giovane che si risveglia nell'appartamento dove la sera precedente c'è stata una festa caotica durante la quale ha detto addio all'ex fidanzata. Pur desiderando andare via il prima possibile, è rimasto per poter prendere la sua collezione di dischi.

Al mattino però Sam è costretto ad affrontare un'evidenza inimmaginabile: è da solo mentre le strade di Parigi sono state invase da zombie, non morti generati da una pandemia. Terrorizzato, non ha altra scelta che proteggersi e organizzarsi al meglio per continuare a vivere. Sarà davvero lui l'unico sopravvissuto? Fino a quando potrà resistere al silenzio e alla solitudine?

Con la direzione della fotografia di Jordane Chouzenoux, le scenografie di Sidney Dubois, i costumi di Caroline Spieth e le musiche di David Gubitsch, La notte ha divorato il mondo è l'adattamento di un romanzo di Pit Agarmen, come ha spiegato lo stesso regista: "All'origine del film c'è ovviamente il romanzo di Pit Agarmen, pseudonimo e anagramma che usa lo scrittore Martin Page quando vuole raccontare qualcosa di più pulp. Sono stato sedotto dal testo, dal suo tono atipico e dal mondo in cui pone la questione dell'isolamento e del rapporto con gli altri. E, soprattutto, dalla personalità di Sam, un personaggio che ama la solitudine e rasenta l'agorafobia e la misantropia.

Quando si risveglia, non è del tutto sorpreso dalla trasformazione degli umani in zombie: per lui, le persone sono sempre state come dei mostri ed è predisposto psicologicamente alla sopravvivenza. Come Robinson Crusoe trova una sorta di equilibrio nella nuova situazione, nella sua isola cittadina.

Martin Page, con cui ho voluto confrontarmi, mi ha lasciato libero di cambiare ciò che volevo, non era nelle sue intenzioni avere un adattamento letterale del suo lavoro. Per tale ragione, sono stati apportati dei cambiamenti e, poiché volevo che il suono avesse un ruolo centrale nella vicenda, il protagonista, che nel romanzo è uno scrittore, è diventato un musicista. Di lui ho voluto mettere in risalto la solitudine, quella malattia moderna così diffusa da essere condivisa da un numero considerevole di persone al mondo. Gli esseri umani tendono a isolarsi sempre più ma allo stesso tempo non vorrebbero farlo, sentendosi in colpa per rifiutare la vicinanza degli altri. Ciò porta a una sorta di guerra contro se stessi, che non trova facilmente conclusione. Tale contrasto è reso evidente anche dalla scelta di far avvenire il tutto in un quartiere della Parigi haussmanniana, dove coesistono densità urbana e solitudine individuale.

Amo il minimalismo e l'austerità della messa in scena. Trovo che tutto debba essere essenziale per dare risalto ai personaggi e al nocciolo delle questioni. Innanzitutto, ho voluto che ogni cosa fosse realistica. Perché in tutti i film gli zombie sono rumorosi? Sono privi di vita e in loro non c'è più respiro, per quale motivo emettono suoni? Perciò la mia idea è stata di renderli silenziosi; tutto ciò che è possibile sentire è il rumore delle loro ossa e della loro carne. Ho pensato che fosse più sinistro avere degli zombie silenziosi. In seguito tutto è convogliato in questa prospettiva realistica: gli zombie hanno la stessa forza che possedevano quando erano umani. Né più, né meno".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La notte ha divorato il mondo è Dominique Rocher, regista e sceneggiatore francese. Appassionato sin da giovane al cinema, ha mosso i primi passi come assistente alla regia subito dopo aver concluso gli studi. Ha anche creato una sua compagnia di produzione, la Buffalo Corp, con cui ha realizzato quattro… Vedi tutto

Commenti (7) vedi tutti

  • Di ulteriori film di zombie con protagonisti imbecilli non se ne sentiva alcuna esigenza. Senza contare le incongruenze, come la doppietta a canna lunga che utilizza all’inizio e che magicamente diventa a canne mozze con calcio pistola. Neppure i rari dialoghi (perlopiù soliloqui) lo riscattano essendo banali e puerili. Solo nel finale si nobilita.

    commento di Maciknight
  • Soddisfa i 3 requisiti che piacciono alla critica: lentezza appallante, incomprensibilità immotivata e piselli al vento. Sembra voglia fare il verso a "io sono leggenda", ma rimane un film dimenticabilissimo. E aggiungo per fortuna!

    commento di Psychomamma
  • Il tema epidemico è qui affrontato con una inusitata vena intimistica e con uno sguardo tutto rivolto alle ripercussioni psicologiche di un'esistenza che si confronta con la propria solitudine nel bel mezzo dell'apocalisse. Voto: 8 alla fine del mondo

    commento di ProfessorAbronsius
  • Discreta apologia della solitudine. Voto 6.

    commento di ezzo24
  • Il batterista sul tetto, ovvero: passano i mesi, inizia il parkour. Sparita la presenza degli affetti, svanisce il senso del tempo; ci si reinventano gli affetti, e riprende a trascorrere il tempo.

    leggi la recensione completa di mck
  • gli zombi afoni lasciano il segno nella cinematografia del genere.

    leggi la recensione completa di Mike.Wazowski
  • Tanto, sin troppo si è detto sui cosiddetti "non morti", al punto da renderci diffidenti ogni volta che si ripresenta un'occasione per tirarli in ballo. Il film di Rocher però si focalizza sulle difficoltà di gestione della solitudine,quando la sopravvivenza, in qualche modo "stabile",induce a preoccuparsi di problematiche psicologiche non primarie

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

mck di mck
7 stelle

    Prodotto da Carole Scotta (tutto Laurent Cantet, molto Bertrand Bonello, e “les Revenants”, “the Lobster” e “the Young/New Pope”) e sceneggiato dal regista, qui al suo esordio sulla lunga distanza dopo due cortometraggi, con Jérémie Guez (action/thriller) e Guillaume Lemans (molti thriller, action, horror, un Leconte e il… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Mulligan71 di Mulligan71
6 stelle

Incursione francese nel "survival horror", direttamente dalla capitale, una Parigi silenziosa e spettrale, uno dei punti di più suggestione del film. Di base c'è la solita apocalisse, di cui non si spiega nulla, succede e basta. Tutto molto semplice, da sbadiglio, solo che questa volta capita dopo un party di gggiovani bene, da cui si salva solo il tizio più solitario, che… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Zarco di Zarco
2 stelle

Recitato in inglese anche se è un film francese. Perché? Mah. Poco incisiva la resa drammatica, col protagonista, vagamente somigliante a Nanni Moretti, che si accorge che tutti sono diventati degli zombi con una sorpresa pari a che se si fosse accorto che sono un po' ubriachi. Trova un lettore mp3 e si mette ad ascoltare e canticchiare la musica, e anche a suonare una batteria.… leggi tutto

1 recensioni negative

2020
2020

Recensione

alexio350 di alexio350
7 stelle

Sam è un ragazzo che una sera si reca a casa dalla sua ex-ragazza per prendere le sue cose da portare via. C’è in corso una bella festa e l’appartamento è pieno di gente. Recatosi dentro una delle stanze, si addormenta su una poltrona. Al risveglio avrà una bruttissima sorpresa: il mondo è stato invaso da zombie che hanno già fatto una vera e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2019
2019
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

mck di mck
7 stelle

    Prodotto da Carole Scotta (tutto Laurent Cantet, molto Bertrand Bonello, e “les Revenants”, “the Lobster” e “the Young/New Pope”) e sceneggiato dal regista, qui al suo esordio sulla lunga distanza dopo due cortometraggi, con Jérémie Guez (action/thriller) e Guillaume Lemans (molti thriller, action, horror, un Leconte e il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 14 utenti
locandina
Foto

Recensione

Mike.Wazowski di Mike.Wazowski
8 stelle

Tipo Zombi: Afono e veloce quanto basta per essere fastidioso Certamente ogni film per essere interessante e originale deve aggiungere qualcosa di diverso rispetto agli altri fatti in precedenza, ed è logico che di nozioni su una possibile apocalisse zombi se ne siano immaginate molte ma qui fino a prova contraria si può dire che se ne aggiunge una nuova. Lo zombi "afono"…

leggi tutto
2018
2018

Recensione

Zarco di Zarco
2 stelle

Recitato in inglese anche se è un film francese. Perché? Mah. Poco incisiva la resa drammatica, col protagonista, vagamente somigliante a Nanni Moretti, che si accorge che tutti sono diventati degli zombi con una sorpresa pari a che se si fosse accorto che sono un po' ubriachi. Trova un lettore mp3 e si mette ad ascoltare e canticchiare la musica, e anche a suonare una batteria.…

leggi tutto

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
6 stelle

Incursione francese nel "survival horror", direttamente dalla capitale, una Parigi silenziosa e spettrale, uno dei punti di più suggestione del film. Di base c'è la solita apocalisse, di cui non si spiega nulla, succede e basta. Tutto molto semplice, da sbadiglio, solo che questa volta capita dopo un party di gggiovani bene, da cui si salva solo il tizio più solitario, che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

CINEMA OLTRECONFINE. LE PRINTEMPS DU CINEMA 2018 Sopravvivere fisicamente, ma non solo, allo sterminio da zombie. Sam partecipa controvoglia ad una festa a casa di amici nella Parigi dei giorni nostri. Presto, annoiato e stanco, si apparta in una stanza che trova vuota e chiudendosi a chiave, si addormenta. Al suo risveglio, aprendo la porta dell'appartamento, si troverà circondato da…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
2017
2017
Anders Danielsen Lie
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito