Espandi menu
cerca
2:22 - Il destino è già scritto

Regia di Paul Currie vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 165
  • Post 6
  • Recensioni 819
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su 2:22 - Il destino è già scritto

di bufera
7 stelle

Thriller romantico sulla fatalità della vita e la lotta per liberarsene

locandina

2:22 - Il destino è già scritto (2017): locandina

Diretto da Paul Currie e sceneggiato da Todd Sten e Nathan Parker, 2:22 - Il  destino è già scritto (2017) è un film con aspetti  forse banali e confusi che però avvince e a tratti mette in crisi lo spettatore.

 

La storia inizia con un incidente, sfatato al millimetro, tra un aereo in decollo e uno in atterraggio per la momentanea distrazione del controllore di volo Dylan, uomo di grande professionalità e attenzione, che per l'errore viene sospeso dal lavoro.Da questo momento egli comincia a notare che le sue giornate sono scandite dal replicarsi di piccoli eventi, anche banali, che si succedono fino a condurlo misteriosamente alle ore 2.22 sempre nello stesso luogo, la Grande Stazione Centrale dei treni di New York, dove la sala di accesso è dominata da un enorme orologio e vi si ripetono le stesse scene: un uomo d'affari che legge un giornale, una coppia che si bacia, sei bambini che camminano in fila,una donna incinta in piedi sotto l'orologio, Inoltre alle prime ore del giorno,vede un aereo in volo e sente dei bicchieri che si rompono e un grido di aiuto.Tutto questo appare a Dylan uno strano schema con cui il fato ha imprigionato la sua vita e indaga su come liberarsene.

 

Mentre riempie fogli e perfino vetri di calcoli e appunti da apparire quasi pazzo, egli inizia una storia d'amore con la bella Sarah, che si trovava su uno dei due aerei della mancata collisione, incontrata ad uno spettacolo, ma ancora legata in un rapporto problematico con l'ex-fidanzato Jonas, artista figurativo. In una sua installazione nella galleria d'arte dove Sarah lavora costui presenta tutto ciò che Dylan vede al punto che davanti a tutti egli accusa Jonas di averlo pedinato. In questa indagine che Dylan fa per rompere la catena di eventi che potrebbero portare a gravi incidenti, si intrufolano elementi che evocano reincarnazione,karma e altro,mandando in confusione chi segue la storia.

 

A trent'anni di distanza, alla Stazione Centrale si ripete, alle 2.22, l'incidente, riportato da vecchie cronache, in cui una coppia era rimasta uccisa,,, ma non andrà alla stessa maniera.......

 

Anche se non c'è alcuna genialità e poca creatività nel soggetto, il film, per quanto mi riguarda, prende e mantiene l'attenzione, se non altro per curiosità e ha il merito di mostrarci volti nuovi di attori veramente bravi dei quali si sente il bisogno. Michiel Huisman nella parte di Dylan è convincente ed esercita un certo fascino e anche la bellissima Teresa Palmer come Sarah si fa apprezzare

 

Michiel Huisman

2:22 - Il destino è già scritto (2017): Michiel Huisman

Michiel Huisman

2:22 - Il destino è già scritto (2017): Michiel Huisman

Teresa Palmer

2:22 - Il destino è già scritto (2017): Teresa Palmer

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati