Espandi menu
cerca
Il bidone

Regia di Federico Fellini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 263
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il bidone

di bradipo68
8 stelle

Viaggio nell'Italia delle piccole truffe ai danni della povera gente.Tre truffatori,Augusto,Roberto e Picasso vivono la loro professione(organizzano truffe travestiti da preti o da impiegati che distribuiscono le case popolari) in modo diverso l'uno dall'altro:c'è quello più anziano Augusto che alle soglie dei 50 anni comincia ad avere gli scrupoli di coscienza,Roberto vive tutto sempre con una generosa dose di cinismo,Picasso,pittore, sposato nasconde tutto alla moglie e si sente mortificato quando sottrae soldi a poveri bisognosi.L'ambiente attorno a loro cambia e la banda si sfalda.Dopo una permanenza in prigione(arrestato mentre è al ristorante con la figlia) Augusto finisce con un altra banda.In un tentativo di truffa travestiti da preti Augusto dice di non avercela fatta a prendere i soldi ai contadini scelti per la truffa ma in realtà non li vuole dividere con gli altri.Viene picchiato a sangue.Finale tragico,la fine di Augusto pur nella sua retorica rimane ben impressa nella memoria così come la festa a casa del truffatore che ha fatto fortuna.Un a fotografia impietosa di un microcosmo popolato da un umanità votata alla rovina.la prima parte del film è la più efficace nella sua stringatezza e nel suo stile vicino a un certo neorealismo di tipo più edulcorato.La seconda parte invece sbanda per eccesso di retorica,per un sovraccaricare il rapporto di ognuno con la propria coscienza(in primis Augusto,ma anche Picasso la cui salvezza è più vicina grazie anche alla moglie).Un Fellini lontano dalla sua visionarietà pantagruelica ma che si distacca anche dalla poesia del film precedente,già avviato sulla strada del successo e per questo con un cast con star anche internazionali.Qui parla di un gruppo di derelitti che cercano di sopravvivere sulle disgrazie altrui,cerca di parlare di coscienza e di religione(se vi si crede),ci regala uno spaccato di un Italia all'immediata vigilia del boom economico ,un Paese che si dimostra ancora molto arretrato e credulone.Comunque un film da vedere.....

Su Federico Fellini

regia valida con alcune sequenze tra le più belle del suo cinema

Su Broderick Crawford

forse troppo hollywoodiano

Su Giulietta Masina

icona gentile

Su Richard Basehsart

ok

Su Franco Fabrizi

una maschera cinica e meschina

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati