Espandi menu
cerca
Game of Death

Regia di Sebastien Landry, Laurence "Baz" Morais vedi scheda film

Recensioni

L'autore

giurista81

giurista81

Iscritto dal 24 luglio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 27
  • Post -
  • Recensioni 1728
  • Playlist 109
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Game of Death

di giurista81
2 stelle

Ultra trash diretto dal canadese Sebastien Landry e dal connazionale Laurence Morales-Lagace. Provenienti dal mondo dei cortometraggi, i due registi uniscono le forze per dirigere e scrivere un delirio funzionale alla sola messa in scena degli effetti splatter. Teste che scoppiano, fucili che creano buchi nel corpo della vittima da cui è possibile vedere oltre, uomini sbudellati e divisi in due dopo esser stati investiti da un auto, sangue a secchiate che attinge i volti dei superstiti a ogni morte... Questo è il "buono" del film, una sorta di hardcore horror non sorretto da altro. Il soggetto è da minorati mentali. Peggio fa la sceneggiatura (dialoghi imbarazzanti). Un gruppo di giovani idioti decide di passare il tempo giocando a un gioco che si chiama Game of Death. Pur non sapendo di cosa si tratti, i partecipanti seguono le istruzioni e si trovano coinvolti in un incubo che non ha alcuna spiegazione logica. La consolle, questo è Game of Death, annuncia l'inizio della partita. Cadenzato da un countdown insistente, i partecipanti dovranno uccidere ventiquattro persone onde evitare che a ognuno di loro, a turno, scoppi la testa con grande spargimento di sangue. Non chiedetevi il perché o cosa si celi dietro al gioco... perché non c'è alcuna motivazione. Tra personaggi idioti (la donna poliziotto) e momenti  registici privi di senso (si veda la scena con i due fidanzati che, a circa metà film, si baciano per un minuto prima di dar via alla mattanza nell'ospdelae), con persino assurdi inserti che rimandano a videogiochi quali carmageddon, il film scorre verso la fine senza coinvolgere lo spettatore. Da un punto di vista tecnico e dell'immagine, ci sono alcune buone sequenze, ma per fare un film gli effetti speciali (discreti pur se in computer grafica) sono solo una componente e non l'unico ingrediente necessario. Vuoto e pericoloso, con una sorta di esaltazione dell'assassinio.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati