Espandi menu

cerca
Il filo nascosto

Regia di Paul Thomas Anderson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 162
  • Post 5
  • Recensioni 701
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Il filo nascosto

di bufera
9 stelle

Negli anni 50 Londra era al centro della moda grazie a Reynolds Woodcock, creatore di abiti fastosi per tutta l'alta società ma prigioniero di ossessioni e manie in vista di una perfezione irraggiungibile. L'incontro con una giovane cameriera destabilizzerà la sua vita programmata.

locandina

Il filo nascosto (2017): locandina

 

IL FILO NASCOSTO ( Phantom Thread, 2017) è l'ultima opera di Paul Thomas Anderson, che oltre a dirigerla, ne ha scritto anche il  soggetto. Il film, ambientato a Londra negli anni '50 nel mondo della moda, si distingue per eleganza e bellezza della messinscena anche perchè descrive un personaggio che si ispira allo spagnolo Cristobal Balenciaga o a Charles James, celebri couturier di quel periodo in cui lo stilista era un sarto che oltre che creare gli abiti, si occupava anche di cucirli di persona. 

 

Reynolds Woodcock è al centro di questo mondo, vestendo nobildonne, stelle dello spettacolo e membri di famiglie reali ed è lo scapolo d’oro più ambito, mentre egli è dedito totalmente al suo lavoro, ossessionato dalla perfezione e dal controllo, privato presto da una madre il cui fantasma ogni tanto gli appare e con il quale parla  La sorella. Cyril (una splendida Lesley Manville) si occupa degli innumerevoli aspetti pratici della gestione del palazzo - sartoria, supportando nel contempo le manie e le esigenze del famoso fratello, pronta a tamponare qualuque problema. Woodcock  è interpretato dal grande Daniel Day Lewis, che si immedesima come sempre alla perfezione in questo personaggio pieno di sè fino al narcisismo, elegante e gentile specie con     le clienti ma anche con il personale, che diventa improvvisamente brusco con chiunque  qualora le sue regole non vengano rispettate.

 

L'incontro casuale con Alma ( Vicky Krieps), giovane cameriera di un locale vicino alla sua casa di campagna , porterà notevoli cambiamenti nella sua vita. Invaghitosi a prima vista di questa ragazza, in realtà piuttosto comune, tanto da considerarla la donna che cercava da sempre, per il suo corpo e la resistenza a stare in piedi mentre le prende le misure, ne farà la sua prima collaboratrice, la sua musa e poi amante, ma sempre seguendo la sue regole, pena  scontri in cui lei dimostra determinazione e carattere. A momenti di grave tensione si alternano momenti di serenità, ma tra i due c'è una sorta di sfida quasi un duello, per  la possessività della figura femminile che vorrebbe inerme e indifeso l’oggetto del suo amore  che non si lascia mai andare...Il racconto diventa sempre più ambiguo e intrigante perchè il punto che ad Anderson interessa esplorare non è l’evoluzione che potrebbe vericarsi in questo anomalo rapporto ma la determinazione di Alma a non desistere mai nemmeno di fronte a evidenze negative, pur di averlo tutto per lei anche a costo di fare del male....

 

L’incrocio di sguardi, i silenzi più eloquenti delle parole, la perfezione delle geometrie estetiche, gli ambienti ricostruiti alla maniera dell’epoca persino nell’ atmosfera che vi si respirava, gli abiti fastosi per le grandi occasioni, di complessa fattura con tessuti pesanti, arricchiti da preziosi merletti, la insuperabile tecnica delle riprese, con il piano sequenza controluce nel quale Reynols sembra capitolare ....tutto ci spinge a vedere e rivedere questo film, meraviglia per gli occhi, inquietante nella trama, che può infiltrarsi nella mente dello spettatore nel suo aspetto ossessivo e ambiguo senza però emozionare più di tanto.

 

Splendida la fotografia curata dallo stesso Anderson e la colonna sonora di Jonny Greenwood  che che si mescola con brani di Debussy, Brahms, Berlioz e Schubert ( il piano trio n°2 nel primo movimento) nei momenti più significativi..

 Le numerose citazioni, da Hitchcock a Kubrick, non ne intaccano l'originalità.

 

Daniel Day-Lewis, Lesley Manville

Il filo nascosto (2017): Daniel Day-Lewis, Lesley Manville

Vicky Krieps, Daniel Day-Lewis

Il filo nascosto (2017): Vicky Krieps, Daniel Day-Lewis

Vicky Krieps, Daniel Day-Lewis

Il filo nascosto (2017): Vicky Krieps, Daniel Day-Lewis

Vicky Krieps, Daniel Day-Lewis

Il filo nascosto (2017): Vicky Krieps, Daniel Day-Lewis

Daniel Day-Lewis, Vicky Krieps

Il filo nascosto (2017): Daniel Day-Lewis, Vicky Krieps

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati